Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

HAIKU Z...
Favola sotto il ciel...
San Silvestro...
Un giorno come tanti...
la spalla...
Vinca il migliore?...
Storia di una badant...
Il suono dei mostri...
Sorriso di stelle...
Sentirti...
Stagno...
Il pettirosso...
Chi salva...
Da Epigrammi Notturn...
Come hai potuto (ded...
Haiku n° 12...
Lo spettacolo più be...
Minimalismo siamese....
SEMBRA IERI...
Piccole Ali...
Che possa toccare un...
FINE DI UN AMO...
Non umana...
Portami via...
Notevole...
Dedicata a Grazia Gi...
I miei labirinti...
Metamorfosi...
La ragazza delle mil...
E' quando aspetti un...
Farfalla....
ANCORA ACCANTO A ME...
Sonno...
Storia di una badant...
La collezionista...
Si dice...
Stanca serata...
Nuvole e Gabbiani...
Andiamo avanti così...
Igor Michail...
Dell’inviolabilità d...
Canto del dove i sen...
Dammi...
In tempo di guerra...
Trilussa...
INCANTAMENTI...
IL BACIO...
Scorrono i giorni...
L'ARIA DEL MATTINO...
Haiku 66...
Cresco...
Il Dubbio...
Questa notte...
Nonostante tutto...
Sono figlio di una p...
Nuovo infinito...
AI MIEI FIGLI... ...
Terra di nessuno...
Ancora oggi siamo....
La Magia d'un tempo...
Diamanti...
L'OMBRA DEL PASSATO...
Il messaggio di Pasq...
la lunga strada per ...
A piedi nudi...
Storia di una badant...
A MIO PADRE...
Dedica...
Il bambino prodigio...
Siamo diversi per l...
Via del Sito...
L’identità...
L'inferno è sulla te...
I giovani e la crisi...
MILLE FORME...
HAIKU V...
Di quel sentire come...
Destino DiVino...
Il riflesso...
IL MONDO MUORE...
Se volessi dar credi...
Strofinaccio...
La quercia caduta d...
TORTA SOFFICE PALPIT...
Certi giorni d'inver...
Smile...
Fragranza di te...
Hai trovato una vecc...
Seta e profumi...
come......
Libertà...
Vivaddio...
Il vecchio porto...
Si fa giorno...
Tanka 24...
Semplici....
Estraniamento...
Stelle...
DAMMI IL TEMPO MADRE...
SOGNANDO L' AMORE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Dimenticata

Se ne stava abbandonata in un angolo pieno di ragnatele. Pregna di solitudine, rifletteva:
“Non mi prende più tra le braccia, da tanto non fa suonare tutte le corde dei miei sensi. Il tempo muta cose e persone, ma lui si è completamente trasformato. Quando non c’è sento la sua mancanza, perché lo immagino com’era. Quando torna, vivo nel terrore e divento testimone impotente, tremante di paura.
Lo capisco già da come entra. Apre e chiude la porta con violenza, si ferma ciondolante per qualche attimo, poi avanza con passi pesanti e cadenzati. Si ferma ancora, guata tutto intorno alla stanza, che è livida e tetra per la sua presenza. D’improvviso esplode, squarciando l’aria e ciò che gli viene a tiro.
In casa, ogni oggetto porta addosso il segno dei suoi misfatti, cicatrici che non si cancellano.
Quando diventa preda dell’ira e della follia, è difficile reggere quel suo sguardo allucinato: le sue pupille pungono e feroci sembrano uscire dalle orbite.
Chi è costui? mi domando. Dove l’uomo che mi avvolgeva di tenerezza e passione, che mi faceva il solletico pizzicandomi dolcemente?
Tante le domande … senza almeno una sicura e valida risposta.
Eppure tra noi c’era un rapporto unico, fatto di simbiosi e complicità. Non occorrevano parole per comunicare. Bastava la forza del pensiero.
Fin’ora mi ha risparmiata … forse perché neppure si ricorda di me. Ma basta! Eccolo. E voglio urlarglielo il mio pensiero, comunque vada:
“Sono qui, esci dalla tua ira, non dimenticarmi sempre in quest’angolo!”



E lui non la dimenticò. Volse lo sguardo proprio nella sua direzione. Una specie di sorriso gli si disegnò in faccia, prima di prendere tra le braccia colei che aveva tanto amata: la sua chitarra.
Non le lasciò alcuna cicatrice. Con un colpo secco la disintegrò, spiaccicandola contro il muro maestro della stanza.




Share |


Racconto scritto il 30/11/2019 - 09:18
Da Ida Falconeri
Letta n.252 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Complimenti. Brava. Ottima l'ispirazione, la fattura e l'originalità.

Ernesto D'Onise 17/12/2019 - 19:25

--------------------------------------

Bel testo, tra suspence e sorpresa...
e poi quel "dimenticata" a me lascia qualcosa in più...
Brava!

Grazia Giuliani 01/12/2019 - 16:20

--------------------------------------

Che bel racconto che hai scritto.Brava.

Antonio Girardi 01/12/2019 - 10:09

--------------------------------------

Un grazie a voi che avete gradito lasciandomi dei bei commenti.

Ida Falconeri 01/12/2019 - 08:12

--------------------------------------

E meno male che era la chitarra perché fosse stata una donna, chi ripuliva il muro?
Lui, il chitarrista, avrà avuto i suoi problemi, certo una curetta non sarebbe cosa errata!

Leo Pardiss 30/11/2019 - 17:04

--------------------------------------

Finale ad effetto, per questo bel racconto. Diciamo poi che mi ha lasciato anche qualcosa che continua a rimuginare in mente..(ma non so spiegare esattamente cosa) Quindi sei brava.

Francesco Gentile 30/11/2019 - 15:47

--------------------------------------

Fantastico racconto, tutto potevo immaginare tranne...
Bravissima

Mirko (MastroPoeta) 30/11/2019 - 11:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?