Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La nostra storia...
IL TRAMONTO DELL...
Pensieri...
Quasi certamente nel...
Uomini...
Insieme a te ricomin...
MI VIENI BENE...
L’altro viaggio 10/1...
La pizza sopraffina...
Campi desolati...
Lo speretatore dell'...
Amare amaramente...
Labbra...
Dedica ai non presen...
Impressioni...
PASCIUTI TARLI...
Non v'č esistenza pi...
Io, papā e il lago...
La luce nella nebbia...
La lapide di ghiacci...
Appartengo...
SOGNI...
Disegnerō l'amore...
QUANDO...
INNAMORATA...
Haiku 67...
Male oscuro...
Pensiero...
Stelle filanti (O te...
Ipnosi...
PRIVO DI LIBERTA'...
Nel deserto dell'ani...
Lui ti chiama...
A lavč la cāp o ciųc...
Morti Inutili...
I RIFLESSI DEL TRAMO...
Mare d'inverno...
ALL'OMBRA DEL GIGANT...
Spirito Ribelle...
Assiomi...
Archivio...
Pensieri e parole d'...
Le poesie...
Ciao MAMMA....
IL PITTORE DI PAROLE...
CARI ESTINTI...
Guardando il cielo...
Pratoline di marzo...
GIOCHI PROIBITI...
Risuona sul campanil...
In cerca d'ispirazio...
Stelle filanti (Benv...
Adagio...
Una notte irlandese...
si, so che lo sei...
Chi sa...
Mareggiata Del Cuore...
Fermati...
VITTORIA...
Poesia č......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
Il tuo sorriso...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Venite...
Stelle filanti (Benč...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
parlami ......della ...
Il silenzio č parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Stasera

Mamma, stasera usciamo, io e te.
Metti la camicia a righine
e quei vecchi jeans
che piacevano tanto a papā.
Andremo alla nostra locanda,
correndo incontro alla luna,
lascia qui la borsetta
e tutto quello che c’č.
Voglio guardarti con calma
mentre litighi con gli spaghetti
e accarezzarti le mani
che non saranno mai ferme,
voglio stare in silenzio
quando questo ti serve.
Ancora un bicchiere,
il gelato alla fine,
e poi via, ancora con me.


Io lo so come soffri,
ti vedo sfiorare le piccole cose
di chi non c’č pių.
Ti sento tremare
anche se sono lontano,
ma oggi qualcosa
mi brucia qui dentro
e sono io ad avere
bisogno di te.
Senti la musica? Viene dal mare
balliamo, in mezzo alla strada
papā, che ci vede,
si toglie gli occhiali,
papā che ti ama č felice
perché c’č tuo figlio,
stasera con te.



Share |


Poesia scritta il 11/01/2021 - 17:05
Da Eriot Toire
Letta n.120 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Anna.

Eriot Toire 12/01/2021 - 10:00

--------------------------------------

Grazie Anna.

Eriot Toire 12/01/2021 - 10:00

--------------------------------------

Veramente bellissima, versi toccanti e commoventi. Complimenti

Anna Rossi 12/01/2021 - 05:25

--------------------------------------

Grazie Alberto e grazie Anna Maria.

Eriot Toire 11/01/2021 - 18:17

--------------------------------------

Toccante come poesia e dolce. Bella 5*
Buona serata

Alberto Berrone 11/01/2021 - 17:55

--------------------------------------

Veramente commovente e bellissima!

Anna Maria Foglia 11/01/2021 - 17:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?