Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vuoto ricordo...
Morfeo...
IL DUBBIO...
Girandole...
..ti racconto l\'inc...
...in volo...
Rimiro Stelle...
Masai...
Profumo...
Non dormi...
E viene sera...
BUONGIORNO...
PIOVEVA...
Homo sapiens...
f.a.t.a. – materia p...
FREDDO...
TRE HAIKU...
Gli universi entrera...
L' ULTIMA SERA...
E TU PER ME...
Non voltarti...
Serenità...
Come niente...
Fiori di loto...
Padre...
Una barca...
Un Grido......
Il bluff...
Haiku l'amore nel m...
CHE MERAVIGLIA...
memoria del tempo ch...
La rosa del deserto...
Febbraio...
Ombre trasparenti...
ridere di noi...
Vinceremo...
San Valentino come.....
Le strade sono piene...
L'alfabeto marino...
HAIKU IN SARDU...
Riflessioni n. 3...
Il peso di un abbrac...
PERLE...
Quale è il senso del...
f.a.t.a. – respiro c...
I colori dell'acquam...
Altra cosa è la feli...
Tonara...
Ferirti...
UNO DEI SENSI IL...
Il mediatore...
Mi piacerebbe...
Giornate Imperfette...
dove vanno i pensier...
Aiutami a scorgere n...
HAIKU DELLA SERENITÀ...
Il tempo...
L intelligenza è la ...
haiku 37...
#1...
un pensiero ciclico...
L'amore nel ventre d...
Haiku C...
- Petali...
Finché sulla Terra e...
IL GELSO...
Ciò c'ho perduto...
HAIKU N. 1...
Haiku IV...
Ricordi...
Libero di sognare...
Teneramente...
Coprimi tutto di te...
Solo amore...
f.a.t.a. - elemento ...
Cuore offeso...
Ti amo...
Una sera...
haiku storia di un ...
la mela...
Pastore sardo...
TU E LA NOTT...
Ho la continuità di ...
Io...
La Speranza...
ISTANTE...
QUANTO CI METTI A T...
HAIKU N.32...
I fiori più belli cr...
...ti racconto la se...
Marmo...
Oblio...
Il clown (continuo...
Il pino...
Per TE...
Abitudine...
PREVENIRE ... SAREBB...
Ritmo d\'attesa...
IO L'HO CHIAMATO SEN...
Tu non sai...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Culoria t'na vota

Ci penzu a quann'iu era 'nu vagnoni
ca no' tineva mancu sett'ott'anni,
mi pari chiaru ca la divuzioni
ti tannu era, 'ncunfrontu a mu', cchiù granni.


Tifatti, ti la Sittimana Santa
m'ni sceva 'nziem'a lli cumpagni mia
a visità' li chiesi e , ognittanta,
prïàva sia Gesù e sia Maria


Ti lu Sàbbutu Santu poi la sera
ni ccucchjammu pi sciri alla Culoria,
'na cosa cussì bbella e tantu vera
ca reshta sempri intra la mimoria.


Ni priparammu tutti 'nu shtrumentu:
trènala, tricchi-tracchi o tammurrieddu
pi ffari feshta a cuddu gran mumentu
sia cu lu cori cce cu lu cirvieddu.


Quannu 'rrivava poi la menzanotti
lu sacrishtanu azzava lu lanzulu
e, mentri si sparavunu li bbotti,
Gesù si ni vulava sulu sulu.


Allora ognunu usava lu shtrumentu
e gritava: "Culoria a Te, Signori!".
Iu, tannu, mi sinteva cchiù cuntientu,
percé m'anchjeva ti Divinu Amori.


E tutti li crishtiani com'a mme,
'nginucchiati cu tanta divuzioni,
'uardavunu Gesù, lu Re t'li Re,
cá già era Pasca ti Risurrezioni.


È Pasca, forza anchjti li canishtri!
Anchjt'li cu ogni bbeni t'lu Crïatu!
Ludati Diu cu piatti e cu li sishtri!*
Ludati Crishtu ca è risuscitatu!


*sistri: antichissimi strumenti a scuotimento
citati nel Salmo 150.


Questo era il Gloria che fino a cinque anni fa
si celebrava nel mio paese per festeggiare la
Pasqua di Resurrezione. Adesso è in disuso.



Share |


Poesia scritta il 16/04/2014 - 11:09
Da Giuseppe Vita
Letta n.491 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?