Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...
Poesia......
Tre corse in tram...
Un tanto ingenuo e t...
Sul lungomare della ...
Cavaliere della carr...
Se insegni con passi...
L' odore dell'amore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Avventura d'altri tempi

Il prode si incamminava per il sentiero
ma venne preso di mira da un orribile fiera
dal pelo ricoperto di sangue dovuto ad una precedente preda
rizzando il pelo e mostrando gli enormi canini
fece capire che avrebbe sgozzato chiunque
anzi qualsiasi cosa gli si parasse dinanzi.
Il rumore della spada sguainata veniva surclassato
dal ringhiare della bestia famelica
che si preparava al micidiale balzo
e l'eroe assunse la posizione difensiva.
La temibile belva gli balzò addosso
in men che non si dica gli occhi vuoti e senza pietá
lo stavano scrutando attraverso i suoi,
ed egli poté fare altrettanto vedendo l'oscuritá dell'animo
e l'assolutaprevalenza dell'istinto primordiale
che ognuno di noi ha in sè.
Con un abile gesto afferró la spada
e recise l'enorme collo dell'animale
facendo sgorgare ogni singola goccia del suo sangue
versandoselo addosso in segno di rispetto
verso colui che gli ha mostrato
la vera oscurità dell'animo.



Share |


Opera scritta il 21/08/2015 - 18:40
Da simone brunetti
Letta n.411 volte.
Voto:
su 12 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?