Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ANIME DI PIETRA...
Thipheret...
Argento...
Haiku 15...
LE DIECI STANZE...
riflessioni n. 6...
UNA BELLEZZA DA SALV...
La nave va...
La poesia è il siste...
Questa bomba di vita...
Pelle d'Ocra...
Liquide distanze...
Goccia...
Le Carte...
MADRE TI TROVERO...
Tanka 11...
Lassù nel cielo...
IN BILICO COME UN EQ...
MISURA DEL TEMPO, MI...
Qui...
Oltre la vita...
EFFIMERA SEMBIANZA...
Disordine e anarchia...
Vento di profumi...
Forza Cagliari...
Io amo....
Turista nella nebbia...
fuga dalla solitudin...
Distorsione Notturna...
Lasciami andare...
Un fiore...
SAMAEL, il concepime...
Noi...
Dimmi...
Autunno....
Pensieri ,(per la fi...
Bevendo birra in tab...
ANCORATI RINGRAZIAME...
AUTUNNO...
Quante lune attraver...
20:48...
Foglie...
Oggi e ieri...
La marcia...
ADDIO...
Abbandono...
FIDATI OGNI TANTO...
Donna ti amo....
Nello specchio dell'...
METAFORE...
Tutte le volte che h...
Se adesso sei nei mi...
La danza delle fogli...
Umida è l'aria...
Con l’incertezza del...
Delle tue mani...
Oltre la gente...
Fantasia...
Tanka 10...
FRAGILE...
La stagione nuova...
Oleandro...
Il canto dell'autunn...
Il Nulla e il Tutto ...
Le bambole...
Paura...
Haiku dolce...
Con i nostri pensier...
Nuotando...
AMICI (seconda parte...
Poesia breve - Tanka...
Prima neve...
NOTTE ESTIVA...
RIMARCHEVOLE NE FU L...
Gelo...
Lo scrigno...
Desiderio...
HAIKU COMMEMORATIVO...
Il Templare di Árnes...
L'Amore è magia...
Tra queste pareti...
Pensare a te...
Terra mia...
C\\\'é vita dentro u...
Vuoto...
REPROBI ANGELUS (IV)...
Tanka 9...
Addio...
La Quarta Testa di D...
Depressione, spietat...
...è azzurra...
Sensazioni 7...
ANCORAGGIO...
Trentaduesima sonata...
Io...tu...
Tanka...
la non accettazione ...
sapete cosa e' la...
Tu sei...
Le domande di Nicol...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La burba (Prima parte) Per rispettare le regole di oggi scrivo.

Nel centro addestramento
neppur se ne parlava
di “nonni” e di “burbaccia”:
non c'era pace un momento
perché dopo la marcia
con la pioggia o col vento
senza un solo lamento
si sgobbava soltanto.



Si era infine costretti
dopo un po di riposo
a estirpare le erbacce
sui viali opprimenti
dell'antica caserma:
poi a dar di ramazza
sull'androne d'ingresso
e all'usurato cesso.



Poi a rancio ultimato
si pulivan dal grasso
le vetuste marmitte
ricevendo minacce
per un guaio commesso:
maltrattato da fesso
non si aveva il permesso
di varcare l'ingresso.









Prima d'esser concessa
una libera uscita
si doveva imparare
la cadenza del passo
restare sull'attenti
e salutare di scatto:
la barba ben curata
e la zazzera folta
tutta a zero rapata:
portare molto fiero
la divisa onorata
contegnoso ed austero.



Dopo tre settimane
di soggiorno obbligato
nell'angusta caserma
c'è la prima sortita:
si riversano in gruppi
nelle strade deserte
centinaia di burbe
tutte in pieno vigore
cercano aperte porte
del mercenario amore.


Si ritrovan festosi
su locande e taverne
sorseggiando vogliosi
un bicchiere di rosso:
con il calice pieno
nella fredda serata
gridano con ardore
e finita! e' finita!
poi alzando il bicchiere
urlano a più non posso:
scordando che la “naia”
e' appena cominciata. (1°) Continua)



*




Share |


Opera scritta il 30/04/2019 - 18:09
Da Gabriele Vacca
Letta n.163 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ho l'impressione che chi scrive abbia fatto davvero il militare. Era proprio così, ma a 18 anni si sapeva sopportare tutto alla scoperta di un nuovo mondo e a contatto con tanti ragazzi che venivano dalle diverse parti d'Italia. Così imparavi ad ascoltare anche tanti altri dialetti.
Nostalgia ? non so, comunque un'esperienza, che ciascuno giudicherà a modo suo.

ALFONSO BORDONARO 01/05/2019 - 13:57

--------------------------------------

Interessante, aspetto il seguito allora. Bravo!!!

Maria Isabel Mendez 01/05/2019 - 00:19

--------------------------------------

Bravo Gabriele

Francesco Cau 30/04/2019 - 22:18

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?