Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Poesia d’Amore...
Kiss Me...
La cena dei morti...
C'è in noi uno stran...
Ermellina P....
Apparenze...
Gaudium fugit...
Vediamo con gli occh...
Dai vetri piove sul ...
Amica Invisibile...
Il tepore dei ricord...
Non mente...
Profumi di sorrisi...
Al Volto Santo...
Fabio....
DISSOLVENZA...
Viaggio nell'immagin...
LA VITA IN DUE...
Neghittoso...
Bruna, àncore...ancò...
HAIKU F...
PIU DEL MONDO INTERO...
Acciderbolina!...
Perderò i lacci dell...
Stai soffrendo!...
Parlami delle stelle...
Haiku 31...
Ispirato alla voce d...
Inserita la carta n...
Sei forse tu?...
La vita è più forte ...
Interludio...
Nella vita meglio un...
Sombrero...
Inchiostro di seppia...
EUFORICA PASSIONE...
QUEI NASCONDIGLI NAT...
Spiragli...
L'usignolo e la stel...
Prospettive...
Gabbiani...
Quando ti chiama il ...
La fine dell'estate...
Mi immagino...
O FRA’ FATT VEDE’...
Storia in un soffit...
Haiku 10:9-21...
INDIFFERENZA...
HAIKU L...
AUTUNNO...
Solletico...
Guardò il soffitto...
Sarò felice...
La Colpa...
E' triste vedere per...
CALENDARIO CONDANNAT...
Haiku XIV...
Trovare fortuna...
Sonetto della farfal...
GIRASOLE SIMBOLO ...
CURIOSITA'...
Non glielo posso per...
Haiku 110...
Forse è quello che c...
Questa estate è fini...
Devi essere Viva...
Il tempo, l'amore e ...
Pietro Thiene...
Vero Amore...
Settembre...
Una bella pensata...
Solo la sua luce...
Biografia ironica di...
Un dolore troppo gra...
Il più bel gioco...
Fratello Sole e sore...
LA TERRA DEGLI ...
PAZZO A ME...
Il sapore del sale...
LORO NON CAMBIANO...
La panchina...
Insonnia...
Haiku 30...
A me penserà il lang...
I rischi di una cola...
Se cadessi ora, ness...
SORRIDERANNO I BEFFA...
Odore di pelle...
COME MAI PAPÀ...
Chi tace non accons...
E' dal nulla dalla f...
L'arcobaleno...
Sfida...
Un abbraccio è una c...
Un sogno per domani...
IMPARIAMO A SOG...
IL VINO...
Libertà...
Coi jeans strappati ...
MOSCA INCOSCIENTE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Cesare chi è ?

Cesare, chi e?
All’osteria “ da Vincenzo “ su la piazzetta de li Monti der Pecoraro, ore 17,30 circa.
- Bònasera a lor siggnori, a Cencio, porteme ‘n quarto de’ quello rosso…-
- Ciao a Cesere, guarda che proprio oggi, m’è arivato un cannellino novello de' li castelli che dè ‘na meravija.-
- Va be’…assaggiamo un po’ ‘sta meravija…-
- Mettete a séde Ce’, che te servo subbito.-
- Ecchetelo, assaggelo e poi me dirai…Stai sempre a lavorà ar cantiere a Tibburtino?-
- E già, meno male, ereno tre mesi che stavo a spasso, mo stamo a rifà tutta la facciata, speranno che er lavoro duri a lungo.-
- Speriamo Ce’, so’ tempi duri pe’ tutti, er lavoro, ‘n se trova e perciò li sòrdi, nun gireno…-
- Ma stà bono Cencio, oggi m’hanno dato un manovale rumeno, che nu spiccicava ‘na parola de itajano, avoja a spiegaje le cose, nun se capivamio. Ahò nun riusciva manco a chiamamme Cesare, jò puro spiegato che ‘sto nome era de ‘n antico Re de Roma, mavattene, quello nun me capiva, e io nun capivo a lui…-
- Scusatemi, se inavvertitamente ho ascoltato i vostri discorsi, ma m’è parso di cogliere delle inesattezze, in quer che stavate dicenno…-
- Ah, carissimo Professore, per carità, lei nu’ ce disturba mai, venga a mettese a sède ar tavolino mio, a Cencio, porta n’antro quarto pure ar professore, che sicuramente ce ricconterà n’antro pezzo de’ la storia de Roma, come l’ha studiata lui. Allora professo’, ‘ndò amio sbajato?-
- Caro Cesare, il tuo è un nome nobbilissimo, viene appunto da Gaio Giulio Cesare, ma nun è stato un Re de Roma…-
- Come no, professo’, lo ‘nsegneno puro ne le scòle..-
- Eh no, mio caro, Cesare è stato tutto tranne che Re de Roma.Gaius Iulius Caesar, questo è er nome vero in latino, è stato uno de li più grandi personaggi de la storia, no de Roma, ma mondiale e è difficile trovanne uno uguale. Fù pontefice massimo, un granne militare, un conquistatore, un eccellente oratore e scrittore, ma anche conzole e dittatore, poi puro divinità.-
- Ammazza professo’, penza te, n’omo che nun era nissuno, penza ‘ndò è arivato…-
- Nun era nissuno? Ma stai scherzanno? Adda sapè che Cesare discenneva da l’antica e nobbile famija “ Gens Julia “ addirittura discennente da Julo, er fijo de Enea che seconno la leggenna era addirittura er fijo della Dea Venere. Eppoi si dietro nun ciai li sponzor, poi esse forte quanto te pare, ma nun vai da nissuna parte. –
- E che puro a quii tempi c’ereno li sponzor, ma davero professo’? –
- Guarda che la vita, su ‘sta tèra, è stata sempre ‘na ròta, Cesare. Nun se inventamo gnente de nòvo, sporveramo, sporveramo e riaddoperamo le cose vecchie. Co’ tutta ‘sta porvere, me se sta’ a asciugà la gola…-
- Amio capito Professo’, Cencio, porta un litro e ‘na palletta che ‘sto cannellino…và giù da solo. Però annate avanti professo’ che volemo sape’ de più. –
- Empime er bicchiere, che mò ve dico. Allora, ‘sto perzonaggio veniva da ‘na famija ricca ma puro legata ar popolo pe’ via de certe parentele, a sedici anni anniede, doppo finito da studià, perché ha puro studiato da criatura, a fa’ la guera in Asia e lì conobbe er Re de Bitinia, Nicomete…-
- Ah, o sponzor. –
- No Ce’,nun era lo sponzor, ma er Re lo pijò a benvole’ e se lo tenne co’ lui un par d’anni, poi er padre, Gaio Giulio Cesare il Vecchio, l’arichiamò a Roma pe' fallo sposà co’Cossuzia, sempre pe’ l’impicci de potere. Er matrimonnio durò circa du’ anni, poi lei morse. Allora Cesare se sposò co’ Cornelia Cinna, che d’era la fija de un luogotenente de Mario, er marito de su’ zia Giulia.Però ‘sto Cinna, era puro uno de li capi der partito democratico, contrario ar Dittatore Silla, che commannava all’epoca. ‘Sto fatto fece proprio incazza’ Silla, che quanno chiese a Cesare da ripudia’ la moje Cornelia,ma Cesare s’oppose, lo condanno addirittura a morte, co’ la confisca puro de la dote de la moje. Ma co’ l’aiuto de l’amichi sui, Cesare riuscì a fasse tramutà la condanna in esillio. Da qui cominciò la vera gloria de Cesare.-
- Ammazza l’impicci, professò, certo che puro a queli tempi era dura. –
- Eh già e se moriva più facile de adesso. Però continuamo. Co’ l’esillio fece un sacco de esperienze de guera, pe’ tera e pe’ mare, diventanno uno forte. Rientrò a Roma e fu’ eletto questore, indovina un po’, co’ li voti comprati co’ li sordi imprestateje da Grasso, lo sponzor. ‘Sta carica, jè fruttò er governatorato cor comanno militare in Spagna, ‘ndò spazzò via tutti li ribbelli, conquistannose la fama de ottimo sordato e amministratore. Però co tre anni, s’era un po’ riempito de buffi, in Spagna. Allora ariecco li sòrdi de Grasso, che je fanno atturà li buchi e lo fanno aritornà a casa, ‘ndò diventa pontefice massimo e poi pure pretore.-
- Professo’, st’antra lampadina ( un litro ), l’offre la casa per tutto quello che ce state riccontanno, certo nun so’ ‘no sponzor come Grasso, ma questo, me lo posso permette da fa’…-
- Grazie Cencio, s’apprezza sempre de più chi co’ poco dona poco, che chi co’ tanto, dona poco. ‘Nnamo avanti. Mò guarda come è strana la politica. S’ancontrorno privatamente Cesare, Grasso er finanziatore e Pompeo, firmanno un patto e un giuramento de reciproca lealtà pe’ spartisse la distribbuzzione dei compiti e de li poteri. ‘Sto patto è conosciuto come “ Primo Triunvirato “.-
- Ah ah, a professo’, ma ‘ndò l’hanno firmato? A Arcore?-
- A Cesari’, t’ho detto prima, che noi nun se inventamo gnente, se continua a copià da ‘na vita, così Cesare, se scejette le Gallie, ricche de oro e de artre risorse importanti, che pe’ lui esperto de strateggia de guera, diventava quasi ‘na passeggiata la conquista de quii teritòri e difatti fece un macello e guadambiò notevoli ricchezze e prestiggio. Ce scrisse addirittura un libbro, er “ De Bello Gallico “, nun lo so quante copie vennette, ma pe’ fortuna è arivato fino a li tempi nostri. Morto Grasso, Pompeo fece lo stronzo e provò a pijà er potere da solo. Capirai, Cesare s’encazzò e minacciò Pompeo. Pompeo, a sua volta je mannò a dì, che si voleva aritornà, poteva ritornà solo come semprice cittadino, senza cariche e senza esercito. Cesare imbufalito, attraversò er Rubbicone che era ‘na spèce de confine, co’ la frase “ Alea iacta est “ che tradotto in romanesco, sta come:“ mo’, te sei fatto li cazzi tui “. Defatti scoppiò ‘na guera civile che durò quattr’anni. Li senatori terorizzati, lo proclamarono subbito dittatore. Pompeo scappò prima in Albania, Cesare je corse appresso e se scontrorno a Farsalo. Lo fece nero, margrado Pompeo ciavesse più sordati e più cavalleria. Così Pompeo anniede in Egitto scappanno e lì morze pe’ mano de Tolomeo XIV,che pe’ ingrazziasse Cesare, jo’ffrì la testa de Pompeo su ‘n piatto d’argento; ma Cesare inoridito e incazzato, mise sur trono d’Egitto, indovinate un po’ chi? L’affascinante Cleopatra.-
- Ma professo’, allora è vera la storia che Cesare diede un par de botte a Creopatra…-
- Eh, ce fece puro un fijo. Da quer momento Cesare, divenne er padrone assoluto de Roma, ma no de Roma de adesso, ma de tutto l’impero Romano che commannava su tutto er Mediterraneo e anche de più. Fece un mucchio de riforme, molte a favore der popolo e de li schiavi, fece molte opere pubbliche e riformò puro er calendario. Proseguì anche la bonifica delle paludi pontine, cominciata dall’etruschi e finita, non der tutto, nell’anni passati da poco.-
- Fateme capì, professo’, ma si era stato così bravo, perché s’è ito a pijà trenta cortellate?-
- A Cencio, dimme un po’, un personaggio co’ tutto ‘sto potere, così bravo e capace, penzi che stia bene a tutti? Addirittura Cicerone, margrado che ne cantò le molteplici doti, je s’era messo contro. Poi quanno dichiarò a suo successore er fijo adottivo Ottaviano, i vecchi repubblicani pensorno:“ qui nun se esce più da ‘sta dittatura “ e allora jorganizzorno ‘na congiura contro, guidata proprio dar fijoccio adottivo Bruto e da Cassio. Je fecero la pelle proprio alle idi di Marzo der 44 Avanti Cristo, pressappoco er quindici de Marzo, co’ ‘na trentina de cortellate, c’è chi n’ha contate trentatre, ma chi lo sa? Doppo du’ anni da la morte, nu’ ce crederete,er Senato, quasi li stessi che aveveno messo in piedi la congiura, lo “ deificò “ praticamente l’hanno fatto diventà Dio, co’ tutto il rispetto e la devozzione dovuta agli dei, penza un po’... . Mò v’aringrazzio e ve saluto, s’è fatto tardi e ciò mamma che m’aspetta pe’ cena, signori arivederci e bòna cena.-
- Arivederci professò e grazzie. –
- Arivederci a domani professo’…-
- Ammazza Cencio, ‘sto Professore è proprio forte, a che scòla insegna?-
- A Cesere, che cazzo ne so, io nun l’ho visto mai lavora’ sta sempre qui e pija solo un quartino, sò che vive co’ la madre che pija cinquecento euri de penzione ar mese… de più, nun te sò dì….-
- Va bè, te saluto Cencio.-
- Ciao Cesere. –


FINE ( Gep© 2017 )




Share |


Opera scritta il 21/08/2017 - 00:19
Da Daniele Buratti
Letta n.618 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?