Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
È AUTUNNO...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



A me bedda

Mai, l'occhi mei vidduru biddizzi comu i to
dui stiddi commu occhi, na rosa comu vucca
e fili di sita comu capiddi
mai, lu me cori s’avia nammuratu
e mancu lu me sciatu nù suspiru avia fattu
tantu era l’orgogghiu, di lu masculu sicilianu
mi sintia forti, e nun’avia tempu pi sti cosi cà fannu scimuniri l’omini
nà me menti dicia sempri, nun c’è fimmina nnì stu munnu
chi pozza cu na taliata, farimi perdiri u ciriveddu
chistu, lu pinzava finu a ieri, quannu di na vanedda
vitti spuntari na carusa, di biddizzi chi nun si possunu magginari
a taliai nni locchi, idda mi ficci nu surrisu
e nnì du mumentu, lu me cori, forti e duru comu na petra
s’arrimuddo, e mi fici pruvari ddu sintimentu cà tutti chiamuni amuri.
Ora idda è luntanu, ju aspettu ca tonna, n’tà sta bedda Sicilia
e noffratempu a penzu, iettu suspiri, e lu me cori tuppulia forti ndò me pettu
tu viri na fimmina comu fa aridduciri l’omini
iu, omu tuttu dunpezzu
chi sulu a cipudda mi faciva cianciri, moru d’amuri, pì l’amata mia.
ora
s'arranca lu me cori nè chianati do paisi
ma cuntentu di sapiri chi na stidda avi vicino.
Jahweh59 14- 07 - 2012


Share |


Poesia scritta il 15/07/2012 - 18:44
Da Calogero Leonardi
Letta n.542 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?