Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Alberi...
NON FIGLI MA NIPOTI...
La tela...
Sulle ali del silenz...
26 ottobre...
A soli due passi da ...
RICORDO...
La clessidra...
La gioia di vivere...
Un conforto cultural...
VITA...
Triste speranza...
Anima rinata...
La carta vincente...
L'alba sui Colli...
HALLOWEEN SONO IO...
OMBRE DI QUEST...
Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo n...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

IL SOGNO DI UN VISIONARIO

L'oscurità scende, lo spazio infinito,
scompare il tuo mondo, come d'incanto,
l'effimero tempo svanisce sperduto,
come un vagabondo sei rintontito.


E vaghi tra campi mai calpestati,
rimembri gli inverni, gli autunni, le estati,
un mondo diverso si para di fronte,
ti vedi sbiadito ai piedi di un monte.


E' sogno o realtà, che pianeta sarà?
Una galassia neonata ai piedi di un tram?
Un sole radioso che gioca col tempo,
ti scopri neonato di nuovo, fuggendo.


L'onirico ti si presenta davanti,
gli esseri anomali qui sono tanti,
il parallelismo un po' ti spaventa,
non è la realtà in cui vivi, più, questa.


Se un po' ti sgomenta, un po' anche ti alletta,
quest'essere vivo in modo diverso,
ti guardi qui intorno e non vuoi faticare
a credere che non è più il tuo dovere.


E incontri persone sparite da un po',
ti parlano o ridono? Io non lo so!
E cerchi invano di riabbracciarle,
spariscono in fretta se tir isvegli.


E un senso di mistero ti prende,
puoi urlare, scappare: non servirà a niente,
se vuoi viverla ancora intensamente
lascia la ragione: lì non vale niente!


La morte è un sogno, e lo è anche la stessa vita.



Share |


Poesia scritta il 30/11/2010 - 18:12
Da Manuel Miranda
Letta n.673 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?