Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SIAMO I POETI...
Il matto...
Come alberi in autun...
Sospeso...
Primo amore...
Irene...
Parigi, Febbraio 194...
Passegiando la matti...
Rapporti Umani...
CUORE DI PIETR...
Non trovo....
Il cucciolo...
Promessa....
La domenica dei mort...
SIMILI...
FRUSCIO DI FOGLIE...
Il sonetto dell'autu...
Quel momento in cui ...
Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
Me ne voglio ì lunta...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



migrante

Migrante


La notte sul molo imbianca
il traghetto porta a levante
mentre incerto del mare è l’orizzonte.
S’apre tersa la visione del cielo
rientrano le barche col bottino
s’inchina il mio paese al primo sole
sfumano alla luce del mattino
le veglie del lungomare .


Con un fremito si parte
non c’è tempo per pensare
vedo della terra le sponde
conosciute e sempre amate
emigrano le speranze
destate dalla terra mia natale,
dell’onde sospinte dal maestrale,
s’ode lo scroscio alle fiancate.


Sale l’ansia d’arrivare in altro porto
riprendere il viaggio in altro mare,
miglia consumate nell’andare
m’accompagna il sole appena sorto.




Share |


Opera scritta il 21/03/2016 - 19:26
Da Nello Farris Rivano
Letta n.355 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Grazie a tutti..! Gentilissimi

Nello Farris Rivano 16/04/2016 - 11:46

--------------------------------------

Poesia molto musicale, dal profondo contenuto, espresso con maestria ed eleganza
Molto piaciuta
Ben venuto nella casa di Oggi Scrivo.
Con simpatia
Nadia
5*

Nadia Sonzini 23/03/2016 - 09:32

--------------------------------------

MOLTO BELLA *****

POETA DELL'AMIATA LUPO DELL'AM 22/03/2016 - 13:24

--------------------------------------

BENVENUTO TRA GLI AMICI E LE AMICHE DI OGGISCRIVO.
UN ACUTO QUANTO ESPLICITO DECANTO FORGIATO PER NON DIMENTICARE I PROPRI AFFETTI... IL PROPRIO LOCO NATIO... IL SUO PASSATO...
LIETA GIORNATA.
*****

Rocco Michele LETTINI 22/03/2016 - 05:09

--------------------------------------

Molto lirica e pittorica nella descizione dillo struggente abbandono della propria terra e delle radici affettive. 5*

salvo bonafè 21/03/2016 - 22:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?