Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT PER UN NOIR

Le istruzioni sono:

partendo da questo incipit scrivi un racconto noir: "Era morta. Mortissima. Stramorta. La cosa dentro la vasca era morta. Sì, perché quella non era più la professoressa Marini, ma una cosa gonfia e livida che galleggiava come una camera d’aria. Era stato lui. Era stato lui a fare quello. Arretrò con le spalle al muro. L’aveva uccisa per davvero. Come aveva potuto avere ucciso un essere umano? Si gettò sul water e vomitò. Me ne devo andare subito, si disse."


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



NOTTE DI AMARA FOLLIA

“Era morta. Mortissima. Stramorta. La cosa dentro la vasca era morta. Sì, perché quella non era più la professoressa Marini, ma una cosa gonfia e livida che galleggiava come une camera d’aria. Era stato lui. Era stato lui a fare quello. Arretrò con le spalle al muro. L’aveva uccisa per davvero. Come aveva potuto avere ucciso un essere umano? Si gettò sul water e vomitò. Me ne devo andare subito, si disse.” Era la sola cosa da fare fuggire, presi il mio strumento e uscii di filato da quella casa, in cui avevo trascorso alcuni anni felici. Avevo 18 anni e con il mio primo violino preso in prestito da un vecchio zio varcavo il portone di via Rienzo. Mi piaceva suonare, la musica l’avevo nel sangue…ma non potevo frequentare una scuola di musica, ne prendere un diploma al conservatorio ero povero mi arrangiavo come autodidatta. Lavoravo come meccanico in una officina, ma coltivavo questo mio sogno con passione. All’indirizzo dove ero diretto c’era ad aspettarmi una professoressa francese che insegnava musica, anche lei alle prime armi, più grande di me come età. Non era esosa nel prezzo chiedeva pochissimo per le lezioni. La casa era signorile, con qualche richiamo al mondo musicale, un pianoforte illuminato da una luce soffusa di buona marca ma di seconda mano, qualche tappeto. Elisa Marini si faceva chiamare professoressa, ma non aveva nessuna laurea solo un diploma preso in una fantomatica scuola di musica. So che studiava ancora e le servivano soldi, cosi dava lezioni. Per me era più che sufficiente. Quando finivo di lavorare, prendevo l’astuccio col violino e lasciavo l’officina il padrone era un brav’uomo amante anche lui della musica, chiudeva un occhio.La mia insegnante era una bella donna, capelli lunghi biondi, parlava in italiano ma il suo accento non perfetto le dava un aria snob. Un corpo statuario, quando sedeva accavallava le gambe, e forti stonature echeggiavano nella stanza, colpa delle mani che mi tremavano e lei rideva cosciente della provocazione, in me si alternavano stati di confusione e pensieri trasgressivi. Le giornate trascorrevano veloci, lei sempre gentile mi correggeva, mi faceva ripetere il pezzo per delle ore fino a che non riusciva bene. A volte mi preparava del tè e si parlava di tutto. Ero entrato in confidenza, le piacevo, una sera mi spinse in camera, era molto seducente e un po brilla, non mi negai, fu una notte stupenda sentii i violini suonare, i miei muscoli erano tesi come le corde dello strumento, come sottofondo da un cd. veniva un assolo di violino “Schubert “Serenade” accompagnava il mio desiderio sulle sue labbra. L’alba ci trovò ancora uniti, lei fra le mie gambe, era la mia dea. Da quel giorno spesso le lezioni finivano nel suo letto, stava diventando amore, ogni volta che la possedevo pensavo di legarla più a me. Mi sbagliavo, un giorno non ero più solo, c’era un altro allievo e le attenzioni erano tutte per lui. Ero geloso quando li vedevo vicini. Una sera fui quasi messo alla porta, Elisa aspettava qualcuno. In strada mi accorsi che avevo dimenticato l’archetto. Tornai in dietro e aprii la porta con le chiavi che mi aveva lasciato, vicino al piano una candela illuminava un tavolino apparecchiato per due, schampagne nel secchiello del ghiaccio e una rosa al centro.Abitualmente andai in bagno credevo di averlo lasciato li, mi lavavo sempre le mani prima e dopo suonato. Lei era li nella vasca, nuda profumata per essere accarezzata, toccata, mi si annebbiò la vista la presi per il collo, lei annaspava, non si sentì un grido ,non so per quanto la tenni sotto l’acqua. Quando mi accorsi di ciò che stavo facendo era tardi l’avevo uccisa! La mia Desdemona ora sarebbe stata solo mia!Mi precipitai giù in strada, luci rumori non vedevo più niente, solo lei, livida che affiorava dalla vasca. Uno mi gridò “Levati dalla strada coglione” segui un botto e un frastuono, finii sotto le ruote di un camion, forse quello era il mio destino, il sangue mi usciva copioso dal viso vidi una signora che mi appoggiava il violino sul petto….e poi fu il buio.


Mirella Narducci




Share |


Scrittura creativa scritta il 11/06/2017 - 00:45
Da mirella narducci
Letta n.236 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


wow
Miry...di fantasia ne hai da vendere
noir...no. noirissimo
eppure, sempre lì vai a parare...amore, passione, possesso, piacere
sei maestra!
ciao amica romana

laisa azzurra 13/06/2017 - 14:41

--------------------------------------

AMICI...Per la prova creativa ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuta, i vostri commenti sono degli incoraggiamenti a scrivere sempre meglio. Grazie a tutti

mirella narducci 13/06/2017 - 13:58

--------------------------------------

Ottimo racconto noir,complimenti anche per la chiusa, bravissima

genoveffa frau 12/06/2017 - 19:34

--------------------------------------

Mirella, sei unica. L'ho letto d'un fiato e mi è dispiaciuto giungere alla fine. Complimenti Mirella, le tue opere sono tutte di alto livello.

Ken Hutchinson 12/06/2017 - 11:09

--------------------------------------

Caspita questo tuo racconto è davvero impeccabile nel modo in cui è scritto, coinvolgente e convincente tanto sa sembrare vero! Complimenti! 5* e buona serata!

Ilaria Romiti 11/06/2017 - 21:07

--------------------------------------

Molto bello Mirella
complimenti
un bacio.

Bruno Abbondandolo 11/06/2017 - 19:20

--------------------------------------

Mirella scrivi divinamente, ad essere sincero trovo la trama alquanto abusata; mi rendo conto che è difficillissimo trovare qualcosa di esclusivo da narrare, perché in letteratura si è scritto tutto e di più! Nei racconti noir è ancora più evidente ed è lo sbaglio che commettiamo quasi tutti! Spero che al tuo prossimo racconto riuscirai a stupirmi e farmi restare con il fiato sospeso.

Savino Spina 11/06/2017 - 13:50

--------------------------------------

, apprezzata al 100%

sauveur antibes 11/06/2017 - 12:13

--------------------------------------

il tuo narrare è avvolgente bellissimo bravissima, "fallo più spesso"
buona giornata

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 11/06/2017 - 12:13

--------------------------------------

Complimenti, Mirella nella prosa sei brava per lo meno quanto nella poesia.

Teresa Peluso 11/06/2017 - 09:44

--------------------------------------

La tua bravura nel narrare è indiscutibile, bravissima nel distrecarsi in un racconto noir ...piaciuto il soggetto e la trama...complimenti. Ciao e buona domenica.

Anna Rossi 11/06/2017 - 09:28

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?