Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tra Rosse Aurore ed ...
Filastrocca...
La quercia...
Vento dell'est...
Pearl River...
LA VITA...
L’alba dai Colli Eug...
Soggetto Beta I°epis...
Giorni...
Reprobi Angelus 12....
Ora che non guardo p...
Albeggia...
Svegliarsi...
La casa di Elisabeth...
RICORDI PENSIERI ...
Fido Randagio...
Abitudine...
Pensieri confusi...
GRIDA...
Cravatte...
Incredibile che rina...
Come Fa Il Vento...
Dove sei.......
LA SCARPETTA DOMENIC...
Il Tramonto...
Incendio...
FINALMENTE SI SPOSA...
Tutto senza capire...
Illusione d'amore...
Le promesse spese...
Trovare la chiave pe...
Dio è in te,nella mi...
L'uomo può avere con...
Fabbrico nostalgie ...
Oltre i tuoi capelli...
Uomini e Donne… Sold...
Murales...
Il fieno tra i capel...
Malinconico Maggio...
Sete di libertà...
Case dalle finestre ...
GIOVANE AMORE...
HAIKU 6...
Vento d'estate...
Calde lacrime...
Confusa e felice...
LUCCIOLE...
Pianto di stelle...
....interferenza...
Granito...
Canto dell' amore ri...
Il Papavero...
haiku 10...
I GATTI DEL QUARTIER...
Reprobi Angelus 11....
In questi momenti bu...
“MADRIGALE” PER LA M...
La chiglia s'incagli...
Il palcoscenico dell...
Donna Violante...
SOGNO E PENSIERO...
Follia dell'uomo...
ACCENDI LA PASS...
Talvolta...
Ovunque ella or sia...
Petali...
lago Maggiore...
E' solo tardi...
PAREIDOLIA...
I malati diversi fra...
Un dono gradito....
DELIZIATO INCANTO...
Supermarket question...
Ovattati pensieri...
LA BUSTA PAGA...
Reprobi Angelus 10....
RONDINI...
NOZZE DI CORALLO DEL...
Cuore di farfalla...
Arruda...
Haiku 2...
La porta del cuore...
Affresco di primaver...
Raccolto di vita...
FELICITA’ NASCOSTA...
LA VIA DEI CAMPI - P...
IO NON SO...
Vuoto a perdere...
Soggetto...
VILI...
Tempesta...
HAIKU 5...
La Cinciallegra...
Il dono più prezioso...
Insieme...
LA RUSSIA HA OLTRE C...
Domanda antalgica....
Tempi sbiaditi...
Profumo di pane...
La luna rossa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Anime

Eccomi.
Sono qui.
Viva.
Mi guardo intorno, con gli occhi curiosi di una bambina che vuole vedere cosa siamo.
Cosa vedo?
Tante anime, ombre confuse, sfocate.
Ci sono anime che si mescolano ad altre, perché distinguersi fa troppa paura.
Ci sono anime che non riescono a vedere la loro luce meravigliosa, si odiano, si fanno male.
Ci sono anime piene di crepe, che perdono pezzi.
Alcune hanno la forza di raccoglierli e di metterli insieme.
Le cicatrici rimango, sono storia, la nostra storia.
Ma si va avanti.
A volte ci si trascina, a poco a poco, sino a sollevarsi del tutto.
A volte la sensazione di sprofondare, di essere inghiottiti, di rimanere fermi, mentre tutto è fermo; è grande.
A volte si corre, si scappa, si spera di dimenticare tutto e che i problemi non siano così veloci da raggiungerti.
Ma sono sempre veloci, più veloci.
Finché non li affronti, finché non cuci il tuo corpo.
La carne soffre, gli aghi lacerano.
Ma si va avanti.
Si deve andare avanti.
Quanto ci può dire un corpo della nostra storia?
Tutto.
E nulla.
Sì, un corpo può essere reticente, ma le nostre labbra scelgono a chi sussurrare.
Sì, un corpo può essere spezzato, ma i nostri occhi scelgono su chi posarsi, di nuovo.
Ancora, e ancora.
Sì, un corpo può cambiare, ma la mente sarà stabile? Dev'essere stabile.
Mi guardo intorno, vedo le altre anime, e vedo la mia, di anima.
Non è perfetta.
Ansima, si aggrappa con tutte le sue forze, vuole raggiungere la superficie, la luce.
Ma come posso sapere se è davvero la luce ciò che voglio, se non so nemmeno come sia, la luce?
E quando ne afferro un piccolo spiraglio, una scintilla piccolissima, non mi basta.
Non mi basta mai.
Ne voglio ancora.
Ne voglio di più.
Così ricado giù, nel buio, avvolta in una coperta di tenebre.
Perché forse, l'oscurità è più comoda della luce abbagliante.
Siamo tutte anime sfocate, che fingono di essere nitide.
Siamo tutte anime, alla ricerca di altre anime.
Io ho trovato te, il mio male peggiore.
Hai lacerato la mia carne, hai lasciato il tuo segno, indelebile come l'inchiostro.
Hai bruciato il mio cuore, così che io non possa più sentire nulla.
Hai rubato i miei pensieri, un angolo remoto della mia mente.
E ti odio, perché tra tutta la confusione
di anime, di ombre
riconoscerò sempre la tua, di anima.
Una mano
si tende
nel vuoto
e ti cerca.
Ora.
Domani.
Sempre.



Share |


Racconto scritto il 18/01/2022 - 14:44
Da Vittoria Brusa
Letta n.129 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?