Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Come la neve...
Come eravamo...
TUTTO CAMBIA......
Milano sospesa...
Stanotte t'ho sognat...
Fierezza...
Parla con lui...
SENRYU 2...
Una questione di pro...
Profumi......
Notturno...
POPOLO BERGAMASCO...
Sole d'aprile...
De Passione Domini...
Il profumo dell'amor...
A un uomo che non vo...
Negazioni...
Fai bei sogni...
Innocente Panico...
Non ero un ladro...
RIFUGIO...
Brindo alla vita...
I pulcini... pirotti...
IL FUNAMBOLO...
Eravamo felici e non...
Haiku F1...
Terresti? Puah!...
SEI TU IL TUO DIO...
Nonostante il mio do...
Leggère tra le rive ...
LUCE SU UN VICOLO CI...
Varia umanità...
Puntate precedenti...
Dietro il davanzale...
I tuoi occhi...
STANOTTE...
MANDALA...
Decisioni difficili ...
3 righe. È una st...
ANGELO E DEMONE...
Come droga...
Quattro miliardi di ...
Sono aerei...
Tanka 2...
Cambierò nome alla f...
Genitore professione...
NON POSSO...
Emozioni...
INCONTROVERTIBILE...
Oh mare...
Italia credici...
Nel segreto incanto...
haiku 45...
Ho con me il silenzi...
sole primiverio...
A te amore mio...
Alberi...
Il Robin Hood delle ...
Le fatine, erbe dei ...
Quarantena...
Non vedo...
APRILE(acrostico)...
Il Tu poetico...
Ostaggi di un virus...
Ella vien ver me...
Primo aprile...
Pinocchi....
ESSERE ALLA RICERCA...
TRASCURATA PRIMAVERA...
haiku...
Street Art...
Irraggiungibile mare...
L' AMORE IN UNA B...
Caduche fiammelle ac...
La via della speranz...
Haiku 70...
PANTA REI...
Verranno gli anni po...
La Pavane...
Creatura mia...
Tornerà la Vita......
Giocano i bambini su...
Mi accontento...
Sono un Albero...
Le stagioni umane...
SOSTENZA E APPARENZA...
UN'ETÀ PER TUTTO...
Italia nera...
.Gabbiani....
UOMINI RICCHI...
Similerso...
Stracchino e cetriol...
Solo un sogno...
Ognuno...
Scrittura di gennaio...
il mio spazio...
Di miei Alberi,framm...
L'albicocco e la not...
Il governatore della...
LO SFOGO DI UN ARTIG...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



RESET

Raccolti i sandali
non fu più vero nulla,
naufragavamo spersi
come dopo un inganno.
Si allontanava il sole
e ci sembrò un dispetto.
Precipitava l' ombra sui mattoni
segnando il tempo dell' equivoco,
mentre che svigorivano
parole assieme alle figure.
Chi credevamo d' essere,
vestiti a fiori
rumoreggianti e audaci?
E non consolazione
venne dall' attardarci
a chiudere le pagine.
Ritraemmole piante
ed accostammo i vetri
sulla notte pagana
e la domenica infinita.



Share |


Opera scritta il 09/10/2016 - 02:52
Da luciana prisciandaro
Letta n.668 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Profonde sensazioni emergono leggendo questo reset delle emozioni... che sfumano in una velata malinconia. Uno stile nel verseggio poetico molto piaciuto, davvero notevole.

Francesco Gentile 09/10/2016 - 19:05

--------------------------------------

MOLTO BELLA PIENA DI EMOZIONI BRAVA

POETA DELL'AMORE LUPO DELL'AMI 09/10/2016 - 18:17

--------------------------------------

Una piacevole poesia che porta a sì riflessivo meditare.
Resettare? L'inizio, d'altro diverso!
Sereno meriggio, Luciana.
*****

Rocco Michele LETTINI 09/10/2016 - 15:22

--------------------------------------

bellissime parole che arricchiscono una grande poesia,complimenti!

andrea sergi 09/10/2016 - 12:53

--------------------------------------

Eravamo quel che siamo
Siamo oggi pianta, germoglio di ieri
E benvenuta l'audacia
Peccato averla abbandonata a ieri
Bellissima

laisa azzurra 09/10/2016 - 12:32

--------------------------------------

Ciao Luciana la tua poesia piace anche a me.


Un reset pieno delle tue emozioni e sensazioni che con originalità hai saputo descrivere.

A te complimenti e buona domenica


Maria Cimino 09/10/2016 - 12:14

--------------------------------------

E' molto particolare, un bello stile molto incisivo...Mi piace

Sabry L. 09/10/2016 - 12:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?