Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Silenzio...
PANDEMIA ECONOMICA...
L’attimo in cui ho c...
LA VITA COME UN RAGG...
Inadeguato...
FUOCO E FIAMME...
Le nostre begonie...
Il mio faro nel mare...
FLETVS...
Sogni notturni...
Polvere...
La disputa...
POETA...
Gocce di solidarietà...
Piccoli segreti...
Alberi...
NON FIGLI MA NIPOTI...
La tela...
Sulle ali del silenz...
26 ottobre...
A soli due passi da ...
RICORDO...
La clessidra...
La gioia di vivere...
Un conforto cultural...
VITA...
Triste speranza...
Anima rinata...
La carta vincente...
L'alba sui Colli...
HALLOWEEN SONO IO...
OMBRE DI QUEST...
Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo c...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

BRIVIDI

Silenzio inverecondo regna
in questo micro tempo vincitore.


Ora che i brividi giungono al cuore
come se la felicità non fosse mai esistita,
io, dietro i vetri della mia finestra,
vado sfaldando i resti dell’attesa.


E mi abbraccio, quasi innamorato
di ciò che non riesco a dimostrare,
dell’aria ingenua che mi ha pervaso
da quando bimbo credevo nelle fate.


Mi porto al collo un lembo di coperta
ma non del gelo tutta è la colpa.


Sono brividi d’insana solitudine
che spossa e spossa più dei ghiacci,
che spoglia la mia anima indifesa
e la trafigge senza che sangue n’esca.


Mi coprirò, aspetterò la dolce luna
ma questa notte alle abusive stelle
intimerò di togliersi dal campo.
Non ho la voglia di legittimarle…




*
Anno di stesura 2007



Share |


Poesia scritta il 08/11/2017 - 13:31
Da Aurelio Zucchi
Letta n.515 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Ringrazio tutti per la lettura e i commenti.

Aurelio Zucchi 23/11/2017 - 10:37

--------------------------------------

un lembo della coperta a proteggere dalla solitudine
ed è "bellezza"

laisa azzurra 09/11/2017 - 21:55

--------------------------------------

Molto bella!

Grazia Giuliani 09/11/2017 - 20:25

--------------------------------------

C'è un grande senso di delusione in questa bellissima poe, come se l'ingenuità avesse guidato tratti della vita per poi ritrovarsi in solitudine con tanti rimpianti addosso. L'autore tratta con grande capacità poetica l'argomento utilizzando uno stile ben curato e di alta caratura, complimenti, ciao

Francesco Scolaro 09/11/2017 - 19:23

--------------------------------------

ottima cattura l'attenzione 5* e la rileggo...

enio2 orsuni 09/11/2017 - 11:57

--------------------------------------

Trovo molto belle le parole:i resti dell’attesa.Anche il resto è notevole.Complimenti

Mirko Faes 08/11/2017 - 22:20

--------------------------------------

Proteggersi da ciò che fa soffrire l'animo, un gesto istintivo che oggi nasce sempre più spesso in un mondo che non è quello che vorremmo....
Questa emblematica "coperta" che ci si porta addosso per attenuare il peso di un distacco da ciò che non ci rende soddisfa affatto.....
Anche qui una bellissima metafora poetica!

Alessia Torres 08/11/2017 - 18:33

--------------------------------------

Un senso di solitudine, di impotenza sembra permeare il protagonista di questa poesia, che non vuole legittimare le stelle. Bella poesia. Giulio Soro

Giulio Soro 08/11/2017 - 18:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?