Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...
MA LEI LO SA?...
aspettami...
CAP 2 La non-storia...
Reset...
Peggio della malinco...
L'esperimento...
Deserto...
CARONTE...
Aspettando le rondin...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Questa nostra pazzia

Vortici densi
di vincoli e doveri,
quotidiane rincorse
di un se stessi degli altri,
annaspando
nella polvere asfissiante
del proprio palcoscenico.


Un piede dopo l'altro
sopra il filo ad oscillare
per simulare equilibrio,
con la paura nel cuore
di uscire dal personaggio,
tremendamente nudi.


Lontano da occhio umano
un universo di palpiti e malie
conservavamo in segreto,
sfogo di ogni fantasia...


Ti prego, scioglimi ancora
inviti tagliuzzati
e francobolli di voglie,
desideri sfumati
in deliri di garza:
spudorate invenzioni
di riquadri selvaggi
per inseguire a rivoli
la tua natura.


Ti prego, insegnami daccapo
valichi, solchi, valli
dove di nuovo fondere
bollente l'immaginazione;
lasciami inseguire la tua ombra
negli anfratti schiumosi,
nelle insenature dove più ribolle
e sempre
il tuo mare agitato.


Ritorna sui tuoi passi, cos'altro
in fondo nostro soltanto resta.
Conquista un ripostiglio
dove infine tenere
e rotolare
biglie colorate di emozioni
senza ritegno, senza una bugia:
che male c'è nel liberare a tratti
questa nostra pazzia.



Share |


Poesia scritta il 15/04/2013 - 10:50
Da Francesco Patecci
Letta n.547 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Qualcosa di straordinario, da brividi.
Complimenti e grazie per questo dono...

Emanuele Flow Zito 17/04/2013 - 03:21

--------------------------------------

Stupenda. Travolgente. Induce profonde riflessioni.

Daniela Cavazzi 16/04/2013 - 13:40

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?