Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

IO TUTTOFARE...
Forse il mare...
-Storia-...
Parlami...
Vattene che sei in t...
Avvento...
Solstizio d'inverno...
Ogni attimo...
Struggenti note....
Ombra di luce...
Il sole a quadri...
Risurrezione...
haiku 31...
Dolore e felicità...
E sussurrai al vento...
Che fatica !...
nostro?...
LA MIA CITTÀ (Tries...
IL MITO DEL MO...
Le porte del sogno...
Trieste...
Tempo, nostalgia e m...
L’avvita...
Siti di quiete....
Anna e Filippo...
Senza volto......
DISEGNAVO CHITARRE E...
Dolce sconosciuta....
I più veloci del mar...
Scrissi di noi...
Dicembre...
Risveglio...
La forza interiore s...
Si deve...
GIORNO SPECIALE...
HAIKU N.10...
L'artista...
Stupore...
SCUSAMI...
Egoismo...
A piedi nudi...
Come neve...
Il Natale...
Inverno...
Un senso di me...
Natale 2018...
Figlia...
Non c\'è posto per m...
Scrivimi...
Dedicata a......
Il biglietto d'ingre...
LA POETESSA DEL...
31 ottobre...
Bambino caro...
Eternamente Tu...
Uomo (vita)...
QUELLA FINESTRA APER...
ERA BIZZARRA...
Messaggio di Natale...
In questa mia sera...
CONFUSO...
Inverno...
e guardo i papaveri...
IL GIARDINO DELLE PA...
Fantasia furfante....
IL FANTASMA DELLA BI...
Forse un giorno...(m...
Mi piace guardare l'...
Troppi sentimenti fa...
dio esiste perchè ha...
Piccolo uomo...
Trepidi richiami...
Nuovo Evento...
NATALE 2...
Un ponte...
Abbiamo la coscienza...
HAIKU' ***...
Decoupage...
Connessione....
Nella sua meraviglia...
La nostra stella......
HAIKU N.9...
Sogno...
QUESTO NATALE GALOPP...
SOFFIO DI VITA...
Sussurro della vita...
Domani ancora noi...
Riflessioni...
Donna avvolta...
LA VITA...
LA NOIA SI VE...
Frenesie...
Fai presto a dire an...
Dovrei...
Natale all'improvvis...
Il futuro...
La vita ( Il respiro...
Rumore...
Senza possibilità di...
La sedia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Preghiera dell'Orfanella

Quando ch’ancora il latte mi donava
persi l’aggrappo a lauta mammella
di quella nobile figura dolce e bella
che sopra al core suo mi dondolava.


Un dì per smisurata malasorte
in fretta si partì per luminosa
via lasciandomi di nettare desiosa
alfin di Dio venir a maestose Porte.


Inver con me voleva ella restare
ma divin Forza al ciel la fa carpire
e a nulla valser lo suo reagire
né le suppliche mie per fer voltare.


Qual uccelletto io ancora implume
restar volevo nel mio caldo nido
ma lo destino tristo quant’infido
non volle lì mettessi le mie piume.


PregarTi, allora, Madonna, non potevo
ché ancor lo cervel mio non connetteva
né la mia lingua verbo ancor diceva
né di mie gambe passo alcun movevo.


Ma ora che lo cervello s’è ingrandito
e lo cuor mio per malor si è spanso
e molto a ragionar riesco e penso
a questa preghiera l’ascolto Tuo invito:


Se darmi non vuoi ancor l’amata mamma
perché poss’io toccarla ed abbracciarla,
se in Cielo vuoi Tu ancora trattenerla
privandomi ognora della mia fiamma

fa ch’io giunga almeno ai Tuoi piè santi,
fa che alla scala dell’empireo approdi,
lascia almeno lì che la mia mamma godi
e di sospiri la copri e di miei pianti.



Share |


Poesia scritta il 23/08/2012 - 12:47
Da nello maruca
Letta n.752 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


decisamente bella.
Ho pianto.
e ti rendo grazie.
con stima.

Io Sono 25/08/2012 - 15:17

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?