Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT

Le istruzioni sono:

Scrivi una storia con questo inizio: Non m’era mai capitato di restare senza un soldo in tasca. Non potevo comprare niente e non avevo più niente da vendere. Finché ero in treno mi piaceva rimirare il tramonto sulla pianura, ma adesso mi lasciava indifferente e faceva tanto caldo che aspettavo con ansia il calare della sera per stendermi a dormire sotto un ponte.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



VISIONE

Non mi era mai capitato di restare senza un soldo in tasca. Non potevo comprare niente e non avevo più niente da vendere. Finché ero in treno, mi piaceva rimirare il tramonto sulla pianura, ma adesso mi lasciava indifferente e faceva tanto caldo che aspettavo con ansia il calare della sera per stendermi a dormire sotto un ponte.
Il locomotore trascinava due soli vagoni, attraverso gli appennini, sulla vecchia linea regionale che avrebbe dovuto collegare la costa tirrenica con l’Adriatico. Già, avrebbe dovuto, ma chi poteva mai pensare di utilizzarlo quel treno, con l’idea di impiegare mezza giornata da Roma a Pescara? Solo un pazzo ubriacone, un barbone, o una persona senza arte né parte… poteva avventurarsi in un simile viaggio.


“Questo sono io!” Pensava tra se e se l’uomo, nel suo cappotto unto e bisunto..
La carrozza era vuota e, come una sorta di fantasma borbottante, portava a spasso la polvere dei suoi sedili lungo la ferrovia; per la soddisfazione, forse, di chi aveva deciso di farla passare attraverso quelle distese di prati millenari, di gente millenaria, di storie che non erano mai andate oltre il profilo di quelle montagne.


Due carrozze vuote, offerte come una fugace distrazione per gli occhi di un pastore dei Balcani… e delle sue pecore.


Intanto non sapeva come fosse finito su quel treno, o meglio, sapeva di essersi addormentato su di una carrozza vuota, e ora aveva sonno, era stanco, e aveva ancora molto sonno.


Una voce rauca e profonda lo costrinse ad aprire gli occhi:
-Biglietto… prego!
-Io, veramente, io.. non ho un biglietto…


Nel frattempo il treno aveva rallentato, senza sforzo, giacché procedeva a passo di lumaca, e si fermò sotto un cartello che recitava “Stazione di Cocullo”.
Il bigliettaio, costretto a vincere un sonno arretrato, ma non eccessivamente spazientito, si limitò a farlo scendere… aiutandolo a calare una valigia ancora più sporca del suo proprietario.


-E non farti più vedere! ...recitò infine…


La stazione era immersa in uno scenario a metà tra il deserto del Texas o una steppa siberiana, mentre un cartello direzionale indicava “Cocullo 2 km”. L’uomo si fece coraggio, anzi andò a cercarlo nei meandri più oscuri della sua coscienza, incredulo, e si mise a camminare.. E lo vide il paese, che sembrava pure uscito dalla fantasia di uno scrittore dell’ottocento.
Un minuscolo agglomerato di vecchie case raggruppate, sotto i tetti malconci ad unica pendenza, affioranti da una roccia impervia.


Ma, ormai, il più era fatto, e fu incuriosito dal vocio diffuso che proveniva dalla via di ingresso al paesino.
Si trattava di una processione.
Quella della prima domenica di maggio, in onore di San Domenico.


Il santo, ricoperto quasi completamente da sinuosi serpenti, era circondato da una folla festante ed eccitata.
Due splendide ragazze sorridenti, con i loro costumi colorati, affiancavano la statua con dei cesti sulla testa, e sembravano indifferenti ai guizzi dei rettili.
Molti altri uomini, vestiti in modo pittoresco, seguivano il corteo… con i serpenti vivi appesi al collo.


L’uomo chiuse gli occhi, si accovacciò sulla radice di una quercia, e si mise a pregare… e fu per la prima volta in vita sua..




Share |


Scrittura creativa scritta il 06/04/2017 - 13:38
Da Francesco Gentile
Letta n.274 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti


Questo racconto sa di gente povera con la valigia di cartone ma con un grande cuore e un occhio a Dio. Giulio Soro

Giulio Soro 12/04/2017 - 11:16

--------------------------------------

Un racconto breve e intenso che è anche visione di un mondo, per certi versi ahinoi (travolti dall'imperversante High Tech), forse perduto... ma alla fine, l'anelito dell'uomo di sempre: la ricerca (quando tutto sembra difficile o impossibile) di un collegamento-rifugio al Trascendente...
Esposizione magistrale!

Renato Granato 08/04/2017 - 11:49

--------------------------------------

Bel racconto molto riflessivo scritto magistralmente 5*

Paolo Perrone 08/04/2017 - 11:25

--------------------------------------

Da un incipit "multidirezionale" hai saputo ricavare un bellissimo racconto con una chiusa che avviene in un luogo dove la festività di S. Domenico ha una lontana tradizione ed in cui bene si incastra e si conclude il viaggio del pqesonaggio che alla fine trova rquie nella preghiera. Piaciuta assai, ciao

Francesco Scolaro 07/04/2017 - 15:26

--------------------------------------

Bel racconto dai suggestivi toni surrealistici e con una conclusione confortante: quando si crede di toccare il fondo si riscoprono delle insospettate risorse spirituali. Complimenti 5* Aurelia

Aurelia Strada 07/04/2017 - 14:05

--------------------------------------

Il pregare per ritrovarsi... per rinascere... per scacciare il diavolo del malinconico percorso vitale...
Lieta giornata, Francesco.
*****

Rocco Michele LETTINI 07/04/2017 - 05:43

--------------------------------------

Racconto interessante, la preghiera dona conforto

genoveffa frau 06/04/2017 - 18:48

--------------------------------------

bella storia Francesco 5*

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 06/04/2017 - 18:18

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?