Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
Si comunica non per ...
La Tigre...
Poeti stropicciati...
IL SOLCO DELLA MATIT...
PIOGGIA SABATINA...
Patate in picchiata...
Solo fra i soli...
Un sogno...
Il colore dei ricord...
La crociera...
Dimmi quanto mi desi...
Un incontro fatale...
Nuovi colori simili ...
Nell'aldilà...
LA TERZA GUERRA MOND...
Sorrido...
Elisir Di Una Madre...
La mia dimora...
Sorridi, credimi e l...
Il messaggero dell'a...
Brividi d'Aprile...
Invisibile senso...
I COLORI DELL' ...
Le lacrime più amare...
Il tempo è denaro...
Gioventù 1968...
Se sei onesto e buon...
La palla lanciata gi...
Scendere...
Un velo sottile...
Il contrasto dei col...
Per...sopravvivere...
Lingue lunghe...
Il violinista...
Com'è difficile.......
Arrivare alle stelle...
Perchè piangi?...
haiku a...
Libertà...
Per Te...
Il Maggiore Lionel W...
Venti di guerra...
La vita come le stag...
Anima e corpo in gin...
GALLI...
Se entri nella mia v...
Argonauti...
SONO UN ANGELO...
Moda...
Il primo amore...
Il forestiero...
Più dai risorse, buo...
Soverchio...
Questo amore impossi...
Distopico...
Mormorio di bandiere...
Le cento candeline...
Come in trincea...
L’immaginario si fon...
Il piacere guasto...
Oltre le rughe...
Ti guardo...
TRAMONTO...
Betelgeuse...
L’Atmosfera misterio...
IL DIALOGO...
Spicchi...
PRIMAVERA COVID...
Lo sgretolarsi di az...
A LUCIANA...
Il colore della giov...
LA MAREA E L' ...
SILENZI...
La sensibilità non è...
Pensieri solitari...
Tutto ciò che viene ...
Composizione n.385...
ACQUA...
Firma...
L'ANGELO...
A Ilaria...
vecchia ferrovia...
Con i suoi colori...
PHARAOH'S CURSE. Man...
Lucrezia e l'amore a...
Solo un sorriso...
Affini son quelle an...
Le quattro stagioni...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Sandali

Era tardi, era notte… noi
si parlava e veniva mattina
“Vuoi che resti a contarti i capelli?!”
Mi venivi sempre più vicina…
Hanno sorriso anche i miei
sandali, quello era certamente un sì.
Ora diamoci un equilibrio,
scusa se ti parlo così…
così ai tuoi occhi
di luna mezza piena,
così alle tue mani che
mi accarezzano la schiena.
Così ad ogni volta che perdo il
conto del numero dei tuoi capelli,
ti guardo e mi accorgo
che sono davvero belli
i tuoi pensieri più intimi
in cui ti perdi e non lasci traccia.
Ti adoro così piccolina
accovacciata tra le mie braccia.
Ma stava per farsi inverno
anche in periferia
e per chi la vita l’ha parcheggiata,
come ho fatto io con la mia
le ultime foglie gialle
cadute dai rami secchi
sono fotografie, ore ed ore
a fissare quegli occhi.
Scivolo sotto le coperte, come
farai anche tu, lasciandomi una traccia
stanotte sognando nuovamente di te così
unica, raggomitolata nelle mie braccia.


Share |


Poesia scritta il 24/09/2017 - 07:58
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.607 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


dolcissima,
emozionante

laisa azzurra 24/09/2017 - 18:01

--------------------------------------

Molto piaciuta, tienila stretta tra le tue braccia e sentirai il calore di quell'abbraccio. Giulio Soro

Giulio Soro 24/09/2017 - 12:07

--------------------------------------

Bella, c'è molta dolcezza, tenero il gioco dei capelli da contare, forse per non farlo finire mai.

Grazia Giuliani 24/09/2017 - 11:56

--------------------------------------

Molto bella versi che evocano belle immagini.

antonio girardi 24/09/2017 - 10:35

--------------------------------------

Molto, molto bella...c'è dolcezza e tenerezza e un continuare a scorgere nel sogno l'incanto di quei capelli!

margherita pisano 24/09/2017 - 09:36

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?