Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

QUALCOSA STA CAMBIANDO

Le istruzioni sono:

Un uomo (o una donna) è seduto sulla panchina di un parco. È giorno di festa ma lui pensa con tristezza alla propria vita. Si avvia quindi verso casa ma qualcosa sta per succedere. Scrivere una storia su questo tema…. quale è stata la vita del protagonista e cosa gli succederà…


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Sull'orlo del baratro

Era una domenica pomeriggio autunnale ma lui se ne stava lì, seduto, con le mani tra i capello, a pensare tristemente all'amore della sua vita che aveva rifiutato la sua goffa dichiarazione d'amore, dicendogli che non era pronta per una storia. Tutto intorno a lui sembrava comprendere il suo dolore: il vento era il lamento del suo dolore e le foglie cadenti le sue lacrime. Era passato un mese oramai dall'ultima volta che l'aveva vista ma non riusciva a vivere senza di lei, tutto gli sembrava senza senso ora che aveva perso il suo sorriso, il suo sguardo, il tocco della sua mano. Stava meditando di farla finita, come molte altre volte nei giorni precedenti, giorni in cui alla fine arrivava sempre un suo messaggio a donargli quel pizzico di speranza che gli bastava per andare avanti. Avrebbe fatto di tutto per lei, tutto ciò che desiderava era renderla felice, ma lei sembrava evitarlo in ogni modo. Mentre pensava all'occasione che aveva perso, l'unica occasione che avrebbe veramente desiderato prendere al volo, passò di fronte a lui una coppia felice, una delle tante che passeggiavano in quel parco molto frequentato. Vedendo i due innamorati la tristezza aumentò al punto da inumidirgli gli occhi, cosa a lui sconosciuta prima di allora. I due gli avevano ricordato le belle passeggiate in compagnia della sua amata, quando tutto sembrava andare a gonfie vele, prima che lui facesse quell'errore, che ancora non comprendeva ma che gli aveva fatto perdere le attenzioni di lei. A quella vista si decise, l'avrebbe fatta finita, un colpo il testa e avrebbe smesso di soffrire, e sta volta non sarebbe bastato un suo messaggio a risollevargli il morale. Fece quindi per andare verso casa ad attuare il macabro piano, quando senti una voce familiare chiamare il suo nome. Si girò, era lei, bellissima come sempre, che lo osservava con quei suoi occhi che lo avevano incantato fin dal momento in cui l'aveva conosciuta. Lei si avvicinò e lo abbracciò chiedendogli come andava, lui mentì dicendole che era tutto apposto. Sapeva che lei lo avrebbe scoperto, era una ragazza intelligente e sensibile ed in fondo era l'unica che riusciva a leggere dentro di lui, ma non voleva farla soffrire dicendole che era lei la causa della sua malinconia. Lei lo osservò per qualche secondo, come per valutare il suo stato d'animo, e quindi gli propose di bere un caffè insieme, come facevano quando si frequentavano. Lui accolse di buon grado la proposta, pensava che in fondo parlare con lei per un'ultima volta sarebbe stato bello prima della fine. Restarono al bar per qualche tempo, parlando del più e del meno, come se nulla fosse successo, e, mano a mano che il tempo passava, il cuore di quell'uomo sconsolato colmò il vuoto lasciato dalla tristezza con la gioia che solo con lei aveva conosciuto fino ad allora. Quando alla fine lei fece per andarsene lo salutò con un delicato bacio sulla guancia, promettendogli che si sarebbe fatta sentire.
Guardandola mentre si allontanava, l'uomo pensò alla macabra idea che aveva avuto prima di incontrarla e pensò che forse era un segno del destino se lei era arrivata come un angelo a salvarlo dall'orlo del precipizio e a donargli speranza in modo che potesse andare avanti ancora una volta, guardando al futuro con ottimismo.



Share |


Scrittura creativa scritta il 18/11/2016 - 21:30
Da black shadow
Letta n.276 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Il racconto mi è sembrato collegato agli aforismi che ho letto per primi...qualcosa di autobiografico mi è sembrato di scorgerlo. Ad ogni modo mi sono commosso, in fin dei conto come canta Max Pezzalli in una sua celebre canzone "uccidersi d'amore ma per chi?" oppure citando i Neri per Caso "Si può amare da morire...ma morire d'amore, no!!" In conclusione lodevole scritto, con molto interesse e partecipazione leggerò le tue restanti opere. Complimenti vivissimi per il racconto e la premiazione!

Giuseppe Scilipoti 16/12/2016 - 18:43

--------------------------------------

Carissimo Black, innanzitutto complimenti per la premiazione, sei arrivato terzo nella sezione "Scrittura creativa" e ti porti a casa una bella medaglia di bronzo. Ti commento in due parti, poichè i caratteri non mi bastano. Allora, innanzitutto il racconto mi ha profondamente colpito, triste e cupo nella prima parte, per poi "colorarsi" nel finale, dando speranza e ottimismo al protagonista, ho tifato per il protagonista dall'inizio alla fine...non volevo che si suicidasse

Giuseppe Scilipoti 16/12/2016 - 18:40

--------------------------------------

Una bella storia,triste ma che si chiude nel segno della speranza e questo piace al lettore e lo rasserena. Letta con piacere. Serena notte. Aurelia

Aurelia Strada 19/11/2016 - 23:14

--------------------------------------

Bel finale

Damned Soul 19/11/2016 - 14:43

--------------------------------------

mai perdersi d'animo, domani è sempre più bello di ieri

Flavia Spadiliero 19/11/2016 - 09:31

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?