Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Mors

Al patir del visceral dolore
che appassir fa le membra,
amor che al volger secoli
speme die' a i figli del Pastor,
qual sorte attende a 'esti che
patiscono 'esto dolor?


O Padre,
Tu, che al tuo seme n'desti
altro che 'l fato,
al tu' Figlio n'desti altro
ch'ella croce,
al Tu' Regno fa' salir 'l mio
lacrimare.


O Monte,
eo che ti miro da
una vita, solamente tu
co' la tu' grandezza puoi
al cielo far ascender 'l mio
spirito e, al Regno tuo,
tra li avi, farmi seder
per eternitate riposo.


Qual prezzo val' un'esistenza
che, messa al patir, vuol
luce eterna?
Qual Padre, chiede, al su' figlio
'l silenzio e 'l dolor?


Talor chiedo:


Madre,
Qui un tuo miserevole figlio
chiede, alla tu' magnificenzia,
di por' fine al sempiterno dolor.
Di annular la vana sapientia
del mondo e di purità
far rifiorir 'esto corpo.


Allor' chiedo:


Amore,
che tu possa al meglio gioir
delle grandezze d'un mondo
omai scomposto.
Che tu possa veder, al di là
del tu' dolente sposo
'l pueril animo che giace in lui e
accettar 'l perdono che
t'ha sempre invocato.


Morte,
co' le tu vesti fa gelar 'l mondo,
co' la tu falce e li tuoi corvi
fai morir li sentieri a le
spalle tue.


Morte,
ma 'l Sole sorge ed io,
co' la mi' speranza,
insieme a lui.



Share |


Poesia scritta il 07/06/2015 - 22:18
Da Pasquale Sazio
Letta n.404 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Carissimo Arcangelo ancora una volta un'interpretazione degna di lodi e nota per sensibilità e concretezza. Ebbene sì, alle spalle di ogni invocazione c'è un senso di spiritualità quanto di componenti della famiglia. La scelta stilistica è dettata nient'altro che da un bisogno di rievocare in chiunque legga 'esti versi che la morte, come il volgere del giorno che segue, è solo un'altra rinascita e che ogni giorno di dolore n'è un altro tutto da scoprire.
Un carissimo saluto e un abbraccio e ancora un ennesimo ringraziamento per le belle parole

Pasquale Sazio 10/06/2015 - 12:39

--------------------------------------

Un poetico testo particolare e diverso dalle precedenti pubblicazioni,come stile e temperatura di sviluppo. Pare quasi un verseggio d'altri tempi in cui,le significative immagini, esprimono quell'umano rapporto che viaggia tra la concretezza e la spiritualità. La morte come fine da cui poi poter ripartire, dopo il dolore e la sofferenza. Perlomeno questa è la mia chiave di lettura. Bravo!

Arcangelo Galante 10/06/2015 - 08:10

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?