Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Diavolo...
Luci al neon...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
È AUTUNNO...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
Il respiro dell'autu...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il guardiano delle acque

Un guardiano sulla riva
nulla sa di monte o valle:
a tutto dà le spalle,
solo quel che vede
è quello che conta
è quello che c'è.
Sotto gli occhi tutto scorre:
il tempo passa
e che fermo resta
se tra un'onda si ripete
tutto quello che non torna,
tutto quello che non c'è.
A monte forse c'è la fonte,
forse batte ancora un cuore
forse ancora c'è un perchè.
A valle forse c'è la foce
dove forse la sua voce
canta ancora anni andati
chiama forse ancora te.
Fermo là sulla sua riva
dice addio a monte e valle,
all'acqua cheta dà le spalle:
è tempo di tornare,
addio a tutto quel che affonda
addio a lei che più non c'è.


Share |


Poesia scritta il 15/06/2010 - 20:04
Da Donna Pola
Letta n.652 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Grazie ragazze per i vostri incoraggianti commenti! Speriamo di ruscire ad essere lungimiranti e di avere sempre il coraggio di gettare il cuore oltre....la riva! Un abbraccio

Donna 22/06/2010 - 16:48

--------------------------------------

grande Donna!!! Mi piace molto come hai saputo intrecciare il corso dell'acqua con l'amore...Stupendo scritto continua così

adelaide 20/06/2010 - 18:46

--------------------------------------

Cercare di vedere oltre la riva e'un buon passo che l'uomo puo' fare.Di solito ci si perde a guardare cio' che si vede davanti al nostro naso. Bellissima poesia.Un abbraccio

Zenit 20/06/2010 - 14:24

--------------------------------------

Grazie Massimo, grazie Antonyo! A presto!

Donna 20/06/2010 - 12:31

--------------------------------------

ottima la tessitura e la forma egregio l'impatto emozionale complimenti un abbraccio antonyo

antonyo 17/06/2010 - 18:01

--------------------------------------

Perché sottrarre all'intelligenza la necessità di considerare le cause e gli effetti che stanno, necessariamente, oltre alla ristretta visuale che si ha quando si osserva da un particolare e limitante punto di vista? Chi si limitasse a guardare solo un'ansa del fiume potrebbe pensare che in quel mulinare d'acqua la corrente segua una direzione contraria a quella che è in realtà. Chi guarda, da vicino, l'intreccio dei fili di un telaio non vede l'arabescato tappeto, ma sa che c'è.

Massimo Vaj 16/06/2010 - 10:59

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?