Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SORRIDO ALLA VITA...
CANTICO DEI GATTICI...
Componimento elegiac...
QUANDO LA RAGION...
DONNA GUARDA LA CICO...
Zio Franco...
L'ODORE DELLA PIOGGI...
VUOTE PAROLE...
Haiku nr. 7...
Evoluzioni....
Partenze...
VISIONE...
Leggenda...
ODE AL LATO B...
Dai bambini poveri d...
Primavera...
Haiku (Occhi intenti...
Le 10 regole per ess...
La Cardella...
PICCOLO PROMEMORIA, ...
CUORE APPESO...
NON SIAMO SOLI...
Il rumore...
Caffè amaro...
Travestiti...
Sulle labbra il mio ...
Il mio nome è Altair...
Rosina innamorata...
L'ora blù...
Router 66...
Sorrido alla primave...
Muoio e vivo nello s...
Ballo da sola...
L' alfabeto...
Io e la vita...
Il dolore...
Sera di primavera...
ciclo vitale...
Haiku... caudato...
Non un minuto in più...
Spartimmece \'e suon...
Oltre la vita...
...che non fossero r...
Era una stella...
Da un rifiorire di m...
PRIGIONIERO DELLE MI...
Basket (così è la vi...
Quella primavera...
Ricordi...
Il Carbonaio mio Pad...
Un amore a Venezia...
Un mondo d'amore...
La pace nell'anima...
Ci sono anime talmen...
Fratellanza...
fine...
Argento...
METEO STABILITA' CON...
Il giardino dei rico...
Tutto in una notte...
Piove sole sopra di ...
Tramonto....
Una punta d’inchiost...
Semenza...
Haiku 6...
Cuore...
Come un girasole...
Melodia...
Caffè amaro...
Voicu, il vampiro...
LA PRIMAVERA...
Ad Angela......
Al ristorante.......
Haiku 3...
Libera, vorrei......
Corolle...
Passione...
No english, no party...
Sogno...
TRE CROCI...
Aridi deserti...
Morte...
UN QUADERNO A RIGHE...
Ali di angeli...
il risveglio della c...
PER LUI E LEI TRA FA...
L’orgoglio spesso co...
Racconto in tre righ...
Il mio melo...
NON MI BASTI MAI...
IL DESTINO...
La primavera...
E' difficile unire l...
DialogicaMente...
Haiku nr. 6...
Finiamola di essere ...
NOTTI DI LUNA PIENA...
Quando mi doni le gi...
Avanti...
Respice post te. Hom...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Bestia

Il mese Mariano, a tutti è noto
riempie le mangiatoie del loro vuoto;
sia d’erba che di fiori e pur d’ortaggio
avea scarsezza,però,quel mese di maggio;
assai pur’ acqua quell’anno n’era poca
ch’ogn’essere vivente averla invoca:
E, allora Iddio ch’è bontà infinita
avea dilemma: A chi non dar la vita?


Aveva,Egli, già stabilito quanti
viventi in terra esser presenti
indi correggere specie potea di qualità
senza,peraltro,muoverne la quantità.
Fu così che nel fare degl’asini la conta
alfine non rendere a nessuno onta
una unità la trasformò d’aspetto
lasciandogli di bestia l’intelletto.


Nacque così quell’essere corrotto
ch’accaffato posto d’elemento dotto.
Mostra d’umano tiene sol la scorza,
ogni suo atto è belluina forza.
Porcara prima, yena fu di poi
onta cosparge su ognun dei suoi
chè sua esistenza pari è a bubbone
tiranna come di Fère fu Giasone.



Share |


Poesia scritta il 05/12/2011 - 16:40
Da nello maruca
Letta n.585 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?