Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Innamorato di una st...
DONNA PER TE...
In un tempo eterno...
PESCA...
L'essere immondo tro...
Il Potere della Luna...
Mors tua vita mea...
Il bello e il buono ...
La natura e le sue m...
Dormimmo insieme una...
La mia casa...
Emozioni...
La primavera vola ne...
L' eternità e un mom...
Del Mare...
ORME SU DI ME...
Mattatoio Comunale...
Non ti riconosco più...
Poi arrivasti tu...
Tu Figlia mia...
Grandine...
Decisioni...
apnea...
n° 22 (R/P)...
CHIAMAMI POETA...
Creatura...
I due volatili...
PAROLE CROCIATE...
La natura ci offre i...
Ali di cielo...
Ricordi d'infanzia n...
SORRISO INNOCENTE...
Saturnia...
Ragazzo mio...
L' AMICO VINCENZO...
Infinito volo...
Poetessa...
Poetesse di Oggi scr...
Il volo...
Oltre il cielo...
Un vecchio disegno...
S'affannano ed insis...
Il buio...
Lievito madre...
Ode al mio angelo...
Pioppino...
L'occhio...
IL PIACERE...
35 Agosto 2007...
Ricordi sbiaditi...
Tornerà?...
Il mio cioccolatino...
UN TRAMONTO ROSSO FU...
L'amore segreto dell...
Senza meta...
Mi piace lo stile e ...
I ricordi sono come ...
Alle radici del vuot...
The Legionary...
Valzer per Olindo...
int' 'a stu fridd' c...
Il conto da pagare...
Una notte in bianco ...
Amore e riflessioni ...
CERCANDO LA QUIETE...
Ubriaca di...sogni...
s\'inchina e ghermis...
La stessa ondata di ...
Il Dimenticato....
Mamma e Madre...
Festa della Mamma...
Madre del riso...
I padroni del silenz...
Haiku 102...
Songs...
Stordito...
Blu Indifferenza...
Stelle...
Mettere a frutto il ...
Amami...
Il Contadino Dell'An...
Due versioni...
Senza un cuore...
Tortore...
VIA DALLA MENTE BUI...
L ‘ultima...
Per quanto questo si...
LA ROSA...
Delusa...
Crine al vento...
TERRA STUPRATA...
Recondite speranze...
Un Giorno come un al...
Soffia l'amore...
CAMMINO...
Il sapore delle nuvo...
La Madre dei Poveri...
Cinkuittico...
L'arancione...
Il Potere della Luna...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Del potere e dell'abuso.

Di storie eroiche cantavano,
del potere regio e feste dorate.
Del castello e i suoi cavalieri,
delle mattine di sole e algide serate.
Di battaglie sofferte e delle spade levate,
per quei corpi mutilati di diverse fazioni,
ma pur con ferite dalle dame bendate,
ancor nei boschi, per dare lezioni.


Ma cantastorie e cantori non dicevan tutto,
la violenza del soldato al castello tornava,
la mano degli uomini aveva distrutto
quel che la donna ancora costruiva.
E infatti non disserro nulla,
al popolo che il potere sosteneva,
dell'aver violato il corpo stanco
di chi al castello lavorava.


Il sangue vergine macchiò il letto,
così come l'animo dei soldati,
capaci di sfuggire alla legge
ma dalla colpa per sempre perseguitati.
E dei suoi occhi azzurri non parlano,
non parlano dell'abuso di potere,
ma nel cuore loro sanno,
che la volontà e' spesso potere.


Ma il cuore tortura la mente
che ignava,ha il compito ingrato,
di tener all'oscuro la vicenda
e coprire per sempre il soldato.
E con il re che alla regina stringe mano,
il potere e' ora al sicuro,
i suoi occhi azzurri non vedono più
le ingiustizie del tempo lontano.




Share |


Opera scritta il 18/02/2015 - 15:45
Da Giorgia Rosa
Letta n.803 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Vero, anche dietro le favole più epiche e valorose vi sono violenza e mediocrità. Più attuale di quanto non sembri. Piaciutissima

Alessandro Sivieri 18/02/2015 - 23:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?