Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Impressioni sul fini...
Veni-vidi-vici...
DESTINI INCROCIATI (...
Fiore malevolo...
autostrade...
L'inizio dei 20 anni...
Non pensare...
Una piuma...
Nausea...
Ad Amatrice...
Mi sei apparsa...
Haiku PERDERSI...
LANGUIDAMENTE........
Libera nos a malo...
Il Gallo mattiniero...
L\\\'amore taciuto...
Le ali tarpate...
Il pescatore...
La Volpe Notturna....
SOLO TU PER SEMPRE...
Italia mia (C)...
Parole disorientate...
NERONE er bullo ...
Poeta...
CERCAMI SOTTO LA PEL...
Ora ricordo...
UNA VOLONTARIA...
Terra di Sicilia...
Non aver fretta di m...
La partita di pallon...
Ci sei!...
IL PRESENTE...
Foglia frale Ness...
La comparsa...
LENTEZZA...
La Scatola Laccata, ...
Come soltanto nei so...
ACINO ACERBO...
Il dolce vento dell\...
Un'altra dimensione...
Ti amo e soffro...
...ISTANTE DI PURA F...
CON TE NELL/INFINITO...
Tra vortici di stell...
Un metro di neve bia...
Quell'alone cupo e f...
Poco a poco...
ER LIMONE PAZZO...
Portatore di pietre...
afferra quella nuvol...
D'azzurro e sale...
Rimorso...
il gigante nano. ...
la rosa...
In certi momenti la ...
È bello vivere da il...
la luna dall'alto.....
Non voglio sognare p...
Cesare chi è ?...
le cose semprici...
DESTINI INCROCIATI (...
E la Luna parló al ...
Ho visto una stella...
Mi piace tutto di te...
Il nulla...
La tua assenza mi ha...
Il Pavone vanitoso...
Maria grazie di esis...
amo la pioggia...
Al cimitero dei carr...
Settembre...
MAROTTA: Family Beac...
Spesso ogni piccola ...
UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...
Agrigento e la Festa...
Piccola cosa...
Il Nero...
Gioventù...
IL MIO AVATAR...
E tacque attorno a n...
FIORI D'ARANCIO...
A ME STESSO...
LA PENDOLA...
Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

VITA INTERIORE DI UN PERSONAGGIO

Le istruzioni sono:

Descrivi un personaggio che si accinge ad andare al supermercato per fare delle compere. E' allegro e felice perchè è innamorato.
Descrivi lo stesso personaggio nella stessa scena in un momento successivo quando sta vivendo la dolorosa rottura della sua relazione.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Aspettando il domani

-“Ok, domani è il gran giorno..finalmente Marco verrà a casa. Non so ancora cosa cucinerò, so, che voglio stupirlo,voglio vedere luccicare di meraviglia quei suoi grandi occhi color nocciola. Già i suoi occhi,quante volte mi ci sono persa in quel suo sguardo dolce e penetrante …che voglia di baciarlo e trattenermii per non fargli scoprire che sono perdutamente persa e cotta di lui.Certo, non immagina quanto sia importante per me e come tutta l’adrenalina mi vada in subbuglio al solo pensiero di vederlo,di ascoltarlo … amo il timbro della sua voce,mi canta dentro al cuore e nella mente,mi veste di emozione e mi seduce. Non immagina,certo,quanto sia brava a cucinare, mi ha sempre vista come una virago in ufficio a gridare ed impartire ordini ad organizzare riunioni ed operai. Io,il suo capo,donna in carriera e lui il commesso tuttofare del mio socio,assunto solo perché figlio di un suo amico,a cui doveva un favore. Entrava ogni mattina e ad ogni metà pomeriggio nel mio ufficio per lasciare la posta.Con quel suo fare altero e distaccato, ma,che in realtà percepivo, volesse nascondere molta timidezza ed insicurezza e forse la consapevolezza di sapersi assunto perché “raccomandato”. Avevo cercato di esser gentile con lui, per colmare quel suo senso mal celato di inadeguatezza, ed in tutti quei mesi mai mi ero accorta di un suo sguardo che lasciasse trapelare il suo interesse per me. Poi all’improvviso, quell’invito ad uscire insieme per un aperitivo. Aveva formulato quella proposta con un fiume di parole in piena,quasi ad aver paura di prender fiato e non trovare più il coraggio di farlo. Lo ascoltavo e teneramente sorridevo dentro di me in un moto di emozioni, che mi danzavano in cuore. Quando mi ha invitata ad uscire,non s’aspettava certo che io invece lo invitassi a cena … il suo sguardo scettico e quel sorriso sarcastico mostravano in pieno le sue perplessità sulle mie capacità culinarie. Certo non poteva immaginarmi a spadellare e rimestar tra forno e fornelli. Già cosa cucino ” Carne o pesce … caspiterina, non so nemmeno cosa preferisca mangiare … come faccio adesso, devo scendere a far la spesa e non so ancora cosa cucinare” penso tra me e me … “Mamma,si,telefonerò a mamma,lei sa sempre la cosa giusta da fare”. Scarto subito l’idea, a trent’anni,ancora mi fa il terzo grado e non la finirebbe più con le raccomandazioni … specie dopo il fallimento del mio primo matrimonio … no,no meglio di no. Mi lascerò guidare dal mio intuito, come diceva mia nonna:” segui il cuore in cucina quando vuoi sedurre un uomo,ascolta il tuo cuore e lascia che sia proprio questo a cucinare per lui”.Si,farò così. Gli preparerò un buon risotto asparagi e gamberetti ed una fetta di Ricciola al pistacchio … il cuore mi dice spaghetti alle vongole; ascolto il cuore ed opto per gli spaghetti. Mi guardo allo specchio,prima di uscire, attorciglio il mio ricciolo e provo un paio di sorrisi dolci e seducenti da offrirgli quando varcherà la soglia di casa mia!La soglia di casa mia...wow...non vedo l’ora!Di corsa indosso il mio cappotto,prendo la borsetta le chiavi e … oh no, l’ascensore bloccato,che stizza, come sempre, quando ho più fretta tutti i contrattempi si accavallano. Uffiiii! ok, gambe in spalla e come una libellula ebbra di gioia vado giù di volata per le scale … in fondo un po’ di movimento, fa sempre bene.
Spero solo,l’ascensore,funzioni al ritorno.”Marco,Marco..cosa non farei per te …. che batticuore mi dai ,e che gioia !” La mia mente si perde tra sogni e speranze ….



La mia mente si è persa ... si è persa, si. Tra i ricordi! Come avevo potuto vivere di sogni con accanto un uomo così pratico,così glaciale e distaccato nel quotidiano … quel suo sguardo dolce, quella sua tenera mano poggiata sulla mia guancia,quante volte avevano vinto ogni mia resistenza, ogni mia opposizione nella speranza e nel sogno che alla fine avrebbe capito il mio amore,la mia dedizione.
Avevo rinunciato anche al mio lavoro per te,geloso e possessivo come eri … Si, ti era piaciuto tutto quella sera, avevi gustato a fondo i sapori ed avevamo sorseggiato a lungo quel frizzantino che avevi portato,avevi fatto quella stupida battuta,forse per nascondere il tuo imbarazzo” ecco questo è per la padrona di casa, un Pinot Maschio”.Avevamo cenato,senza quasi parlare guardandoci negli occhi ci eravamo invaghiti … ogni sorso assaporato come un lento e dolce bacio,ci sfioravamo appena di sfuggita le mani, in un gioco di seduzione e malia, ed ogni tocco era una scintilla di fuoco, che pervadeva i nostri corpi. Una scintilla, che all’improvviso s’accese e divenne fuoco e passione divampante. Che notte Marco,mai sazi di noi!
Ero la tua Geisha,così mi chiamavi per gioco,ed io sempre docile ti assecondavo in ogni tuo desiderio … ero felice ubriaca di te e stordita di passione ed amore..come lava fusa che bruciava la pelle, sentivo le tue mani scivolare su di me.
Ieri no, non è stato così. Eri rientrato a casa contrariato,avevo intuito subito che qualcosa non andava,mi avevi dato un bacio di sfuggita mentre gettavi le chiavi con rabbia sul mobile. Nervosamente ed a strattoni disfacevi il nodo della cravatta … volevo aiutarti e sorridendoti maliziosamente mi ero avvicinata a te, così ti avevo sciolto il nodo e fatto scorrere lentamente la cravatta sfilandola dal colletto della camicia … non dimenticherò il tuo sguardo freddo e distaccato … eri passato oltre,insofferente e quasi non mi avessi neppure vista … eppure eri tu,che mi avevi insegnato a venirti incontro ed a farti un po’ le fusa come una gattina innamorata..ed ora mi facevi sentire stupida ..e fuori luogo.
A stento trattenni le lacrime,e cercai di non pensare, di non lasciarmi travolgere da tutti quei pensieri di rimpianto e amarezza che erano rimasti nascosti da tempo nella mia mente e che adesso volevano uscir fuori a gridare la rabbia ed il malessere,per la mia vita che avevo lasciata appesa al gancio di una parete per te,per quell’amore che mi ha resa schiava dei tuoi sorrisi e dipendente dalla tua voce.Già, bastava ti sentissi appena scontento di me che avrei voluto rivoltarmi come un guantino per cercare di cambiarmi, di assecondarti, sino ad aver annullato ogni creatività ed aver perso l’essenza di me stessa.In un attimo ripensai a quante serate vuote trascorse davanti ad un video gioco ad annullare la mente...i pensieri, cliccando su inermi personaggi finti...finti ed irreali come mi sentivo io.Tempo trascorso a sognare un cambiamento, ad aspettare un gesto d’amore sincero e stima da parte tua che desse valore a così tante rinunce, una svolta che potesse dare un senso a quella che era diventata la nostra monotonia,le nostre vite parallele che s’incontravano solo sotto le lenzuola! Mentre sul chiodo,vedevo ancora appesa la mia anima che mi aspettava e che volevo riprendere. Tu eri fuori a giocare interminabili partite a poker ... sapevi che ad accoglierti avresti trovato sempre la tua geisha che in ogni caso sia perdita o vittoria ti avrebbe consolato o avrebbe festeggiato,con te sempre. Ignaro di possedere un corpo senza più vita! Avevo fatto la spesa al supermercato di corsa in preda ad un raptus di folle speranza,ed avevo organizzato una promettente cenetta ..volevo aprirti il mio cuore e parlarti di me, dei miei sogni,dei miei desideri da realizzare e vivere insieme in armonia … Ed ora eri lì, irritato chissà per cosa ..imprecavi e sbattevi le ante del mio armadio. Rovistavi bruscamente tra i miei vestiti,frugavi tra i miei cassetti e neanche ti curavi di rispondere alle mie domande … ripetutamente ti chiedevo di dirmi cosa fosse accaduto,il perché di quel tuo agire … cercavo di fermarti e tu ignaro continuavi imperterrito a scaraventare tutto fuori e mi offendevi...e non capivo perché … perché … perché mi ripetevo.
Sul tavolo apparecchiato, avevo messo i candelabri d’argento … i tovaglioli piegati a cigno,come piacevano a te … in forno il Branzino con le verdure,le meringhe colorate di cui eri goloso,erano a forma piramidale sul vassoietto … proprio come piacevano a te...ed in frigo il Pinot Grigio era già a temperatura ottimale … e tu eri lì a sbraitare parole incomprensibili, idiomi che non oltrepassavano il muro della mia confusione, che tra lacrime e singhiozzi, non ero più riuscita a contenere … E poi all’improvviso la tua voce, come una sferzata giunse al mio cervello “ Cretina, dove hai nascosto le chiavi della cassaforte … dove sono ho bisogno di soldi o mi uccideranno” capii, che ti braccavano da tempo degli usurai a cui avevi chiesto un prestito per pagare dei debiti di gioco, compresi che gli ammanchi che avevo notato,non erano dovuti alla vecchia donna,che avevo accusata e che tu stesso avevi preteso licenziassi perché non potevo più fidarmi di lei. Povera Maria,quanto aveva pianto,il suo onesto lavoro umiliato ed infangato da un sospetto di ruberia ed ora tutto sembrava diventare chiaro nella mia mente mentre rispondevo :<< non ricordo dove le ho messe … >> risposi conciliante,nel tentativo di giustificarmi:<< come sai viene una donna nuova a far le pulizie di casa e dopo l’esperienza con Maria,le ho nascoste.Poi, quei soldi li ho serbati per Giulio,sono di mio figlio,deve sposarsi,sono per avviare la sua azienda … non posso darteli .. non posso,mi spiace>> per la seconda volta mi picchiasti, già una volta era accaduto e forse da allora avevo cominciato a temere le tue reazioni,forse anziché temerle avrei dovuto denunciarti e mandarti via … ma ti amavo,avevi promesso non sarebbe mai accaduto,ti amavo,ti avevo creduto ed ora di nuovo ..il tuo schiaffo fu solo l’inizio … arrivarono presto i pugni ed i calci … non sentivi ragioni … non sentivi le mie invocazioni … avevo paura e piangevo,non riuscivo a fermare la tua furia,tutte le tue paure le riversavi su me,in quella violenta e cieca sequela di botte … e poi quella tua frase orribile e meschina:<< ho sempre voluto i tuoi soldi, ci sei cascata, come tutte le altre.. già, l’intelligente donna in carriera … ho vinto la scommessa,non ci credeva Filippo che ti avrei resa schiava .. lui ha avuto tutta l’azienda ed io un mucchio di quattrini, i suoi ed i tuoi … ed ora esci fuori le chiavi o t’ammazzo>>. In un infinita frazione di secondi … tutto in frantumi … il fragore del mio castello di sogni e d’illusioni crollato, gettò la mia mente in tilt ma nello stesso tempo mi fu tutto chiaro. Freddamente accondiscendente, finsi di andare a prendere le chiavi … sottomessa ed impaurita,zoppicante e dolorante ... presi le chiavi,aprii la cassaforte ma non presi i soldi ma bensì presi la pistola. Già,questa non te l’aspettavi..follemente lucida, ti osservai impaurito assaporando il tuo sguardo di coniglio tremante mentre,quella che era stata la tua suadente e sensuale voce mi supplicava. Mi sentivo forte e sentivo il potere riempire di energie nuove il mio corpo dolorante ed il mio cuore straziato di dolore ed il mio io ergersi orgoglioso ed arrogante sull’umiliazione da poco subita … sentii spettrale e determinata la mia voce che ti diceva: << esci fuori da casa mia,sparisci più lontano che puoi e non farti più vedere … esci subito, prima che sia io ad ucciderti >> … spietata sparai dei colpi vicino ai tuoi piedi e ti vidi scappare. Sento lo stridore dei freni di un auto in corsa … non voglio sapere più nulla di te … non so neppure se sei vivo o morto … chiudo la porta a chiave,metto il chiavistello … Lentamente butto via la cena nella pattumiera... sbuffo sul mio ciuffo ribelle e assaporo tra le lacrime una meringa rosa … mentre indosso un golfino rosa.. rosa, come la speranza del mio domani da ricostruire. Come la fenice risorge dalle ceneri così risorgerò!Lo prometto a me stessa e sento già tepore...merito della speranza che nasce in cuore o del mio golfino rosa? Che importa, è tempo di sorridere... l’oggi è già ieri ed è passato ed il mio domani mi attende!




Share |


Scrittura creativa scritta il 25/04/2013 - 19:22
Da Carla Davì
Letta n.735 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


complimenti per questo terzo posto insieme a Claretta...lo meriti.. un abbraccio

antonio giraldo 06/05/2013 - 16:29

--------------------------------------

Tu sei molto brava,è un bel racconto e scritto bene... meritavi il primo posto...
complimenti anche a te...

Mariella Volpari 06/05/2013 - 12:22

--------------------------------------

Grazie per il tuo gradito e bellissimo commento d'approvazione...per le parole di stima ed incoraggiamento,le leggo ed ancora mi stupiscono, anche perchè considero già un complimento,sapendo quanto tu preferisca le storie o le poesie brevi e concise ...che tu mi abbia letto sino alla fine.Considero la violenza fisica,psicologica e sotto qualsiasi forma si nasconda una realtà abominevole da dover sempre denunciare e combattere specie sui minori e sui portatori di un qualsiasi handicap. Grazie Antonio,un abbraccio

Carla Davì 29/04/2013 - 12:05

--------------------------------------

bel racconto...che rispecchia anche una situazione sociale..molto..molto reale...ti riconosco scrittrice vera in questo racconto..non dico niente di nuovo ma sappi che hai un futuro in questo senso...tienile a mente queste mie parole...complimentissimi....antonio

antonio giraldo 27/04/2013 - 09:53

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?