Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...
La Verità...
Cinema IRIS...
Tanka1...
La paura è un meccan...
SETTEMBRE...
A qualcuno piace ton...
La Notte scende sul ...
HAIKU N. 13...
Il rumore della piog...
Soffio...
Sensazioni 5...
Manca coraggio...
Musa 2...
Non avrei potuto...
l\'errore...
Il primo bacio...
Tradire...
SONO STATA...
Il recapito...
l'embrione dell'amor...
Se fossi vento...
ITALIA BELLA...
un gatto randagio...
HAIKU F...
Ascolta il vento...
Dialogato...
Haiku n°8...
Pianura...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

lo spirito

LO SPIRITO


Quando lo spirito è stanco.
Quando il corpo è stanco.
La mente divaga e si perde
in oscuri abissi di tristezza e malinconia.
Io in quei momenti appaio assente,
lontana, grigia come il mio umore.
Assente e lontana da tutto.
Vecchia e stanca mi sento.
In quei momenti di persa coscienza,
non sono.
Non sono niente,
solo un pensiero vagante.
Come il polline di primavere
che danza nel cielo
sospinto dal vento.
Volo nel nulla oscuro.
Nel luogo del pensiero.
Col tempo torno al mondo.
Torno al mondo che triste soffre e chiede pietà.
Ma nessuno ode le sue urla
ed io ascolto e soffro.
Resa muta dalla sordità umana.
Io soffro.
Lei soffre.
Ma io fuggo nel pensiero
e lei no.
Lei legata alla terra.
Ella è la stessa terra che ci nutre.
Ma noi ogni giorno la calpestiamo.
Noi stupidi, stolti umani non capiamo.
Abbiamo scordato.
Perdute le nostre conoscenze.
Siamo diventati ignoranti nella nostra conoscenza.
Siamo avari di cose lontane,
quando abbiamo ricchezze così vicine a noi.
Ma non c’è ne accorgiamo.
Siamo sordi in un mondo che piange.
Ferito dalla nostra insensibilità.


08/05/09



Share |


Poesia scritta il 04/08/2010 - 19:20
Da chiara munaro
Letta n.654 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?