Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Inviando al cielo la...
ERI IL SOLE...
Curvatura....
E' uno di quei giorn...
Montagne russe...
La Pantera...
VORREI...
Il mio compito è pro...
Scampoli...
Un volo in su e qual...
Vuoto Lunare...
L'avvocato di Dio, o...
MALINCONIA...
E POI SI VEDRA’...
Aroma therapy...
Osservando il cielo,...
Il tempo passa...
Tempo di Natale...
SE IO FOSSI...
SOGNI DESIDERI I...
Appeso ad un aquilon...
Attàrdati sulle mie ...
L'oltraggio...
Agnese VISCONTI...
L' amore...
L'imperfezione...
Mozziconi di felicit...
VOLI DI VERSI...
**Tanka**...
Fantastica luna...
Quando la Notte sopr...
Se sei donna...
Da qualche parte...
Il copritavolo nuovo...
Affidai al silenzio...
Elicriso...
Mondi infiniti...
Il fiume...
Fine di un matrimoni...
Coccinella...
Foglie...
Autunno colorato...
In un filo di voce...
IN INGHILTERRA È IL ...
Scusami......
Caramelle...
ILLUSIONE INTRISA ...
Il finto autunno...
Dadi e fortuna....
Nonsense...
Anima potente...
Spazio-Tempo....
La stanchezza nascon...
Quando sarai lontana...
Gelo...
Per questo mi batter...
Pani e pesci...
Le Notti di Elisa -n...
Castel Toblino...
Violata...
TORNA IL NATALE...
Una rosa, un sorriso...
Come rugiada...
Occhi...
E' mistero...
A spasso di notte tr...
Il rifugio...
Sul cortile...
Ti lascio una poesia...
Mar della Melassa...
Quando l'amore è un'...
Figure sulla volta...
Cielo di ogni colore...
L'uguaglianza nasce ...
IL GRIDO DELLE DONNE...
Colombo...
La dama e la pagnott...
Saudade...
AI FIGLI...
OMBRE CINESI...
LA DEMOCRAZIA DELLA ...
Qua la mano...
Spensieratezza...
DIANA...
haiku 16...
In bilico...
Tramonta l’alba mia...
Tra le foglie...
Una spiga di grano....
Tanka 2...
Io ritorno da te...
L’uomo è stato l’art...
Il bene che si fa no...
Scrivere di te...
l'unico amore è quel...
Lugano...
Orfana d'un sogno ru...
AMORE ETERNO...
Amo la vita...
Il volo di una capin...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Un giorno il cibo iniziò a puzzare

Accadde un giorno
che senza volerlo
il cibo mi sembrò una peste nera
e ogni frutto era come vescica
ma ricolma di denso male;
um giorno il cibo iniziò a puzzare.


La carne era cadavere
e ogni condimento un orrendo unguento
utile solo a mummificare
tutta quella materia morta:
ogni pasto era una cerimonia funebre.


E io dovevo ingerire quella malattia
e la sentivo scomporsi in me
e le mie membra assorbirne
ogni schifosa molecola
mentre costruivo il mio orrendo corpo.


Accadde un giorno
che decisi di smettere
quel terribile rituale;
accadde un giorno
che iniziai a vomitare.


E gli altri non capivano
sommersi dal troppo
e mangiavano e mangiavano
e sentivo l'orrendo crescere in loro.


Accadde un giorno,
che il mio corpo si purificò:
e ogni molecola di materia scomparve
e fui pulito.



Share |


Poesia scritta il 29/11/2017 - 00:25
Da girovago di periferia
Letta n.741 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


GIROVAGO.... Ele riconosce l'esperienza, Marilla bella strana, Maria con diplomazia fa fatica a capirla per me credo che tu sia diventato vegano è l'unica spiegazione. Di solito anche per fame il cibo è una gioia del palato e della vita. Se sono in errore spiegami tu.....

mirella narducci 29/11/2017 - 20:39

--------------------------------------

Spero tu mi perdonerai ma faccio
fatica a capire questa tua poesia.


A te un caro saluto
ciao


Maria Cimino 29/11/2017 - 20:28

--------------------------------------

***** bella. Strana.

Marilla Tramonto 29/11/2017 - 13:59

--------------------------------------

Riconosco l'esperienza. Immagini forti che mi hanno riportato a quei giorni terribili. Bello.

Ele Nicks 29/11/2017 - 11:46

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?