Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Eppur mi sono scorda...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che pi¨ di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO ╚ IL MIO NATA...
In cerca del carib¨...
Disperso in una nott...
╚ Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come Ŕ grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PI┘ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
Oltre...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrer˛ l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo pu˛ diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metÓ del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...
Bava di lumaca...
Quella ragazza...
Il migliore amico de...
OTTO DICEMBRE di En...
Lupo sdentato...
Ascolta se vuoi....
Ogni fiume segue il ...
PasserÓ la festa...
Cappuccetto Rosso e ...
La bocca di un crate...
Un angelo senza nome...
Un altro giorno...
Tu vai, io sono qui...
Solamente felicitÓ...
In Do maggiore...
AD ALDO MINIUSSI, CA...
Tornando a casa...
Solitudine...
UN LUPO NON TRO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT

Le istruzioni sono:

Scrivi un racconto che abbia questo inizio:
"Guard˛ fuori dalla finestra della camera di letto.
Sapeva che quella sarebbe stata l'ultima notte della sua vita."


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Sollev˛ lo sguardo al cielo stellato

Guard˛ fuori dalla finestra della camera da letto. Sapeva che quella sarebbe stata l'ultima notte della sua vita da adolescente.
Tradizioni tribali, ecco cosa erano. Di sicuro inaccettabili per chi, come lei, era nata e cresciuta in un paese dove alle persone Ŕ riconosciuta una propria dignitÓ e volontÓ .
Aveva passato tanti anni a non comprendere e, poi, a guardare con pietÓ sua madre costretta a quella vita passata, e da passare per sempre, legata ad un uomo ancora sconosciuto. Certo per lei era suo padre, ma per sua madre era solo un marito imposto.
Ed ora toccava a lei! Domani mattina suo padre l'avrebbe data in sposa ad uno sconosciuto, magari vecchio o violento...orrore! Ecco questo sentiva in tutto il corpo e nel suo cuore che aveva passato quasi 15 anni a sognare una vita d'amore con un compagno di vita "scelto" e non imposto per una stupida tradizione.
Pensava alle sue compagne di scuola, alla gita scolastica programmata, alle feste, alle vacanze al mare insieme a loro...
Si agitava nel letto col volto bagnato di lacrime di rabbia mentre la sua mente febbrilmente pensava a cosa potesse fare. Quali parole trovare per convincere quell'uomo- futuro-marito a non prenderla, a ripudiarla ancora prima del matrimonio. Ma la sua era sempre stata una vita immacolata, nessun colpo di testa , nessun fidanzatino, nessun litigio con i genitori ed aveva anche una salute di ferro...
Scappare non le sembrava una grande idea...supposto che le riuscisse di farlo. Non voleva essere costretta a girovagare chissÓ quanto tempo sola per strada senza una dimora, in balia magari di altri nemici.
E mentre pensava, guardava la sua stanzetta rischiarata dalla
luna, perchŔ a lei, in estate, piaceva addormentarsi con la finestra spalancata e con lo sguardo verso il cielo e la luna. Quella l'avrebbe ritrovata ovunque, pensava, anche nella casa di sposa. La libreria, l'armadio, la grande tenda colorata che aveva desiderato ed ottenuto per il suo ultimo compleanno, con i colori del tramonto. Era molto grande, l'aveva voluta con quattro teli di diverso colore montati intrecciati a due a due ed era sostenuta da un bastone color bronzo che ora brillava timido.
Senza nemmeno accorgesene stava immaginandosi ballerina sospesa ai colori del tramonto, composta immobile in attesa di essere trovata dai suoi genitori. Pianti, grida, lacrime che lei non avrebbe sentito ma che giÓ le facevano male. Eppure altre soluzioni non ne vedeva...
E mentre cosý pensava, sentý aprirsi piano la porta e intravide la figura di sua madre. Nonostante la semioscuritÓ le sembr˛ di scorgere sul volto della madre un'espressione diversa, uno sguardo di essere umano vivo, forte, deciso.
Si avvicin˛ al letto, le asciug˛ le lacrime e, prendendola per mano, la invit˛ ad alzarsi.
"Mamma, dove mi vuoi portare?" - le chiese.
"Vieni. Non riesco a sopportare l'idea che anche tu, figlia mia, debba avere una vita come quella che ho avuto io. Voglio cambiare quello che il destino ti ha riservato. Andiamo via."
Richiusero piano la porta e all'aperto Amina sollev˛ lo sguardo al cielo stellato e ne ammir˛ l'immensitÓ che sapeva di libertÓ.



Share |


Scrittura creativa scritta il 24/07/2013 - 22:09
Da Daniela Cavazzi
Letta n.780 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?