Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...
Poesia......
Tre corse in tram...
Un tanto ingenuo e t...
Sul lungomare della ...
Cavaliere della carr...
Se insegni con passi...
L' odore dell'amore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

lo spirito

LO SPIRITO


Quando lo spirito è stanco.
Quando il corpo è stanco.
La mente divaga e si perde
in oscuri abissi di tristezza e malinconia.
Io in quei momenti appaio assente,
lontana, grigia come il mio umore.
Assente e lontana da tutto.
Vecchia e stanca mi sento.
In quei momenti di persa coscienza,
non sono.
Non sono niente,
solo un pensiero vagante.
Come il polline di primavere
che danza nel cielo
sospinto dal vento.
Volo nel nulla oscuro.
Nel luogo del pensiero.
Col tempo torno al mondo.
Torno al mondo che triste soffre e chiede pietà.
Ma nessuno ode le sue urla
ed io ascolto e soffro.
Resa muta dalla sordità umana.
Io soffro.
Lei soffre.
Ma io fuggo nel pensiero
e lei no.
Lei legata alla terra.
Ella è la stessa terra che ci nutre.
Ma noi ogni giorno la calpestiamo.
Noi stupidi, stolti umani non capiamo.
Abbiamo scordato.
Perdute le nostre conoscenze.
Siamo diventati ignoranti nella nostra conoscenza.
Siamo avari di cose lontane,
quando abbiamo ricchezze così vicine a noi.
Ma non c’è ne accorgiamo.
Siamo sordi in un mondo che piange.
Ferito dalla nostra insensibilità.


08/05/09



Share |


Poesia scritta il 04/08/2010 - 19:20
Da chiara munaro
Letta n.547 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?