Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SILENZIOSO CHIEDERE...
Venerdì santo ora te...
Il mago triste (fila...
Eravamo fuori e non ...
Gocce...
FEMMINICIDIO...
haiku 47...
Accade...
RICORDI NOTTURNI...
Il Cristo di Dalì...
Fiori d'arancio...
UNA PASQUA VIRTUALE...
In Eterno...
Senza far rumore...
HAIKU N1...
Il tempo nuovo...
Inimmaginata primave...
SOFFI...
Che tempo è ci terre...
Neanche profeta in c...
Ode dopo il proemio...
Galassia...
SOFFERMATI...
Le condizioni di un ...
come un fiume la vit...
La banalità è un po’...
Agli abitanti del ni...
Il mio mondo perfett...
Aprile...
I due Testimoni di G...
Ritrovare la luce...
aspettando la vita...
Tutto come prima...
Illusione...
Poeta pittore...
Braccia nude e prote...
Un Re...
Il mio tempo...
Canto del mistero de...
LA NUOVA ALBA...
Un'illusione...
La felicità non ci ...
Vento trascinatore...
Prigioniero delle fa...
COVID...
Pomeriggio d’autunno...
Appena dietro una vo...
Diego e il nonno...
Fino alla fine. E co...
Salasso....
METEO Fino Al 31.12....
Quando sarà tutto fi...
ERA UN POETA MIO PAD...
Primavere...
SABBIA TRA LE DITA...
ABBANDONO...
L'uccellino la vacca...
I contadini dimentic...
Al sole, all'abisso....
L'amore profondo...
Una voce unica vagav...
Sei...
Il salice...
tramonti...
haiku 46...
Inchiostro...
In cerca d’autore...
UN MIO PENSIERO...
Il cielo capovolto...
Il figlio della luna...
Lucida pazzia...
Frammenti e frantumi...
Drupa ambrata...
Sacrilego sogno...
Primavera pandemica...
Lèggere tra le righe...
Come la neve...
Come eravamo...
TUTTO CAMBIA......
Milano sospesa...
Stanotte t'ho sognat...
Fierezza...
Parla con lui...
SENRYU 2...
Una questione di pro...
Profumi......
Notturno...
POPOLO BERGAMASCO...
Sole d'aprile...
De Passione Domini...
Il profumo dell'amor...
A un uomo che non vo...
Negazioni...
Fai bei sogni...
Innocente Panico...
Non ero un ladro...
RIFUGIO...
Brindo alla vita...
I pulcini... pirotti...
IL FUNAMBOLO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Bestiario di un corpo

Ho ragni tra i capelli e formiche sulla pelle,
tracciano percorsi invisibili e strade segrete,
gallerie strette e chiuse in se stesse,
che si rincontrano e si divaricano in bivi infiniti.
I ragni tessono le loro ragnatele,
il vento le fa oscillare come spighe al vento
e una folata le spezza:
così crolla una torre,
sulle rovine se ne costruisce un’altra,
una fenice leggera e impalpabile.



Ho le formiche negli occhi e gli scarafaggi sulla pelle,
costruiscono enormi impalcature
che partono dal mento fino alle pupille che,
appesantite da tanto lavoro espellono ciò che non serve, i rifiuti, affinché non intasino i lavori,
e chissà cosa mai i lavori in corso produrranno,
se altre impalcature inutili e tanto inutili come i propri resti.



Ho scarafaggi sulla pelle.
Le dita prudono e fanno male e le unghie fremono,
prese dalla necessità di accumulare qualcosa.
Certamente è effimero ma gli scarafaggi vogliono quello che vogliono, la pelle anche,
e uno scarafaggio
fa quello che deve fare,
accumula resti o pelle o escrementi per placare la smania o almeno provare una sensazione di completezza.



Uno scarafaggio fa quello che uno scarafaggio fa,
come i ragni e le formiche,
per questo ho Ragni nei capelli, Formiche negli occhi e Scarafaggi sulla pelle.



Share |


Poesia scritta il 27/02/2020 - 01:55
Da Viola Veri
Letta n.83 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Visionaria e surrealista questa entrata, direi anche vicina al "tremens"!

Leo Pardiss 27/02/2020 - 15:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?