Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Parigi, Febbraio 194...
Passegiando la matti...
Rapporti Umani...
CUORE DI PIETR...
Non trovo....
Il cucciolo...
Promessa....
La domenica dei mort...
FRUSCIO DI FOGLIE...
Il sonetto dell'autu...
Quel momento in cui ...
Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
Me ne voglio ì lunta...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Residuo di chimera

-Residuo di chimera-


La girandola delle scale non
affievolisce il desiderio di scappare dalla
casa e tuffarsi con sorriso inconsapevole
nel mondo, mascherata notturna.
Tardi.
Cavalieri armati di arco scoccano
frecce invisibili e macchiano di
insipido sangue i bianchi, i neri.
Scelgo,
con la fragilità di foglia negli occhi
corro e coloro il viso, schierandomi
per una battaglia che non mi
appartiene.
Troppo tardi.
È questa la realtà
e la mia casa era una chimera
incorniciata di sicurezze, modellate per me
da fiori con le spine.
Non si regge sulle gambe
l'illusione che ho trascinato via,
troppo tardi per riavvolgere il
tempo, indietro.
Ho voluto io questa
sottomissione dagli occhi sgranati,
i baci sono parole al vento
senza significato,
come il sangue raggrumato.




Share |


Opera scritta il 11/04/2016 - 08:27
Da Rossella Carmignano
Letta n.545 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Ancora infinite grazie a tutti voi

Rossella Carmignano 12/04/2016 - 18:46

--------------------------------------

Ciao Rossella bella la tua poesia anche nel suo dolore..hai saputo renderla dolce e delicata. Complimenti. ciao.

Maria Cimino 11/04/2016 - 22:51

--------------------------------------

Molto bella poeticamente, toccante nel dolore che racconta...Complimenti!

margherita pisano 11/04/2016 - 22:48

--------------------------------------

molto bella piena di dolore *****

POETA DELL'AMIATA LUPO DELL'AM 11/04/2016 - 18:28

--------------------------------------

La faccio un po' mia..permetti? Bella

Sabry L. 11/04/2016 - 15:50

--------------------------------------

Salve!!! :)
Vi ringrazio infinitamente per i bellissimi commenti! Sono contenta che vi sia piaciuta la poesia :)
A presto 😊

Rossella Carmignano 11/04/2016 - 15:21

--------------------------------------

Salve!!! :)

Rossella Carmignano 11/04/2016 - 15:19

--------------------------------------

UNA SENTITA QUANTO ESPLICITA DENUNCIA AD UNA QUOTIDIANITA' CHE STENTA A DECOLLARE.
ECCELSA SEQUELA...
LIETA SETTIMA.
*****

Rocco Michele LETTINI 11/04/2016 - 13:56

--------------------------------------

Una struttura metrica che apprezzo in quanto le pause in una lirica sono importanti e necessarie e tu hai saputo crearle dando la musicalità e la fluidità opportune per trasmettere al lettore questo senso di inquietudine e di malinconica rassegnazione al tempo per il quale anche i baci offerti han perso il loro significato. Bel lavoro, ciao Rossella e grazie per la visita.

luciano rosario capaldo 11/04/2016 - 10:26

--------------------------------------

Bella poesia molto dolorosa.Dire "i baci sono parole al vento senza significato come sangue raggrumato" è molto forte
Mi è particolarmente piaciuto il verso
"con la fragilità di foglia negli occhi"
è molto poetico
Complimenti
Nadia
5*

Nadia Sonzini 11/04/2016 - 10:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?