Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Felicità è mettere o...
La malattia...
INCOMPRESA...
L'ingenuità nell'amo...
Confini incerti...
Versi sparsi...
GRANDE È L'UOMO...
RIAPPARVE IN SOGNO...
Fiori di ciliegio...
La foto...
Sulle pagine del tem...
L'ultimo bacio...
BALCONE...
Raccolta Prima...
CLESSIDRA...
Costa Esperanza...
Solitudine...
Momenti...
Il volo di un angelo...
Noi siamo nati liber...
Decoro...
PROFUMI D'INFANZIA...
Bagagli...
PRIMO AMORE...
IO NON MORIRÒ...
Occhi...
CHI LEGGERA\' LE NOS...
Si fa sera...
Il giudizio, ammesso...
Dite qualcosa...
LA RABBIA...
ARIDA NOTTE...
Frammento d’amore...
La rosa gialla...
Blue Lobelia 1.15...
Paura...
BULLISMO...
TUTTI E TRE...
L'ombra dell'uomo ch...
Le parole più dolci ...
Scalata...
Bacio...
La saggezza consiste...
Mare in tempesta...
Prendimi per mano...
Il vinto sorgerà...
La filosofia (pensar...
Ramanujan...
soltanto un sogno...
Ritagli di vento...
L' AMORE RIPOSA...
CIMITERO ALL'IMBRUNI...
I colori dell'anima...
lascia andare...
Fiori di Pesco...
La malattia dei rico...
Emozioni a colori...
Blue Lobelia...
BRIVIDO CALDO...
CORIANDOLI DI VITA...
Il vento infausto de...
Vespero...
La distanza...
Una sera lontana...
Ti ruberei...
Le stagioni della vi...
La frontiera...
Parla...
ACCIDENTI ALL\' ...
Minchia! Signor tene...
Haiku 26...
Causa e Effetto...
Retorica-mente?...
Erotico sogno...
La erta salita...
In equilibrio instab...
PRIGIONIERI DEL COVI...
POI NULLA PIÙ...
Click ()...
Panacea...
Quel tempo che fu (l...
Il mondo che verrà...
Quando finisce un am...
E' tutto qui...
Possiamo...
Calpestar il proprio...
Non è un granché (v...
GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
La Tigre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

nebbia

Nebbia



La nebbia di gia’ avea coperto il mio borgo,
coi suoi rumori i suoi quiotidiani lavori.
Salita fin su le cime del colle,sembrava che tutto
Fosse prigioniero della sua morsa.
I comignoli fumanti alimentavano il vapore di quella
Coltre, non si scorgea se non l’ombra furtiva.
Nel mio umido orto,scorgevo le cose conosciute
Ia siepe il fruttifero albero d’arancio.
Un lento cinguettio in qualche luogo rompeva
Il silenzio del mattino che ancor non si sposava col primo sol.
I giocosi gatti facevan tuffi nelle foglie secche,che sprigionavan
Quell’ odor di terra bagnata.
Lente le ore,il sopor di nuovo prendeva vigore
In quell’aria senza vita
Goccioline di brina rigavan le finestre mi sovvenne
Il ricordo da bambino quando guardavo da
Quei vetri le giornate invernali,avean un sapor di
Malinconia!
Fuggi o nebbia che attanagli i pensieri,
che attoschi il cor se gia tristezza ha fatto albergo.
Cercavo di spezzar la barriera per scorger la luce,
tra quel griggior che governa.
Ma or m’acquieto , vana spe’ di vincer la natura,
attendero’ che si dipani.
So che domani la solitudine d’oggi sara’svanita
Mi vestiro’ con dorati guizzi del novello
Sol che mi desta e in lui mi perdo. Corrado cioci vedendo la nebbia in velletri



Share |


Poesia scritta il 13/01/2017 - 11:12
Da corrado cioci
Letta n.534 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


una gradevole opera dove porti a conoscenza il presente e il passato molto bella 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 13/01/2017 - 16:20

--------------------------------------

la terra
i ricordi
la malinconia
estremamente intensa
complimenti!

laisa azzurra 13/01/2017 - 13:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?