Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La giostra Felicità...
Salpare verso le ste...
È tardi...
Felicità...
Tovaglioli...
L'ornitolo...
UNA VOLTA E' S...
La maledizione dell’...
Di bianchi...
ACCOMPAGNAMI ALLA VI...
Sole di nebbia...
'O Puvuriello - Il p...
Invidia...
In pace con se stess...
Analisi del mio scet...
Volare...o forse no!...
Chi sei......
Canto di lei che ven...
La lucciola...
La mia storia- OTTOB...
Le Odle...
ODE AL MIO SORRISO...
Loro non c'entrano...
Il sole è amore...
SOLCHI PROFONDI SULL...
Vacanze virtuali...
A mia moglie...
Una storia d'amore...
Aspettando l'amore...
Sogni e Incubi...
Ci siete...
Il tempo...
HAIKU N.18...
La vita in un attimo...
LEGAMI...
La domenica...
IL SOGNO DI DOM...
Lettera dal carcere...
Parvenze teatrali...
CATERINA...
Il ciottolo e la nuv...
Il figlio del male...
Dentro...
addio veramente a...
Il bacio del mattino...
A MALI ESTREMI...
ISTANTI...
Macedonia Onirica...
L'UMANO...
Ricordando te...
Vivi e comportati co...
SONO STELLA...
Marea...
È felicità...
Illusione...
NON RUBARE I MIEI CO...
Tu sei la mia luce...
La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Masturbazione Festiva

La morte sale dalle piante vergini.
La terra si piega su se stessa.
Quando sarà il primo sisma?
Nel frattempo, i bambini si spaventano
davanti a fiori che sanno di fiele
e il circo esplode in riva al mare.
I poveri cercano il mais nascosto
nella tasca di chi lo compra.
Il seme, però, strappa le tenebre.


La città compromette di peccati il tuo destino.
La città dove le donne si tuffano fino al midollo osseo,
fino alla sillaba strappata dalla notte.
Elevati suoni coprono la bocca, la corrodono,
la sfrenano, la sporcano.
Ti affondano con una boa di pietra,
ti ingrandiscono con violini in mezzo al fieno.


Il musicista arriverà veloce, ereditario delle acque,
e ti dico:fiore, erba, pianta spinosa, goccia di miele.
Alla porta della foresta
temo i passeri di profilo, gli avvoltoi, il becchino,
alcuni serpenti.
Il piano ha la tastiera consumata,
corde di fango.
Alcol per il traguardo dell’inverno.
Solitudine pisciata da due ubriachi.


La fessura si copre di muschio vicino all’ano.
I pagliacci rovinano tutto,
persino il proprio aroma in bocca scomposto dal riso.
Al fondo, la statua si muove cauta al sapore della brezza
ed è trascinata da bisce già morte.
Masturbazione?
È un gioco a molte voci, pensano i giovani,
e a fuoco lento la carne va cuocendo.



Share |


Poesia scritta il 29/01/2015 - 12:20
Da Poeta Operaio
Letta n.387 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?