Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Dietro le nuvole...
IL CIELO RACCONTA...
Unilaterale pensiero...
Crete...
FANTASIE D' AUTUNN...
LA VILLA...
Lullaby...
Vago silenzio...
A mezza vita (2/2)...
La Dalia...
A mio Padre...
Fiore del deserto...
Un volo di rondini è...
Gocce....
La Tela del Ragno...
Di noi...
Un'amarezza...
POESIE D' AMORE...
IL RAGU' DELLA DOMEN...
Sola...
Se potessimo...
ottoeventisette...
HO VISTO LEI...
E sembra stupido...
A mezza vita (1/2)...
Sei bellissima...
Turista nella nebbia...
L' ANANAS IN OFFERTA...
Tra i righi...
fai piano...
Geova, il tuo nome...
E NIENTE......
un sorriso...
dicono...
Il mio primo autunno...
Good luck...
Siamo luci disperse ...
Gerarchie d'autunno...
Con la voce dell'ani...
Groviglio...
Senza confini...
Cristo Signore, dand...
Il tuo Volere...
Scrivere per esister...
Approdo letterario...
MORTE DELL\' ANIM...
Amore ovattato...
Sei strana...
VOLTO...
IL GRIDO DELLA VALLE...
Appunti appuntiti...
L’uomo che coltiva l...
E piove così...
Se l'amore crea e l'...
Casto sonetto...
Nuda...
Libertà...
Stella morta...
Spiragli di visioni...
Per rifornirci di fi...
TUTTE LE MIE NOTTI.....
Redimere il silenzio...
La nostra vera ident...
Giovinezza...
TU IL MIO SOGNO...
Si sveste il castagn...
Un giglio fresco è ...
Poesia all'inverso...
E così non mi ricono...
Per una amica...
Il drago spazientito...
Ravello...
Oltre quella siepe....
L'arte di amare è un...
I NOSTRI LUOGHI...
Il Ponte...
Precipizio...
Un dolce canto...
La nuova tela...
BISOGNO...
Intro versi...
Gigì il piccolo gira...
SI DESTANO I RI...
Ora che sei......
ancora occhi...
PASTA AL FORNO...
Rosso cuore...
Stolta malinconia...
Caro babbo...
Insieme fino al mare...
Luna...
La vanità è causa di...
Alfa, beta, gamma e ...
La stanza che aspett...
Nel sottobosco quand...
Una via d'uscita...
LA DEBOLEZZA DEL...
INNO ALLA SHOAH Lacr...
Siamo atomi strettam...
je ne savais pas...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

I rischi di una colazione non proteica

Caffè.
Spremuta.
Solita brioscina alla crema; non importa quale marca, sono tutte uguali: un tot di pasta, un tot di crema. Il ripieno all'albicocca o quello al cioccolato hanno come risultato il solito, fastidioso, bruciore da gastrite; la crema, curiosa casualità, no. Solo iddio sa il perché.


Il buio alla finestra lo destabilizza, l'aria fresca mentre fuma lo riporta ad altri momenti, luoghi, occasioni, attimi di perpetua nullità nel succedersi dei minuti. Si sente parte della parete dirimpetto, un minuscolo mattoncino, parte di un panorama claustrofobico di umidità condito con un punticino rosso, eredità sbarazzina di milioni d'affacci su Milano.


<< Se avessi voluto il tuo perdono lo avrei chiesto a suo tempo, e invece... Sai cosa? Mi sono ridotto ad accettare di andare avanti, vivere con quella macchietta addosso è stato fastidioso per un po', poi, vabbè... >>


E il mattoncino lo guarda in silenzio. Il riflesso del caffè dice che non gli importa -deve ancora svegliarsi-, la brioscina sparita -puff!- e la spremuta, beh, che potrebbe mai dire di sensato, cioè con un minimo di tatto, in faccia a tanta stupidità? La spremuta, arancia. Arancia il bicchiere, arancia il palato, arancia le dita contro al vetro. Arancia l'amarezza. Si limita. E arancia -ah, le spremute!


<< Ricordo quando riuscivo a innamorarmi di ogni cosa, quando guardavo gli aeroplani passare e pensavo agli addii, alle lacrime e ai baci, ai sorrisoni della gente che parte, ai tassisti senza sonno, alle mani che si stringono. Ricordo di aver visto la morte passeggiare nei corridoi di un ospedale dell'hinterland e un paio di amanti tremare al ritorno del cornuto. Cosa ne farò? >>


E il mattoncino sembra assentire, silenzioso ed eterno quanto il mattino che va via via schiarendo nello spazio tra i palazzi in fondo alla strada; roba da saggi, chi mai lo capirebbe?
La spremuta sembra esterrefatta, il caffè chi lo capisce è bravo. Il fantasma della brioche aleggia nella stanza, sillabe mute di un recital stanco che vorrebbero dire non ricordo nulla, per me il mondo era un sacchetto di plastica. Già, cosa può capirne una merendina? Forse non più di ciò che il caffè fa intendere.


<< Domattina uova, giusto per cambiare. >>


Il cucchiaino apre appena un occhio, questa l'ho già sentita, poi lo richiude e dorme un altro po'.
Non c'è fretta.




Share |


Racconto scritto il 13/09/2021 - 17:52
Da Filippo Di Lella
Letta n.82 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Mi sembra un buon modo per iniziare la giornata trovarvi così entusiaste; grazie mille per la vostra cortesia. A presto

Filippo Di Lella 14/09/2021 - 11:31

--------------------------------------

Un costrutto molto originale che ci accompagna tra i pensieri dell'autore che poi, forse, sono anche i pensieri di tanti. Simpaticamente piacevole e intrigante da leggere.

Maria Luisa Bandiera 14/09/2021 - 08:06

--------------------------------------

Originale e letto con curiosità…buona giornata

Anna Rossi 14/09/2021 - 05:47

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?