Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

DOLCEZZE...
La sera....
Nuova sera...
Lancillotto abita qu...
@ Rossana...
Di notte...
Comunicazione non ve...
Nel mio nulla...
Infinito...
La gallina dalle uov...
Due parole...
MILKY CUCCIOLO...
Pensiero notturno...
Sillabari...
Ad Oriente...
La ferita...
Parole nel vento...
FRAMMENTI...
Caccia Misericordios...
Valigie....
Dolce amica......
STERILITA'...
Un ricordo...
Canto Aprico...
Pomeriggio...
Implacabile divenire...
Poesia in “Codice Be...
Una lacrima sul viso...
Serenata d'inverno...
Non c'è...
Vento...
Ode a Cuore di Burro...
Attendo la notte...
Cose così...
Gloria...
COMPLEANNO...
Un gatto in cielo...
LUCERTOLE...
La ragazza che diven...
AMORE MIO...
DOVE NASCE L’ALBA...
L'inconscio, follia,...
Chi è il malvagio?...
Haiku...
La notte dell'uomo...
Senryu nr. 4...
omaggio a san Paolo ...
La carne è fragile...
Verde...
Legami...
Incipit d\'amore...
Haiku'...
IL NOSTRO PARA...
Vita...
L'impulso...
FILASTROCCA IMPROVVI...
MI PIACI...
Nonna sorridi...
L’intero...
PER QUESTO AMORE AMA...
La venditrice d'amor...
Un angelo possiede u...
Le stagioni...
Più avari siamo di m...
SUSSULTI D'AMORE...
Canzone popolare...
Ma che cavolo !...
e non mi sento più s...
Così...
RICORDO UN BAMBINO...
il merlo canterino...
Bellissimo sarà vede...
PARVENZE...
Nel raggio di un sol...
GIALLO...
Una persona che ama ...
haiku - nonostante...
LA SECONDA GIOVINEZZ...
Giugno 2015...
Il gioco a scacchi...
NEL BOSCO...
E' qui la festa?...
PIUMA NEL VENTO...
tempesta...
Solitudine...
IL DUCA ED ISABELLA...
respiro...
sentinella...
L'urlo del silenzio...
BORGO ANTICO...
Il leone e il topo d...
Haiku P...
Si vive per morire...
La notte...
Il castello...
Crepuscolo di giardi...
Due nuvole...
Partire...
Pescatore...
La ritmica del cuore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Avventura d'altri tempi

Il prode si incamminava per il sentiero
ma venne preso di mira da un orribile fiera
dal pelo ricoperto di sangue dovuto ad una precedente preda
rizzando il pelo e mostrando gli enormi canini
fece capire che avrebbe sgozzato chiunque
anzi qualsiasi cosa gli si parasse dinanzi.
Il rumore della spada sguainata veniva surclassato
dal ringhiare della bestia famelica
che si preparava al micidiale balzo
e l'eroe assunse la posizione difensiva.
La temibile belva gli balzò addosso
in men che non si dica gli occhi vuoti e senza pietá
lo stavano scrutando attraverso i suoi,
ed egli poté fare altrettanto vedendo l'oscuritá dell'animo
e l'assolutaprevalenza dell'istinto primordiale
che ognuno di noi ha in sè.
Con un abile gesto afferró la spada
e recise l'enorme collo dell'animale
facendo sgorgare ogni singola goccia del suo sangue
versandoselo addosso in segno di rispetto
verso colui che gli ha mostrato
la vera oscurità dell'animo.



Share |


Opera scritta il 21/08/2015 - 18:40
Da simone brunetti
Letta n.433 volte.
Voto:
su 12 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?