Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...
Scrittura come cura...
DOLCI CAREZZE...
Occhi...
LEGGEREZZA...
TRA LUCE // E // OS...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

UNA SCELTA DEL PROTAGONISTA

Le istruzioni sono:

Il personaggio principale si trova a un bivio, deve scegliere una strada da percorrere. Quali saranno le conseguenze? Scrivete un racconto in cui emerga il conflitto interiore conseguente alla scelta.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



UNA SCELTA PER CAMBIARE IL FUTURO

L’ultima volta che mi liberai con un pianto dirotto della mia angoscia, riuscii ad essere più obiettiva. Come una stupida avevo chiuso la porta non solo all’amore ma anche al mio cuore…ma lui batteva e avrebbe continuato ad insistere finchè non avessi aperto almeno uno spiraglio per farlo uscire e rincorrere quell’amore che avevo allontanato dalla mia vita. Il mio lui abitava ancora all’ultimo piano del mio palazzo ed anche se aveva incassato a suo tempo un mio rifiuto non smetteva di essere gentile. A volte era imbarazzante incontrarlo nell’atrio del portone, io abbassavo lo sguardo ma non mi sfuggiva il suo sorriso dolce, comprensivo. La solitudine è molto pesante, ad una certa età lo diventa ancora di più, non si combatte per l’amore ci si accontenta, non si vuole rischiare di restare feriti. E’ più facile limitare i desideri che fare una scelta…nel mio intimo avevo già deciso che non dovevo perdere quell’occasione, l’amore mi cercava i miei sentimenti avevano ripreso a lottare con la data anagrafica stampata sulla mia patente. Ogni remora sparì quando dei vecchi amici parlando di lui accennarono ad una sua malattia, una tristezza infinita mi contagiò talmente da sentirmi male. Avevo in me tanto amore da potergli donare che una scelta s’imponeva non potevo più aspettare. Lo stimavo molto e capivo che non avrebbe fatto lo stesso invito d’un tempo, spettava a me l’iniziativa dovevo fargli capire che ero cambiata e che ero profondamente innamorata di lui. Lasciai uno spiraglio al cuore che mi dettò un biglietto, il contenuto erano parole dolcissime, dove l’anima si apriva facendo capire che non avevo più paura e che lo amavo. In gran segreto salii al suo piano e davanti alla sua porta in tutta fretta infilai il biglietto che scivolò nella fessura. Al mattino ero emozionatissima, uscii e rientrai a casa diverse volte nella speranza d’incontrarlo ma niente. Ci furono altri biglietti infilati sotto la porta, ma tutti senza risposta, mi vennero tante idee strane per la testa…forse di me non ne voleva più sapere o lo avevo offeso a tal punto di frenare ogni suo tentativo di approccio. Piombai nello sconforto, passava il tempo e non sapevo più niente di lui, il mio dolore era pari al senso di umiliazione che provavo. Preoccupata chiesi alla portiera perchè al nono piano le finestre erano chiuse, lei tranquilla mi rispose che il proprietario era fuori città. Mi rasserenai c’era ancora speranza. Due giorni dopo al mattino suonò il campanello di casa, aperta la porta un mazzo di rose rosse con due gambe fecero il loro ingresso, mentre dal corridoio un intenso profumo di caffè ci avvolse. “Che buon aroma….”e la sua figura si fece spazio tra le rose sorridendo con la sua calda voce mi chiese :- Posso farti compagnia?!. Oltre ai fiori mi consegnò legati con un nastrino rosso i biglietti galeotti aggiungendo con parole sue che non avrei dovuto più scriverne perche avremmo vissuto da oggi sempre insieme sostituendo quella missiva con teneri baci. Le scelte sono spesso promesse, impegni e vanno fatte con calma e convinzione, la mia fù liberatrice da tabù e conflitti esistenziali. Ci abbracciammo ormai certi che la vita era ancora generosa con noi!



Mirella Narducci




Share |


Scrittura creativa scritta il 19/09/2016 - 00:23
Da mirella narducci
Letta n.337 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


ILARIA....la mia vita ha senso solo se la rendo semplice...così i miei scritti. Ti ringrazio per la tua approvazione Ciao

mirella narducci 20/09/2016 - 22:35

--------------------------------------

Semplicemente pulita e bella! Complimenti !

Ilaria Romiti 20/09/2016 - 10:27

--------------------------------------

MARIROSA. ...grazie per le stelle,il mio cielo ora risplende di più, merito di voi tutti che me ne fate dono. Felice notte

mirella narducci 19/09/2016 - 22:11

--------------------------------------

5* per una scrittura molto dolce e romantica.

Marirosa Tomaselli 19/09/2016 - 20:40

--------------------------------------

MARY...Condivido il tuo pensiero
W L'AMORE

mirella narducci 19/09/2016 - 17:22

--------------------------------------

LUPO....grazie anche a te, sono felice che ti sia piaciuta. Se a volte ti chiamo lupaccio è solo per affetto, ti aspetto sempre nella mia pagina ciao alla prossima

mirella narducci 19/09/2016 - 17:19

--------------------------------------

Carissima Mirella, racconto scritto benissimo e con quella magica suspense . Meno male che alla fine si è presentato con un mazzo di rose, condividendo anche il suo amore .
Vedi tanti oggi hanno paura di esprimere i loro sentimenti, ma quando trovano il coraggio e poi vengono ricambiati è favoloso w l'amore un bacio brava

Mary L 19/09/2016 - 17:18

--------------------------------------

mi è piaciuta molto poi infondo ti è andata bene dai 5*

POETA DELL'AMORE LUPO DELL'AMI 19/09/2016 - 16:57

--------------------------------------

ANTONIO...finalmente qualcuno che mi tiene d'occhio....sei un amore ho bisogno di incoraggiamenti ho sempre pensato di non riuscire a scrivere racconti perche troppo impegnativi, infatti se hai notato non mi dilungo molto ho paura di perdermi il filo della storia.Io continuo ad esercitarmi anche perche ora ho un fan come te Grazie ciao

mirella narducci 19/09/2016 - 16:34

--------------------------------------

Cara mirella è da un pò che ti tengo d'occhio cioè tengo d'occhio le tue poesie che trovo veramente ben costruite e belle pregne di significato e di ricerca.Ti trovo interessante anche nella prosa come dimostra questo bel racconto.Brava.

antonio girardi 19/09/2016 - 14:07

--------------------------------------

ROCCO..... sei sempre il primo a spronarmi in questa mia avventura, dove provo a scrivere novelle e non solo poesie, grazie di cuore ...

mirella narducci 19/09/2016 - 12:24

--------------------------------------

Una scelta... un racconto... un eccezionale sviluppo del tema preposto.
Sempre chiara e... scorrevole Mirella.
Superlativo l'osservare in chiusa.
Sereno giorno.
*****

Rocco Michele LETTINI 19/09/2016 - 12:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?