Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Biagina...
Maison du monde...
Creatura...
Il crinale...
Papaveri e papere...
Vietato giocare al p...
Diletto Antico Desti...
SETTEMBRE...
La falsità presuppon...
Un'altra primavera...
AIUTAMI A CREDER...
L\'invisibile...
I tempi belli...
IL CERCHIO DELLA VIT...
Sera...
Sono la vittima (non...
Il cinico, l'infame,...
Ultimi saldi...
La poesia evoca o sc...
Evocando te (Concors...
IDEALI...
LA PORTA...
Diario di bordo...
Lacrime...
La campana di vetro ...
Quando...
GLI AMICI DELL\'ESTA...
Fior di luna...
Resta...
SOGNANDO TE...
HAIKU 38...
Avanzi di poesia...
Da mane a sera...
7...
Mille lune ( concors...
Sogno d'amore...
In un fumetto di Cla...
Big Gym...
Chirp, chomp e chok...
Una favola antica...
SPOSA IN FUGA...
Francesca Manzella...
Tra uno strappo e un...
Io ti canto...
Giaccio...
Vado sfogliando...
Dove sei andata ?...
Elisei...
Il testa di caxxo...
Un piccolo pianto...
Alla mia meraviglia...
Umanità fallita...
PETRA...
Anima solitaria...
Poteva essere...
Scale verso il nulla...
Nonostante il freddo...
RICORDANDO L' AMOR...
Come fogli di carta...
Ritrovarsi...
PLACIDO...
L'ombra (lipogramma...
Non conosce falsità ...
Stampata sugli euri...
Carcerieri di noi st...
Pippo il Polpo...
Sprazzi Vitali...
Nuvole bianche...
CON STILE...
Ideare e progettare ...
Brividi assalgono...
Dove osano le oche o...
QUANDO SCRIVO...
Orologio...
Anche se (100 parole...
Proverbio indù (100 ...
Câblé n.5...
Luce e penombra...
Il meteorite gigante...
La solitudine bisogn...
mila pezzi...
Autunno Asseminese. ...
HAIKU 37...
È ancora primavera...
Il Dolore...
E tra I flutti una s...
L' AMORE HA CONOS...
Ti scrivo (100 parol...
VIVERE IL PAESE...
Velatura...
Fascio...
Non temere l’insicur...
Moto Zen (1)...
La tomba di Renzo eL...
Guadando il fiume...
Ciò che rimane ( con...
melograno...
Anima....
Masai...
Inquietudini...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



CLOCHARD

Notti gelide nelle periferie,
tra anfratti e aguzzi roveti
sotto pietosi sguardi…vai!


Fratello nomade,
brillano le stelle, giri e rigiri
in balia del vento gelido,
tra le onde dei passanti
annaspi nella barca tarlata.


Sopravvivi con fatica,
girovaghi con dolore,
errante senza meta
tra mille luci nella notte,
distruggi i tuoi sogni
tra le panche tarlate.


Prosegui veloce,
già distante appari,
avvizzito fiore disteso,
accartocciato nelle trapunte
dall’odore pregnante
consumate tra l’indifferenza
dell’umana razza
sorda e cieca,
chi asciugherà le tue lacrime?.


Nessuno stende la mano
nessuno t’incoraggia
nessuno ti porta via da questo
mondo spettrale.

Vai figlio della notte,
solitario vai, riposati e copriti
nel tuo sudario di cartone
sarai deriso e strattonato, ma…
non sarai dimenticato.




Share |


Opera scritta il 06/08/2022 - 17:03
Da Carmine De Masi
Letta n.329 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Un tema che sta a cuore a tanti di noi.
Persone affettuose e caritatevoli esistono.
Il sentimento dell’indifferenza…purtroppo regna.
Ringrazio con stima e simpatia.

Carmine De Masi 07/08/2022 - 19:16

--------------------------------------

Particolarmente sentita *****

Angela Randisi 07/08/2022 - 14:46

--------------------------------------

Bellissima pure io ho scritto molto su di loro.

Zio Frank Storie del gufo 07/08/2022 - 10:44

--------------------------------------

Molto intensa e sentita... ne conosco diversi e ho scritto tanto per loro.
Ma questi sguardi pietosi di cui parli all'inizio io non li vedo proprio, solo tanta, tanta indifferenza.
Bravissimo, condivisa questa tua

Marina Assanti 06/08/2022 - 20:50

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?