Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Io...tu...
Bevemmo a distanza...
Colori...
LA VORAGINE...
Last minute...
Fuggo...
Il Sussidiario...
NOSTALGICAMENTE...
Il momento...
Rabbia...
Perchè...
Una mezza sega...
L’altro viaggio 7/16...
Canto dell' Amore ch...
Se vuoi rovinare qua...
Di là dal vetro...
leggero il vento...
Giorni...
Gli alberi sono l'ul...
VIAGGIARE DI NOTTE...
INETTITUDINE DI PADR...
IL DESERTO DELL'...
GUARDANDO UN RAGNO...
Il castello...
La Pozione...
La maschera è caduta...
A Mia Madre...
O mio caro nuovo fut...
Sciogli la mia neve...
E' tutto un equilibr...
I nostri passi...
Casa poesia...
Baluginìo...
Soltanto ora mi vedi...
All'angolo della via...
La luce dei pensieri...
Piccolo dolore...
IN BOTTEGA...
Non ci sono solo il ...
SOGNO PER VIVERE...
Se n’è andata con il...
L\'eco delle parole...
Un vecchio libro di ...
IL FLAUTO DI PAN...
INQUIETUDINI...
Affido alla luna...
La giostra...
Il mormorio del mare...
Essere intelligenti ...
La mutazione dei col...
La forza del Mare...
Ma... Poi...
Viaggio nel futuro...
La mia Laika...
Feste in maschera e ...
É lo stesso...
Mirko D. Mastro- Gua...
CON TUTTE LE ATTENZI...
PRIMO...
Composizione n.374...
PASSATO BRUCIATO...
Non c'è pace...
Un figlio...
IL CASSETTO...
Senza pace...
Ad maiora...
Stampe antiche...
L'amore vero...
LA CORSA DELLA ...
Nebbia...
Con altre mani ti ac...
Se timoniere della n...
Ti amo...
La famiglia è la rad...
IL BACIO...
La pentola di fagiol...
UN AFFARE CON IL DIA...
Una volta la famigli...
L’altro viaggio 6/16...
Nonno sprint...
I SOGNI NEL CASSETTO...
Ci rinuncio...
Assopito...
AL MIO CONVENTO...
Le cicatrici del cuo...
Notte di Velluto Vio...
Averti qui...
SILENZIO...
Promesse...
Caro diario...
La fontana della con...
Scorcio d'inverno...
Il pasto nudo...
MAGICO ISTANTE...
Nell'aria (concors...
La via senza ritorno...
RINASCIMENTO...
A volte il passato f...
VIVI!...
Senti come corre que...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Un giorno il cibo iniziò a puzzare

Accadde un giorno
che senza volerlo
il cibo mi sembrò una peste nera
e ogni frutto era come vescica
ma ricolma di denso male;
um giorno il cibo iniziò a puzzare.


La carne era cadavere
e ogni condimento un orrendo unguento
utile solo a mummificare
tutta quella materia morta:
ogni pasto era una cerimonia funebre.


E io dovevo ingerire quella malattia
e la sentivo scomporsi in me
e le mie membra assorbirne
ogni schifosa molecola
mentre costruivo il mio orrendo corpo.


Accadde un giorno
che decisi di smettere
quel terribile rituale;
accadde un giorno
che iniziai a vomitare.


E gli altri non capivano
sommersi dal troppo
e mangiavano e mangiavano
e sentivo l'orrendo crescere in loro.


Accadde un giorno,
che il mio corpo si purificò:
e ogni molecola di materia scomparve
e fui pulito.



Share |


Poesia scritta il 29/11/2017 - 00:25
Da girovago di periferia
Letta n.511 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


GIROVAGO.... Ele riconosce l'esperienza, Marilla bella strana, Maria con diplomazia fa fatica a capirla per me credo che tu sia diventato vegano è l'unica spiegazione. Di solito anche per fame il cibo è una gioia del palato e della vita. Se sono in errore spiegami tu.....

mirella narducci 29/11/2017 - 20:39

--------------------------------------

Spero tu mi perdonerai ma faccio
fatica a capire questa tua poesia.


A te un caro saluto
ciao


Maria Cimino 29/11/2017 - 20:28

--------------------------------------

***** bella. Strana.

Marilla Tramonto 29/11/2017 - 13:59

--------------------------------------

Riconosco l'esperienza. Immagini forti che mi hanno riportato a quei giorni terribili. Bello.

Ele Nicks 29/11/2017 - 11:46

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?