Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E' come se...
Folate (omaggio in t...
Non per tutti l’acqu...
Mia e Pietro....
Pioggibonsi...
Il silenzio dell\'an...
Amo...
Sconcerto...
DONNE DEL PASSAT...
Carissimo Topolino...
HAIKU 32...
Waka 3...
E poi...
La panchina dei rico...
Quando non sono in v...
Perse la luna (omagg...
LA NEVE...
LA POESIA E’ L’ESSEN...
Sei qui, ma altrove....
Come fiorite aiole...
Occhi...
Dea minore...
LA BELLEZZA DELL...
Fiore reciso...
Morgan il Vikingo...
Non era Kant ma ball...
In silenzio...
Donna...
Ardenza (il racconto...
Solipsismi...
Amor...
Le orme dei miei pen...
tomorrow...
Le emozioni sono com...
Polvere...
in fragranza di ingo...
All'anagrafe...
Mamma...
C'è ancora domani?...
All'improvviso...
Il Congresso....
Giovedì gnocchi...
Il racconto del mare...
Abbi cura di te...
LA VITA E' UN ...
Orologi senza ore...
Un barlume di luce...
Acqua...
POETI...
Ardenza (drabble in ...
Cangiare...
Il tutto e il niente...
Parole...
PENSO CHE TU RICORDI...
Riflessi nel silenzi...
Promessa d’amore...
I cortili...
Croscio...
PARLAR SENZ A RICORD...
GIULIA...
Vita mia...
Waka 2...
Canto di morte in un...
L' AMORE NON HA ...
IN MEMORIA DI GIULIA...
La donna è Poesia, l...
Lago Bosco Urbano (P...
Era d'autunno il fia...
IL NOSTRO PRIMO BACI...
In alcuni momenti de...
HAIKU' D'AMORE...
GUARDA ANNANZO (GUAR...
L'ultimo elfo...
Le note cattive cont...
Elfo...
Piove...
ALBERI FANTASTICI...
Neve e cielo a coria...
Salirò (omaggio in t...
Così fu il poeta...
solitaria cella...
MERCANTE DI SOGN...
VI RACCONTO DELLA MI...
“Rime di un’isola”....
L'AMORE PER LA NATUR...
Segni del tempo...
Le rose baciate dai ...
BICICLETTE...
Non le ascoltiamo...
UN POVERO CANE...
Tra le braccia di mo...
Riflessi...
LA VITA...
L'IMMENSITÀ...
Gli anelli scuri int...
Nebbia tra silenzi ...
HAIKU 31...
Bonus psicologo...
CERCAMI SEMPRE...
LA MIA GIOVINEZZA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Sindrome di Stendhal

In un pomeriggio assolato
i suoi capelli sentivano il dannato bisogno di essere mossi dal vento.
Ma lei era al centro della stanza, immobile, incurante di ciò che le succedeva dentro.
Dai suoi occhi si scatenavano maree, nelle sue vene scorrevano violenti
fiumi di sangue senza sapere
dove affluire, e le sue labbra
Oh, le sue labbra, porto sicuro per il mio cuore vagabondo.
Ma lei rimase immobile.
Io da lontano le tracciai il profilo con un dito,
sarei stato fermo ore a guardarla
come si guarda un opera d'arte,
senza dire nulla.
Amandola persi la cognizione
di tutto il resto
poiché tutto il mio altrove era lei.



Share |


Opera scritta il 07/03/2016 - 22:25
Da Francesca Alfonsina Ruccolo
Letta n.1015 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Poesia affascinante, in ogni suo verso. i miei complimenti. Ciaooo

Fabio Garbellini 08/03/2016 - 12:41

--------------------------------------

BENVENUTA NELLA CASA DI OGGISCRIVO...
UN LEITO QUANTO ESPRESSIVO DECANTO...
FELICISSIMA FESTIVITA' DEL OTTO MARZO...

*****

Rocco Michele LETTINI 08/03/2016 - 10:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?