Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
La solitudine è come...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
PURA PASSIONE...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...
Mizzeca!...
Figlia mia...
NA SERA DORCE DE PER...
Due cuori e un'anima...
SHOPPING...
Una mano che mi rega...
Riflessi di seduzion...
L\'attimo!...
FEDELE SPECCHIO DEL ...
Poetic forms...
Suadente e nostalgic...
ACCENDI I TUOI SOGNI...
MONOLOGO A ME ...
L'oracolo...
caparbiamente sorda...
Fuggire...
Nell'orto...
Giugno......
Il pianeta dell'Amor...
LEGGENDA PERSONALE...
LI SOGNI di Enio 2...
Muri di vento...
Un folletto bizzarro...
con gli occhi chiusi...
LE ROSE ROSSE SUL SU...
amami...
Dannarsi l’anima cre...
Dolore sulla notte...
Con una stretta di m...
primaverile tempo...
Haiku A casa...
AMARTI...
Non c 'è scappatoia....
Penso al destino...
SCIARADA...
Tra le rive delle no...
Un'ambizione che spa...
Tu...
Paradiso in fiamme...
SUPERBIA......
Ciò che distingue l'...
Il Corpo di Psiche...
Perle di Luna...
IL POETA COLTIV...
Dal diario di una pr...
Prendetevi una pausa...
SOLO MARE...
Ho parlato di voi a ...
MALE INTERIORE...
Animundus...
LE BANDIERE...
Cinque minuti di cel...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

VITA INTERIORE DI UN PERSONAGGIO

Le istruzioni sono:

Descrivi un personaggio che si accinge ad andare al supermercato per fare delle compere. E' allegro e felice perchè è innamorato.
Descrivi lo stesso personaggio nella stessa scena in un momento successivo quando sta vivendo la dolorosa rottura della sua relazione.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Istanti di felicità

Come ogni sabato mattina, la sua routine è fare la spesa. In particolare era quel sabato. Un giorno d'inverno ma caldo, c'era un sole che accarezzava quel viso. Non era una bellezza da notare, ma si osservava la luce che rifletteva nei suoi occhi. Il suo sorriso silenzioso ma bianco, puro. S’incamminava verso il supermercato con movimenti precisi e leggeri. Si guardava intorno, dall’aria soddisfatta. Tutti la guardavano, perché sorrideva. Non è da tutti i giorni incontrare una persona così allegra. La sua spensieratezza sembrava paradossalmente imbarazzante. Intanto lei pensava: " stasera cosa preparo?" mentre si aggirava tra scatolette e affettati.
Era un giorno particolare, il primo anniversario. Voleva preparare una cena leggera e romantica ma stuzzicante.
Al banco del pesce, attendeva il suo turno e chiedeva: " Vorrei dei gamberetti, delle vongole e due fette di salmone". E’ pesce fresco? Chiedeva. Beh, la risposta era inevitabilmente positiva. Ma quando la felicità ti abbraccia, tutto risulta perfetto. Una cena perfetta. Un amore perfetto con la persona che ti apparteneva e ti completava in tutto.
Tutto ti sembrava assurdo. Il ricordo era dentro di te. Quella immagine che non andava via. Il dolore che si alimentava con i ricordi. Un amore che credevi unico si scioglieva in un giorno d’estate. Quando una telefonata improvvisa, forse per caso o per volontà altrui, le giunge al suo orecchio. Strani discorsi, rumori o forse gemiti. Lei cercava di capire cosa fosse al di là del telefono, che ascoltava ma non vedeva.
Assurdo! Pensava. È uno scherzo? No! Non era un gioco, ciò che sentiva era vero. L’amore della sua vita, chiamava “ passione ” ad una sconosciuta. Aveva il cuore squarciato. Gli occhi facevano fatica a trattenere le lacrime.
Era al supermercato come ogni sabato. La gente la guardava. Lei era diversa. Lei abbassava lo sguardo per timore di mostrare le sue lacrime. Quelle lacrime duravano per giorni. Sembrava una fontana di emozioni. I sorrisi delle persone la rendevano ancora più triste. Girava in cerca di qualcosa. Sapeva che il vuoto che aveva dentro non poteva essere colmato con il cibo. Ormai la sua cena era un panino o scatolette.
Non aveva emozioni. Quelle voci, quelle parole avevano invaso la mente. Aveva conosciuto la felicità. Aveva appreso che il dolore è un qualcosa che ti lacera dentro, una cicatrice indelebile. Un marchio sul cuore. Aveva compreso che la felicità esisteva sottoforma d'istanti. Il dolore ti rimane dentro. Per sempre.



Share |


Scrittura creativa scritta il 03/04/2013 - 11:35
Da Mariella Volpari
Letta n.855 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


hai scritto una realtà interiore meravigliosamente. è bello leggerti..
mi piace. mi hai fatto pensare.."sorriso silenzioso ma bianco".. "il dolore che si alimentava con i ricordi".. bella profonda... quasi vera!! sa di noi, di tutte noi!

Sofia V 28/05/2013 - 09:57

--------------------------------------

é la prima "scrittura creativa" per me... amo scrivere poesie in realtà... E' vero.. difficile dire a voce ciò che hai dentro.. ecco perché ho iniziato a scrivere..Grazie Carla..

Mariella Volpari 06/05/2013 - 12:14

--------------------------------------

Troppo spesso,purtroppo, amara realtà. Sei stata brava a dare parole a dei sentimenti che a volte non si sanno esprimere,tanto sono intensi e contrastanti,tanto ci spodestano dalle nostre sicurezze . Complimenti per il riconoscimento brava!

Carla Davì 04/05/2013 - 19:57

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?