Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Dietro le nuvole...
IL CIELO RACCONTA...
Unilaterale pensiero...
Crete...
FANTASIE D' AUTUNN...
LA VILLA...
Lullaby...
Vago silenzio...
A mezza vita (2/2)...
La Dalia...
A mio Padre...
Fiore del deserto...
Un volo di rondini è...
Gocce....
La Tela del Ragno...
Di noi...
Un'amarezza...
POESIE D' AMORE...
IL RAGU' DELLA DOMEN...
Sola...
Se potessimo...
ottoeventisette...
HO VISTO LEI...
E sembra stupido...
A mezza vita (1/2)...
Sei bellissima...
Turista nella nebbia...
L' ANANAS IN OFFERTA...
Tra i righi...
fai piano...
Geova, il tuo nome...
E NIENTE......
un sorriso...
dicono...
Il mio primo autunno...
Good luck...
Siamo luci disperse ...
Gerarchie d'autunno...
Con la voce dell'ani...
Groviglio...
Senza confini...
Cristo Signore, dand...
Il tuo Volere...
Scrivere per esister...
Approdo letterario...
MORTE DELL\' ANIM...
Amore ovattato...
Sei strana...
VOLTO...
IL GRIDO DELLA VALLE...
Appunti appuntiti...
L’uomo che coltiva l...
E piove così...
Se l'amore crea e l'...
Casto sonetto...
Nuda...
Libertà...
Stella morta...
Spiragli di visioni...
Per rifornirci di fi...
TUTTE LE MIE NOTTI.....
Redimere il silenzio...
La nostra vera ident...
Giovinezza...
TU IL MIO SOGNO...
Si sveste il castagn...
Un giglio fresco è ...
Poesia all'inverso...
E così non mi ricono...
Per una amica...
Il drago spazientito...
Ravello...
Oltre quella siepe....
L'arte di amare è un...
I NOSTRI LUOGHI...
Il Ponte...
Precipizio...
Un dolce canto...
La nuova tela...
BISOGNO...
Intro versi...
Gigì il piccolo gira...
SI DESTANO I RI...
Ora che sei......
ancora occhi...
PASTA AL FORNO...
Rosso cuore...
Stolta malinconia...
Caro babbo...
Insieme fino al mare...
Luna...
La vanità è causa di...
Alfa, beta, gamma e ...
La stanza che aspett...
Nel sottobosco quand...
Una via d'uscita...
LA DEBOLEZZA DEL...
INNO ALLA SHOAH Lacr...
Siamo atomi strettam...
je ne savais pas...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

AL PORTO DI SANT’ELPIDIO

Avevi le pupille
Con il fumo delle ciminiere
Dentro,
Labbra secche d’inverni rigidi,
E dedali di ricordi sofferti.



Dove la sabbia
Era tinta dai colori più cuprei
Ed era più voraginosa,
Tu te ne stavi lì,
Genuflessa,
Con le braccia protese
Verso le onde lievi
Che lambivano le tue dita arcuate.



Discese il fulgore del tramonto
Sulle tue gote
E sull’ampiezza del tuo ventre,
Allorché silenziosa,
Stringesti un fuscello d’alloro
E i frantumi di una conchiglia
Marmorea.



All’imbrunire,
Dagli ormeggi dei navigli,
I flutti s’inasprirono
Nella spinta del libeccio



E benché incombesse
La risacca,
Venisti veduta,
Immota,
All’estremità del molo,
Nell’utopica attesa
Che lui tornasse
Dal porto di Sant’Elpidio




(In questo scritto ho voluto narrare il regresso di un individuo dinanzi ad una sciagura.La giusta concezione della realtà è tutt’altro che percorribile.Mi sono focalizzato sulla follia,la meccanica quotidianità e sull’arruffio dei ricordi.Rielaborare un lutto è una questione di tempo per alcuni,una mera chimera per altri)



Share |


Poesia scritta il 02/10/2021 - 13:53
Da Mirko Faes
Letta n.140 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?