Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Si è veramente giust...
Nuovi raggi di sole...
Abbiamo regalato due...
RIFLESSI...
Dissolvenza...
PENSIERI CHE VOL...
Il Girasole Rubato...
CUORE SENSIBILE...
IL TRIONFO DELLA COS...
Noi...
Monoblocco...
E si che per biondal...
Esse...
Novello Icaro...
Navigare...
Il piacere nel goder...
San Lorenzo...
Notti d'Orione...
Tra le parole che no...
Ogni volta che mi ba...
La pineta dei sogni...
Camelot...
Quando papà scacciav...
ONORE E LODE...
I KRUMIRI...
Composizione n.401...
Sognare l'amore...
Lemma D'amore...
IL MONDO TI DEVE QUA...
RISCOPRIRE L' AMO...
Acqua...
L'ultimo desiderio...
Partita con la Morte...
Angela...
Festosa Luna...
Attesa di te...
Incerto...
Quel sorriso a metá...
NOI POETI IN ERBA...
Lei è a casa...
Il pianto del mare...
Lacrime amare...
In un soffio di ciel...
Calicanto...
Il matrimonio non è ...
LA MORTE LA ...
Compagne di scuola...
Ad occhi chiusi...
Uomo ma anche donna...
Leggeri i corvi si a...
Abbozzo...
Il Lupo e la Luna...
In tre minuti...
Speme...
Il luogo dell'ombra...
Le parole...
Sorrido...
BELLA SCOPERTA...
EQUILIBRIO E FO...
Membrana del mondo...
Donna troppo eccessi...
Antiche Magie...
Affascinati...
Utopia di un parados...
Momenti magici...
Alternative...
SCIVOLO LUDICO...
Le fronde...
Irrilevanza...
Il Dio che intendo i...
Nuove note...
Lascia che il mio cu...
IL TORMENTATO...
Resisto...
Tutto in una mano...
Continuare a vivere...
Oublier...
NOTTE D’ESTATE...
La transumanza...
Spine...
TUFFO NEL PASSA...
Non mi è facile esse...
DOMANI...
Lettera a un gattino...
Non avere più la rea...
Come piace a te...
Cammineró...
Estate...
Afflato di luna...
La Sindrome...
Scarroccio...
Il respiro ci indica...
Baciata dalla rima (...
SUPERLUNA...
La classe non è acqu...
Raffa delle meravigl...
LA NOTTE DEL FALÒ MI...
LA FINESTRA...
SINTONIA...
L’ombra trova il suo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Scorro ricordi

Scorro ricordi
col viso illuminato da un sorriso stupito
per quanto sapemmo osare:
la tua spiga velata da intrecci di fibre,
che promette gemme e un'altra primavera;
e velo ancora è il battito
di ali variopinte di farfalla,
adagiata lieve a celare il tuo fiore;
poi il taglio della bocca
che mi invita al banchetto,
col sogghigno trionfante di chi da per avere.


Carnosa e madida di dolce umido nettare,
infine l'orchidea mostra lo stigma tumido.


Resto deriso, ape contro i vetri,
e affranto dalla succulenta esigenza
di succhiare la tua linfa di vita.



Share |


Poesia scritta il 25/11/2012 - 15:39
Da Francesco Patecci
Letta n.767 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


E come faceva a non restarci male? Il fortissimo richiamo di un'orchidea tutta pronta a farsi impollinare e l'ape dietro ai vetri che non può raggiungerla... c'è da impazzire, povera ape...!

Francesco Patecci 27/11/2012 - 17:13

--------------------------------------

quell'ape spiaccicata fa proprio sorridere
spero non ci sia rimasta troppo male.ciao

Claretta Frau 27/11/2012 - 16:19

--------------------------------------

Grazie per il tuo apprezzamento.
I ricordi sono importanti non tanto perchè rappresentano momenti più o meno belli (o brutti), ma per il fatto di essere stati "creati" per essere poi "ricordati".

Francesco Patecci 27/11/2012 - 14:56

--------------------------------------

Quando i ricordi sono così ricchi di sensazioni, anche se talvolta riportano alla memoria piaceri insoddisfatti, non possono non strappare un sorriso...a tutti

Daniela Cavazzi 26/11/2012 - 21:28

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?