Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
L'Universo è infinit...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo n...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...
Lampo....
Sire (cugino August ...
La memoria...
Archor...
Lalla...
Il mese dello Squarc...
IL VAMPIRO DICE ...
Lo spettatore...
Guidare la propria v...
Il cane...
Mormora (Concorso po...
Cuore felice...
Grotta del fico...
Dove sei?...
INTRECCIO...
Errare...
Oltre il tempo...
volevo descrivere fi...
Noi...
Cuccioli del mio cuo...
Cambio stagione...
MEDICI E INFERMIERI...
Si sa, l'unica cosa ...
Per te solo per te...
OTTOBRE...
La voglia di fare l'...
Un gattino come dono...
LA MIA MUSA...
equilibri...
Magutt...
Pareidolia (oppure ...
Il rumore delle onde...
Note d'amore....
Guarderò il futuro...
La mia gatta Gelsomi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Intemperanza politica

Mi trovavo, di mattino, al Municipio
giacchè sbrigar dovevo un’incombenza;
di botto fui d’ergumeni in corto spazio
che perso aveano il senso della decenza.
L’un volgarmente all’altro si scagliava
mentre quell’altro,in urla, bestemmiava;
l’uno del ladro dava al suo collega
l’altro parea avere gusto a brutta bega.


L’uno la Benemerita invocava
l’altro, la strozza,d’un balzo afferrava;
quello di stazza grossa ed imponente
rendea quell’altro nullo ed impotente.
Fortruna l’ali stese,in quel frangente,
giacchè trovavansi vigorosa gente
che, il piccolo sollevava con veemenza
e al bisonte entrava in colluttanza.


Ed or,ciò detto, pure il mio pensiero,
mi si consenta esponga: Degrado
peggiore esser non potrebbe se al guado
d’aspettar il collega l’altro n’è altero:
Miserabili,di cordata, furon compagni
per conquistare un umile sgabello
e non disdegnaro neppur loschi convegni
amando coda di leone a capo d’agnello.


Di bega e lascivia la gente non ha usanza,
nel rispetto di legge vuole governanza;
necessita ,d’amministratori, vera presenza
che alla comunità dia rispondenza.
Uomini, quindi, di governo degni
di rispetto intrisi, non di sdegni,
ch’abbiano per sol fine bene comune
e interessenze mai, giammai niune.


Chi della cosa pubblica ha la reggenza
non stia un letargo e misera temperanza;
s’adoperi a togliere crosta e indecenza,
dimostri ancor fermezza e sua prestanza
pur senza dare sfogo all’impazienza.
Ridoni al popolo suo persa speranza,
fà che ripudio non tocchi comunanza
e designi il consigliere per competenza.



Share |


Poesia scritta il 05/12/2011 - 16:32
Da nello maruca
Letta n.936 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?