Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Notte

Notte, notte oscura, notte da solo,
stanza buia, solo con te, tormento,
che non mi lasci finché m'addormento;
dal tuo pensier con nulla mi consolo.

M'avvolgo in un cantuccio e teco volo,
ogni tua fibra alle mie fusa sento,
cent'anni con te vivo in un momento;
candida a te albo accanto al ciel convolo.

Ma repente atro folgor mi sovviene:
per fatal mio errar altro t'ha e t'ha avuta.
Oh tetri anni che in vani amor passai!

Dimon mi gittò del turpe alle pene,
ma, se mai mortal sorte in ben si muta,
saper mi lica: tu mai m'amerai?



AGS, Agosto 2014, Val Gardena - 16 luglio 2015, Mykonos




Share |


Opera scritta il 01/07/2016 - 17:57
Da AGS Poesie
Letta n.250 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Una possia molto interessante dal linguaggio sostenuto! Spesso è una buona via di espressione! Mi piace complimentii

Gianmarco Capitano 01/07/2016 - 20:16

--------------------------------------

La prima poesia che leggo ed ecco che già mi trovo in difficoltà a commentare. Alcune parole mi sfuggono, ed anche i significati, ovviamente. Interessante la costruzione del sonetto, con rime non ortodosse e quindi di un certo interesse...di più non posso dire, se non che l'uso di un italiano antico e vagamente aulico la rende diversa. Se in bene o in male non mi è dato sapere... buona serata.

Quattro Stagioni 01/07/2016 - 19:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?