Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lā della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchė scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissā se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore č come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In cittā...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Mors

Al patir del visceral dolore
che appassir fa le membra,
amor che al volger secoli
speme die' a i figli del Pastor,
qual sorte attende a 'esti che
patiscono 'esto dolor?


O Padre,
Tu, che al tuo seme n'desti
altro che 'l fato,
al tu' Figlio n'desti altro
ch'ella croce,
al Tu' Regno fa' salir 'l mio
lacrimare.


O Monte,
eo che ti miro da
una vita, solamente tu
co' la tu' grandezza puoi
al cielo far ascender 'l mio
spirito e, al Regno tuo,
tra li avi, farmi seder
per eternitate riposo.


Qual prezzo val' un'esistenza
che, messa al patir, vuol
luce eterna?
Qual Padre, chiede, al su' figlio
'l silenzio e 'l dolor?


Talor chiedo:


Madre,
Qui un tuo miserevole figlio
chiede, alla tu' magnificenzia,
di por' fine al sempiterno dolor.
Di annular la vana sapientia
del mondo e di puritā
far rifiorir 'esto corpo.


Allor' chiedo:


Amore,
che tu possa al meglio gioir
delle grandezze d'un mondo
omai scomposto.
Che tu possa veder, al di lā
del tu' dolente sposo
'l pueril animo che giace in lui e
accettar 'l perdono che
t'ha sempre invocato.


Morte,
co' le tu vesti fa gelar 'l mondo,
co' la tu falce e li tuoi corvi
fai morir li sentieri a le
spalle tue.


Morte,
ma 'l Sole sorge ed io,
co' la mi' speranza,
insieme a lui.



Share |


Poesia scritta il 07/06/2015 - 22:18
Da Pasquale Sazio
Letta n.362 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Carissimo Arcangelo ancora una volta un'interpretazione degna di lodi e nota per sensibilitā e concretezza. Ebbene sė, alle spalle di ogni invocazione c'č un senso di spiritualitā quanto di componenti della famiglia. La scelta stilistica č dettata nient'altro che da un bisogno di rievocare in chiunque legga 'esti versi che la morte, come il volgere del giorno che segue, č solo un'altra rinascita e che ogni giorno di dolore n'č un altro tutto da scoprire.
Un carissimo saluto e un abbraccio e ancora un ennesimo ringraziamento per le belle parole

Pasquale Sazio 10/06/2015 - 12:39

--------------------------------------

Un poetico testo particolare e diverso dalle precedenti pubblicazioni,come stile e temperatura di sviluppo. Pare quasi un verseggio d'altri tempi in cui,le significative immagini, esprimono quell'umano rapporto che viaggia tra la concretezza e la spiritualitā. La morte come fine da cui poi poter ripartire, dopo il dolore e la sofferenza. Perlomeno questa č la mia chiave di lettura. Bravo!

Arcangelo Galante 10/06/2015 - 08:10

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?