Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...
La Verità...
Cinema IRIS...
Tanka1...
La paura è un meccan...
SETTEMBRE...
A qualcuno piace ton...
La Notte scende sul ...
HAIKU N. 13...
Il rumore della piog...
Soffio...
Sensazioni 5...
Manca coraggio...
Musa 2...
Non avrei potuto...
l\'errore...
Il primo bacio...
Tradire...
SONO STATA...
Il recapito...
l'embrione dell'amor...
Se fossi vento...
ITALIA BELLA...
un gatto randagio...
HAIKU F...
Ascolta il vento...
Dialogato...
Haiku n°8...
Pianura...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

nebbia

Nebbia



La nebbia di gia’ avea coperto il mio borgo,
coi suoi rumori i suoi quiotidiani lavori.
Salita fin su le cime del colle,sembrava che tutto
Fosse prigioniero della sua morsa.
I comignoli fumanti alimentavano il vapore di quella
Coltre, non si scorgea se non l’ombra furtiva.
Nel mio umido orto,scorgevo le cose conosciute
Ia siepe il fruttifero albero d’arancio.
Un lento cinguettio in qualche luogo rompeva
Il silenzio del mattino che ancor non si sposava col primo sol.
I giocosi gatti facevan tuffi nelle foglie secche,che sprigionavan
Quell’ odor di terra bagnata.
Lente le ore,il sopor di nuovo prendeva vigore
In quell’aria senza vita
Goccioline di brina rigavan le finestre mi sovvenne
Il ricordo da bambino quando guardavo da
Quei vetri le giornate invernali,avean un sapor di
Malinconia!
Fuggi o nebbia che attanagli i pensieri,
che attoschi il cor se gia tristezza ha fatto albergo.
Cercavo di spezzar la barriera per scorger la luce,
tra quel griggior che governa.
Ma or m’acquieto , vana spe’ di vincer la natura,
attendero’ che si dipani.
So che domani la solitudine d’oggi sara’svanita
Mi vestiro’ con dorati guizzi del novello
Sol che mi desta e in lui mi perdo. Corrado cioci vedendo la nebbia in velletri



Share |


Poesia scritta il 13/01/2017 - 11:12
Da corrado cioci
Letta n.355 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


una gradevole opera dove porti a conoscenza il presente e il passato molto bella 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 13/01/2017 - 16:20

--------------------------------------

la terra
i ricordi
la malinconia
estremamente intensa
complimenti!

laisa azzurra 13/01/2017 - 13:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?