Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Cerchiamo...
Vista sul golfo di T...
Nebbie...
Val d’Ultimo....
Dolce luna...
RISURREZIONE E S...
Haiku 12...
Chi pur nell'ira la ...
Conte e il topo assa...
Cielo incommensurabi...
Il Consenso...
I capricci della scr...
Il lento fluire del ...
LUNA...
Un tempo...un mondo....
Punti di vista...
Come un randagio...
Post meridiem...
SCRIVERE LIBERA D...
PROGETTO ESTETICO (C...
Le chiavi del paradi...
GROVIGLI DI SOSPIRI...
NeRA...
La realtà percepita ...
Haiku...
La calunnia...
A TUTTE LE DONNE...
L\'unica verità...
Questo è il Natale...
GENTILEZZA...
IL MITE PORTINAIO...
Conserviamo la genti...
HAIKU 1...
Femminicidio...
Far del giorno...
La luce vince l'ombr...
GRIDARE MI FA BEN...
Scegli la Vita...
Sole o pioggia?...
Se le persone dedica...
DOVE FINISCE IL CIEL...
C'era una volta il r...
Colmi...
Un sogno anelato...
Le domande di Nicola...
Dove tutto ebbe iniz...
n° 28 (R/P)...
Oggi scrivo di te...
Il green pass cultur...
La malinconia è una ...
Ci sono sogni che mu...
Leggera...
Qual è la nazionalit...
Altrove ......
IL TEMPO FATTO ...
La panchina di front...
Un solo attimo...
Poi...
Guardo l'acqua......
L'altra metà del Cuo...
Lunghe passeggiate t...
Anima mia...
Creare, immaginare, ...
L'attimo dopo...
Sul bordo di un terr...
Gino...
PROGETTO ESTETICO (C...
Il mio tempo...
n° 24 (R/P)...
Una sera in Plaza de...
Ci amavamo...
nulla...
Ignoto pensiero...
Le tue parole...
Luminarie ingannatri...
Non voglio che il tu...
IL TEMPO...
Rattoppo...
UNA LETTERA MAI ...
Riscalda o sole!...
PUNTO E A CAPO...
Un giorno...
È stato un attimo ...
Il tuono...
L'alba ramata...
Il pianto di un bimb...
In Aspromonte...
Al tempo dei sogni...
LEGGERE...
Brividi...
In un lento fluire d...
Non spaventarti...
LA NOTTE MIA ALLEATA...
La vita è più forte ...
Ocra...
Diva...
QUEL CHE RESTA ...
Nomination...
C'e' un posto specia...
I ricordi....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

AL PORTO DI SANT’ELPIDIO

Avevi le pupille
Con il fumo delle ciminiere
Dentro,
Labbra secche d’inverni rigidi,
E dedali di ricordi sofferti.



Dove la sabbia
Era tinta dai colori più cuprei
Ed era più voraginosa,
Tu te ne stavi lì,
Genuflessa,
Con le braccia protese
Verso le onde lievi
Che lambivano le tue dita arcuate.



Discese il fulgore del tramonto
Sulle tue gote
E sull’ampiezza del tuo ventre,
Allorché silenziosa,
Stringesti un fuscello d’alloro
E i frantumi di una conchiglia
Marmorea.



All’imbrunire,
Dagli ormeggi dei navigli,
I flutti s’inasprirono
Nella spinta del libeccio



E benché incombesse
La risacca,
Venisti veduta,
Immota,
All’estremità del molo,
Nell’utopica attesa
Che lui tornasse
Dal porto di Sant’Elpidio




(In questo scritto ho voluto narrare il regresso di un individuo dinanzi ad una sciagura.La giusta concezione della realtà è tutt’altro che percorribile.Mi sono focalizzato sulla follia,la meccanica quotidianità e sull’arruffio dei ricordi.Rielaborare un lutto è una questione di tempo per alcuni,una mera chimera per altri)



Share |


Poesia scritta il 02/10/2021 - 13:53
Da Mirko Faes
Letta n.154 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?