Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
Giulia...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Culoria t'na vota

Ci penzu a quann'iu era 'nu vagnoni
ca no' tineva mancu sett'ott'anni,
mi pari chiaru ca la divuzioni
ti tannu era, 'ncunfrontu a mu', cchiù granni.


Tifatti, ti la Sittimana Santa
m'ni sceva 'nziem'a lli cumpagni mia
a visità' li chiesi e , ognittanta,
prïàva sia Gesù e sia Maria


Ti lu Sàbbutu Santu poi la sera
ni ccucchjammu pi sciri alla Culoria,
'na cosa cussì bbella e tantu vera
ca reshta sempri intra la mimoria.


Ni priparammu tutti 'nu shtrumentu:
trènala, tricchi-tracchi o tammurrieddu
pi ffari feshta a cuddu gran mumentu
sia cu lu cori cce cu lu cirvieddu.


Quannu 'rrivava poi la menzanotti
lu sacrishtanu azzava lu lanzulu
e, mentri si sparavunu li bbotti,
Gesù si ni vulava sulu sulu.


Allora ognunu usava lu shtrumentu
e gritava: "Culoria a Te, Signori!".
Iu, tannu, mi sinteva cchiù cuntientu,
percé m'anchjeva ti Divinu Amori.


E tutti li crishtiani com'a mme,
'nginucchiati cu tanta divuzioni,
'uardavunu Gesù, lu Re t'li Re,
cá già era Pasca ti Risurrezioni.


È Pasca, forza anchjti li canishtri!
Anchjt'li cu ogni bbeni t'lu Crïatu!
Ludati Diu cu piatti e cu li sishtri!*
Ludati Crishtu ca è risuscitatu!


*sistri: antichissimi strumenti a scuotimento
citati nel Salmo 150.


Questo era il Gloria che fino a cinque anni fa
si celebrava nel mio paese per festeggiare la
Pasqua di Resurrezione. Adesso è in disuso.



Share |


Poesia scritta il 16/04/2014 - 11:09
Da Giuseppe Vita
Letta n.449 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?