Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT

Le istruzioni sono:

Da questo incipit scrivi un racconto breve: "La bottiglia venne lanciata in acqua in una calda serata estiva, poche ore prima che incominciasse a piovere"


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Enrica

"La bottiglia venne lanciata in acqua in una calda serata estiva, poche ore prima che incominciasse a piovere.” Solitaria e silenziosa la bottiglia galleggiava sull’onda lunga che quasi la cullava. La corrente lentamente l’allontanava … Enrica, non poteva credere d’essere arrivata a quel punto .. gettare così, i suoi pensieri su un foglio ... aveva iniziato per noia a disegnare, piccoli cerchi concentrici che formavano spirali ...quasi ossessivamente uno dentro l’altro ... imprigionati l’uno nell’altro, come nodi di matasse deformi a testimoniare il male dentro, gli inceppi, le rotture che l’avevano portate lì .. sul lungomare. Poi pian piano tra lacrime cocenti aveva iniziato a scrivere parole … come quei cerchi indolentemente disegnati … parole che nascevano dall’anima inquieta a dire cose che mai aveva saputo, fossero lì ad avvilir la mente ed il cuore …. Come tarli nascosti a rodere ed offuscare i giorni ..
Lo aveva visto,suo marito Mario, seduto al bar.Con quel sorriso bello e scanzonato, con una donna …. Le teneva teneramente la mano e lo vide poggiare un lieve lungo bacio sulle labbra …
Non un bacio passionale rubato di sfuggita...non un bacio occasionale per l’emozione di un istante e neppure un bacio dato per saluto… era invece un bacio tenero che esprimeva profondo tenerezza e complicità ..un bacio che esprimeva una intima intesa maturata nella conoscenza reciproca e negli anni …. Già un tradimento ,quello di suo marito ...un inganno perpetrato nel tempo ... quanti dubbi negli anni aveva messo a tacere ed ora la verità era lì chiara ed inequivocabile a spaccare il cuore. Si sentì smarrita ed umiliata ... nella mente solo nebbia fitta ..era tornata di corsa a casa , avrebbe voluto gridare la sua rabbia,avrebbe voluto con una mano far cadere in frantumi vasi e piatti. In frantumi, così come si era rotto il suo cuore,la sua vita. Si sedette alla scrivania ..prese un foglio ..cominciò a disegnare quei cerchi a scrivere quelle parole di rabbia e delusione … le avrebbe lasciate lì su quella scrivania,pensò..lui le avrebbe lette,avrebbe capito il male che le aveva fatto e sarebbe tornato da lei..questo era il suo intento,la sua speranza,il suo volere..quanto lo aveva amato quel viso e quelle mani … sentiva di non poter rinunciare a lui.
Poi all’improvviso, prese il foglio e cominciò ad arrotolarlo con minuziosa attenzione,quasi allucinata per il dolore che le bruciava dentro ..lo infilò lentamente in quella bottiglia, come ad imprigionare ed esorcizzare il suo malessere … andò sul lungomare … ed al suo mare gettò insieme al suo passato, i sogni ed i progetti che insieme avevano costruito. Gettando la bottiglia,fra le onde, decise,mentre la pioggia ancora le rigava il viso confondendosi con le lacrime… che non sarebbe più tornata … si sarebbe allontanata,sarebbe sparita,così come in un attimo era sparito il suo passato, il suo presente. Decisa a dirigere i suoi passi dove l’avrebbe portata d'istinto il suo io … proprio come quella bottiglia fra le onde! … Soffiò forte, spostando, il ricciolo che indomito le era scivolato sulla fronte .. scosse le spalle e con passo deciso tornò verso casa … determinata a ricostruire il suo cuore e la sua vita in frantumi … In fondo, il domani, rimane sempre un nuovo giorno di promesse e speranza!



Share |


Scrittura creativa scritta il 08/01/2013 - 21:17
Da Carla Davì
Letta n.654 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Grazie per l'apprezzamento,Gabriella, e per il gradito commento ...

Carla Davì 12/01/2013 - 15:24

--------------------------------------

Bella davvero!

Gabriella M. 10/01/2013 - 21:56

--------------------------------------

Si,hai proprio colto in pieno il senso ..la bottiglia è il simbolo di una storia, imbottigliata..tappata per non uscir fuori e gettata via per esser dimenticata e poter guardare al domani con rinnovata fiducia ... Grazie per avermi letta con attenzione ..

Carla Davì 10/01/2013 - 17:00

--------------------------------------

complimenti per la storia.. storia che racchiude in sé, a mio parere, momenti di vita vissuti da tanta gente... incomprensioni o attrazioni diverse, portano una coppia a non sentirsi più a proprio agio vivendo assieme...la bottiglia col messaggio può essere un segno, come lo descrivi tu, nella voglia di cambiare...ma sai bene quanto è difficile cancellare il passato, soprattutto se è stato portatore di bei momenti.ti faccio i miei complimenti.un saluto. antonio

antonio giraldo 10/01/2013 - 09:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?