Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo n...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...
Lampo....
Sire (cugino August ...
La memoria...
Archor...
Lalla...
Il mese dello Squarc...
IL VAMPIRO DICE ...
Lo spettatore...
Guidare la propria v...
Il cane...
Mormora (Concorso po...
Cuore felice...
Grotta del fico...
Dove sei?...
INTRECCIO...
Errare...
Oltre il tempo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

lo spirito

LO SPIRITO


Quando lo spirito è stanco.
Quando il corpo è stanco.
La mente divaga e si perde
in oscuri abissi di tristezza e malinconia.
Io in quei momenti appaio assente,
lontana, grigia come il mio umore.
Assente e lontana da tutto.
Vecchia e stanca mi sento.
In quei momenti di persa coscienza,
non sono.
Non sono niente,
solo un pensiero vagante.
Come il polline di primavere
che danza nel cielo
sospinto dal vento.
Volo nel nulla oscuro.
Nel luogo del pensiero.
Col tempo torno al mondo.
Torno al mondo che triste soffre e chiede pietà.
Ma nessuno ode le sue urla
ed io ascolto e soffro.
Resa muta dalla sordità umana.
Io soffro.
Lei soffre.
Ma io fuggo nel pensiero
e lei no.
Lei legata alla terra.
Ella è la stessa terra che ci nutre.
Ma noi ogni giorno la calpestiamo.
Noi stupidi, stolti umani non capiamo.
Abbiamo scordato.
Perdute le nostre conoscenze.
Siamo diventati ignoranti nella nostra conoscenza.
Siamo avari di cose lontane,
quando abbiamo ricchezze così vicine a noi.
Ma non c’è ne accorgiamo.
Siamo sordi in un mondo che piange.
Ferito dalla nostra insensibilità.


08/05/09



Share |


Poesia scritta il 04/08/2010 - 19:20
Da chiara munaro
Letta n.773 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?