Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il giorno dei morti...
Glauca la sera di no...
Luna piena...
Maestra Mile...
Vincitore...
L'amore fraterno...
Ali di carta...
Le leggende dei Cent...
Ti vestirò......
L' ASSENZA...
Primo Novembre...
HAIKU I...
IL TEMPO...
Anch'io ho paura...
SOMMESSI...
Bagliori sospesi...
Per non dimenticare...
Alla mia città...
Luci sulla veglia...
Vecchio...
OMBRELLO...
Estensione (come son...
L'ultimo valzer...
Trudy...
Stanotte ti ho sogna...
I bagagli delle nost...
Le sensazioni infini...
Silenzio...
PANDEMIA ECONOMICA...
L’attimo in cui ho c...
LA VITA COME UN RAGG...
Inadeguato...
FUOCO E FIAMME...
Le nostre begonie...
Il mio faro nel mare...
FLETVS...
Sogni notturni...
Polvere...
La disputa...
POETA...
Gocce di solidarietà...
Piccoli segreti...
Alberi...
NON FIGLI MA NIPOTI...
La tela...
Sulle ali del silenz...
26 ottobre...
A soli due passi da ...
RICORDO...
La clessidra...
La gioia di vivere...
Un conforto cultural...
VITA...
Triste speranza...
Anima rinata...
La carta vincente...
L'alba sui Colli...
HALLOWEEN SONO IO...
OMBRE DI QUEST...
Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo c...
Nessuno cercherà mai...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

La Pietra Filosofale

Una volta la parola
era passata al di là dei venti, dei mari,
di tutto ciò che era materia,
come un fulmine
si era propagata per tutte le terre
della grande sfera.


Un abisso la circondava
come gli occhi del mercante d'oblio,
venditore di macchine
per cucire le bocche
e tappare le orecchie,
ma la visioni erano chiare,
l'uomo si affannava
alla ricerca di se stesso.


Ma esso era abituato
al tempo che corrode,
alla fame che morde,
alla sete che affoga
e alle parole che illudono.


Un opera grande,
quanto il cielo di autunno,
immersa nelle piccole foglie
del mondo, al centro del vuoto,
nella camera segreta,
al di là dell'abisso,
un alchimista creò
la pietra filosofale
grazie alla parola primordiale
che scese dall'alto.


Incarnata la parola
l'alchimista sparì nel nulla, così,
come un soffio,
portò via con sé
il segreto della vita.


Ma quell'ultimo viaggio
era forse il ritorno
ai luoghi celesti.



Share |


Poesia scritta il 25/08/2014 - 17:33
Da Lorenzo Arcaleni
Letta n.865 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Vi ringrazio infinitamente!

Lorenzo Arcaleni 26/08/2014 - 10:18

--------------------------------------

Una poesia dai vasti orizzonti..."Intensa", come dice Genoveffa. Così sia per Te anche questo giorno. Vera

Vera Lezzi 26/08/2014 - 09:40

--------------------------------------

hai descritto la creazione della terra con tutti i pregi e i difetti che si è costruita nel tempo rincorrendo chissà quali sogni ,eccezionale la chiusa,il ritorno ai luoghi celesti,molto bella,intensa,sempre bravo LORENZO

genoveffa 2 frau 26/08/2014 - 07:27

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?