Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT

Le istruzioni sono:

Scrivi una storia con questo inizio: Non m’era mai capitato di restare senza un soldo in tasca. Non potevo comprare niente e non avevo più niente da vendere. Finché ero in treno mi piaceva rimirare il tramonto sulla pianura, ma adesso mi lasciava indifferente e faceva tanto caldo che aspettavo con ansia il calare della sera per stendermi a dormire sotto un ponte.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



IL BANCO VINCE

Non era mai capitato di restare senza un soldo in tasca.Non potevo comprare niente e non avevo più niente da vendere. Finche ero in treno mi piaceva rimirare il tramonto sulla pianura, ma adesso mi lasciava indifferente e faceva tanto caldo che aspettavo con ansia il calare della sera per stendermi a dormire sotto un ponte. Già era una giornata di piena estate, precisamente una domenica, dove tutti chi poteva rimanevano sdraiati sulla spiaggia a prendere il sole. Ormai sera con il solo biglietto di ritorno mi trovavo su questo treno dopo un weekend di due giorni a Montecarlo. Vi ero andato per incontrare un amico che non vedevo da molto ed anche per visitare questo paradiso fiscale dove i sogni e l'alto prestigio lo rendevano magico. Il mio amico Carlo nel principato di Monaco vi aveva fatto fortuna era ricco. Lo stesso giorno del mio arrivo mi portò a conoscere posti meravigliosi, conosceva tutti, si accompagnava con donne raffinate, eleganti, ne conobbi un paio, con loro si passava da un locale all'altro. Carlo era generoso offriva lui, quando accennavo a pagare ridendo mi precedeva, ero suo ospite e non mi permetteva di contraccambiare. Passammo la notte senza mai dormire al mattino verso l'ora di pranzo uscii dalla sua bella casa mentre lui dormiva e visitai Montecarlo a piedi come un comune turista. E' un sali scendi continuo, con vie curate e case molto belle di lusso.Arrivai in un bellissimo giardino con al centro una sontuosa struttura il leggendario Casinò di Montecarlo, era il regno del gioco d'azzardo. Seduto su una panchina presi un gelato e mi gustavo il movimento intorno al palazzo. Squillò il cellulare era Carlo mi chiedeva dove ero finito e mi invitava a raggiungerlo ad un indirizzo. Lo trovai era in piscina con amici ed amiche, mi getto un costume e mi unii a loro. Quel bagno mi fece bene, smaltii la stanchezza della passeggiata. Era il mio ultimo giorno di vacanza e strano non avevo speso nulla, solo una catenina con un cuore in Swarovski, un regalo forse per quella donna che avevo lasciato a casa ad aspettarmi! Carlo al pomeriggio era euforico, sembrava fatto, mi prese sotto braccio e mi disse che prima di partire dovevo vedere il Casinò, gli dissi che l'avevo visto ma lui insistette dicendo che era il suo giorno fortunato ed io gli avrei portato fortuna. All'ora fissata ci trovammo davanti al Casinò, l'interno era uno spettacolo brillava di luci e c'era già movimento, le slot machine mandavano quel suono particolare, soldi non se ne vedevano solo gruzzoli di fiches colorate. Prendemmo posto alla roulette puntai anch'io e quella fu la mia disgrazia, vinsi una bella somma. Pacche sulle spalle, sorrisi non potevo alzare i tacchi e andarmene mi feci prendere dall'euforia e puntai baldanzoso metà della vincita, credevo di fare la mia fortuna. Questa volta non ci furono applausi avevo perso, mortificato puntai ancora, feci l'occhietto a Carlo, che ubriaco mi sorrideva.Seguii con lo sguardo la pallina che si fermò lontana dal mio numero preferito il 22.Tentai ancora, persi di nuovo questa volta era pesante la cifra, avevo le tasche vuote, mi ero bevuto il cervello insieme allo champagne. Avevo una faccia che impressionò il mio amico che ancora cosciente mi portò di peso in macchina e alla stazione assicurandosi che avevo il biglietto. Ero uno zombi, non mi era mai accaduto di perdere il senno e quella cifra di danaro. Ora sul treno il paesaggio non mi interessava più, il tramonto era come quello di ogni sera, ero stanco stressato, al mio arrivo fatta notte sicuramente il primo ponte mi avrebbe dato asilo. Distrattamente misi una mano in tasca e la sola cosa che uscì fu la catenina col cuore in Swarovski, brillò sotto i miei occhi e quella luce mi dette il coraggio di indirizzare i miei passi dalla mia donna, lei avrebbe capito, era la mia sola ultima speranza.



Mirella Narducci




Share |


Scrittura creativa scritta il 09/04/2017 - 12:06
Da mirella narducci
Letta n.272 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


LAISA...Siamo molto propense a sentirci crocerossine. Spesso pensiamo di cambiare gli altri, specialmente l'uomo irrequieto che ci siamo scelte, invece resta cosi com'è, e a volte peggiora. Ciao grazie del passaggio

mirella narducci 10/04/2017 - 20:24

--------------------------------------

c'è sempre una donna che aspetta...
qualcuno a cui passi la sbornia
che sia di un'infatuazione, piuttosto che un mondo falsamente perfetto
...lei aspetta
chi è più fortunato di quell'uomo?

laisa azzurra 10/04/2017 - 19:57

--------------------------------------

FRANCESCO SCOLARO...grazie mi sono tenuta scrupolosamente alle istruzioni...se mi lascio prendere la mano dalla fantasia finisco per andare fuori tema. Ciao buona giornata

mirella narducci 10/04/2017 - 17:18

--------------------------------------

Una storia cominciata molto bene e finita maledettamente male appena il croupier ha preteso l'incasso e meno male che nelle tasche era rimasta quella catemina...Bel racconto, come sempre ricco di sfumature e condotto con maestria, ciao

Francesco Scolaro 10/04/2017 - 14:46

--------------------------------------

SAVINO...mi fa piacere che mi leggi, grazie del tuo contributo in parole. Ciao buona serata

mirella narducci 09/04/2017 - 18:11

--------------------------------------

ALFONSO...Sono stata anch'io a Montecarlo, ero in crociera e la nave ha sostato nel porto per una giornata cosi ho potuto visitarla ed è come dici tu straordinaria! Le Ferrari sono di casa li per la competizione di Formula 1. Grazie per il tuo commento sempre molto preciso e cognitivo.

mirella narducci 09/04/2017 - 18:06

--------------------------------------

La ludopatia è devastante e tu sei riuscito a spiegarla, che può distruggere una vita anche in una sola serata!

Savino Spina 09/04/2017 - 17:56

--------------------------------------

Ho visitato Montecarlo, ci sono stato per un convegno ed è effettivamente qualcosa fuori dall'ordinario. I casinò, il porto durante le corse di Formula 1.
Contai una sera 37 ferrari e 4 Rolls Royce.
Altro mondo che fa perdere la testa se non si è capaci di riposizionare la propria mente, capire che quel mondo è veramente per pochi.
Il banco vince sempre anche quando si vince perchè non si è capaci di sostenere una vincita improvvisa che da subito alla testa.
Narrazione stupenda, storia credibile, finale che è di alto profilo etico.

ALFONSO BORDONARO 09/04/2017 - 16:52

--------------------------------------

SALVATORE...mi aspettavo da te questa lode...grazie infinite. Felice domenica

mirella narducci 09/04/2017 - 16:52

--------------------------------------

Molto bella lode buona giorna a te
Mirella.

Salvatore Rastelli 09/04/2017 - 16:48

--------------------------------------

ROCCO...grazie caro amico Felice domenica.

mirella narducci 09/04/2017 - 15:46

--------------------------------------

Un sublime seguitato costrutto con oculatezza.
Lieto meriggio, Mirella.
*****

Rocco Michele LETTINI 09/04/2017 - 15:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?