Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Campi desolati...
Labbra...
Dedica ai non presen...
Impressioni...
PASCIUTI TARLI...
Non v'č esistenza pi...
Io, papā e il lago...
La luce nella nebbia...
La lapide di ghiacci...
Appartengo...
SOGNI...
Disegnerō l'amore...
QUANDO...
INNAMORATA...
Haiku 67...
Male oscuro...
Pensiero...
Stelle filanti (O te...
Ipnosi...
PRIVO DI LIBERTA'...
Nel deserto dell'ani...
Lui ti chiama...
A lavč la cāp o ciųc...
Morti Inutili...
I RIFLESSI DEL TRAMO...
Mare d'inverno...
ALL'OMBRA DEL GIGANT...
Spirito Ribelle...
Assiomi...
Archivio...
Pensieri e parole d'...
Le poesie...
Ciao MAMMA....
IL PITTORE DI PAROLE...
CARI ESTINTI...
Guardando il cielo...
Pratoline di marzo...
GIOCHI PROIBITI...
Risuona sul campanil...
In cerca d'ispirazio...
Stelle filanti (Benv...
Adagio...
Una notte irlandese...
si, so che lo sei...
Chi sa...
Viviamo di calore um...
Mareggiata Del Cuore...
Fermati...
VITTORIA...
Poesia č......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
Il tuo sorriso...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Venite...
Stelle filanti (Benč...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
parlami ......della ...
Il silenzio č parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stā a...
Ognuno di noi č imme...
Oplā!...
Chissā...
Ed č poesia...
Simbiosi...
Un giovane sogno...
Siamo molecole insta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

padre mio

Nessuna compassione padre,
nessun perdono.
Mi hai lasciato sull' orlo della notte
e ho imparato
a camminare nelle tenebre.
Hai spento tutte le stelle
e ho preso a viaggiare solo
e senza orizzonte.
Hai strappato le mie radici
facendole avvizzire nelle lacrime
e ora sono vene
che mi nutrono di rabbia
e d' amore.
Hai cancellato ogni impronta
che ho lasciato per non perdermi
ma ho continuato a cercarmi
fino a ritrovarmi nell' inquietudine del mare.
Mai saro' male
che genera altro male
ma tu, padre
tu non ci sarai.
Sei oramai l'eco lontana di un sole
che si perde dietro le cime,
sei il libro delle favole
che ho riposto in fondo
al cassetto dei ricordi.


Share |


Poesia scritta il 14/01/2021 - 08:49
Da michele gentile
Letta n.90 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Un dolore espresso con la forza dell'amore, quella che ci aiuta a lasciare alle spalle le ferite profonde...Molto bella questa poesia

Grazia Giuliani 01/02/2021 - 18:25

--------------------------------------

Versi bellissimi, seppur tragici, che secondo me dicono del distacco di precedenti valori non pių esaustivi, ma che predicono la ricerca di un “altro padre”. Perché non si puō vivere sempre al buio e senza forti ancore.

Anna Maria Foglia 14/01/2021 - 11:26

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?