Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

STELLA CADENTE...
si dice sempre il l...
Storia di un seme...
Il velo del tempo...
Che nostalgia Obama!...
Al mio caro babbo...
Prendi il mio cuore...
Cavaliere errante...
A te...
E i pinguini non vi ...
LUOGHI DEL PAS...
Il rumore della risa...
Versi tersi....
Buone vacanze...
Zio Primo...
Ammonite...
L\' omino di latta...
Tu, la mia vita...
Senza armonia...
Una nota d\'amore...
Inverno...
Ormai è sera......
SCRITTURA AGOSTO...
Compleanno...
Un'altra vita mi ucc...
NEL CUORE DEL MONDO...
Il veliero...
L’uomo del buonumore...
Bella e lucente...
AMO LA SOLITUD...
CLOCHARD...
Tinte tenue...
Nuraghe Losa...
Per i veri amici, co...
Il Privilegio...
Torneranno a cadere ...
La corona di alloro...
Nell'azzurro...
Margherita...
Notte di rugiada e g...
La farfalla di Falco...
LUCE CREMISI...
Gladiolum detto di p...
Avere una mente calm...
MILLE E NON PIU’ MIL...
Polvere di farfalla ...
RICAMI...
HAIKU 15...
Baci casti...
Miseri resti...
Del Sole...
L'ironia della besti...
Trovano posto verso ...
Chi sa e finge di no...
Fiamma...
Soffermati...
Ma quanto tempo......
LA COSCIENZA...
Senza permesso...
Morire senza morte...
Silenzio dei pensier...
Marea...
La sera ad agosto co...
Livia...
La vita è un viaggio...
Bisso...
canzone triste...
Farfallina colorata...
Murales...
Parodia di Volare di...
Il mocio...
Il suo albero...
Con ottimismo...
ACQUA...
SATELLITE...
I promessi sposi del...
Agosto...
La notte nel mirino...
Nel mantello della n...
EMOZIONI...
DI DOMENICA...
Notte d'estate...
Quando ti ritroverò...
MARE RIME IN ...
30 Luglio 2022...
Artiste de rue...
L'amore sognato...
Lo sdraio a dondolo...
Violento temporale e...
Canto della Porta de...
Rosellina...
HAIKU 14...
La Luna ci è amica. ...
Taciturno (carmi)...
E piove così (con...
La terra è piena di ...
Era amore...
Il pupazzolaio...
Una notte jazz...
IN QUELLA TERRA DIME...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Effetto collaterale

Ero in una situazione tragica ma ignoravo come vi fossi finita. Non mi era possibile ricostruire gli eventi perché, atterrita com’ero, non avevo la lucidità necessaria per pensare e ricordare. Una cosa mi era chiara: ero con un gruppo di amici nella grotta di Montellalto ed ora mi trovavo, sola, in un anfratto roccioso umido e buio nell’assoluta impossibilità di muovermi e di capire cosa potessi fare per venire fuori da una condizione che mi pareva senza scampo.
Tastavo ripetutamente, con un accanimento disperato, il terreno intorno a me, in tutte le direzioni ma….niente... non mi ritornava nessuna sensazione che mi fornisse un’informazione o mi infondesse una speranza: solo un umore fangoso mi si attaccava alle dita che avvertivo appiccicose e maleodoranti, mentre dalla volta dell’angusta cavità in cui ero prigioniera cadevano, con una certa regolarità, gocce di acqua che mi bagnavano la fronte come sudore profuso.
Non c’era spazio per nessun altro pensiero: solo la certezza di essere prossima a morire occupava la mia mente. Alla morte avevo pensato spesso ma questa situazione era ben diversa dall’astrattezza delle riflessioni da me spese sulla nostra condizione di essere mortali, cioè “destinati” a finire. Qui, per me, l’evento si sarebbe consumato nella più grande solitudine e con modalità particolarmente tragiche: come fermare il battito impazzito del mio cuore, come vincere l’angoscia del terrore che invadeva ogni fibra del mio essere? Un tremito incontrollabile scuoteva il mio corpo mentre dalla gola, non governato dalla mia volontà, fuoriusciva un lamento flebile ma persistente.
Avevo immaginato o, meglio, paventato, tanti modi per uscire di scena: malattia incurabile, incidente automobilistico, assassinio, infarto, persino un’eruzione vulcanica ma questa fine non l’avevo mai considerata : terminare i miei giorni in un budello roccioso oscuro per aver inconsapevolmente smarrito la strada e perso i contatti con i miei compagni di gita…...e loro, che facevano loro mentre io mi dibattevo tra terrore ed orrore?..... Meglio concentrarsi su una preghiera che dare adito a risentimenti, per quanto giustificati…...certo, meglio pregare, chiedere perdono per il male commesso, sentirmi meritevole per quello ricevuto e perdonato, pentirsi per le parole non dette, rammaricarsi per quelle dette…….
Noooooooo…... gridare aiuto, aiuto, aiutoooooo...accasciarmi finalmente per sentire meno dolore, non opporre la resistenza dell’attaccamento alla vita per affrettare la fine, lasciarmi andare , rassegnarmi per non avere più paura, tendere le mani nella speranza impossibile che qualcuno le afferrasse…..anelare alla luce dopo tanta oscurità…….morire…. sì.…….morire…. ahhhhh…..morire……….
—Signora….…...stia tranquilla…….tenetele le mani…..non deve toccarsi gli occhi…….è agitata…...ma si sta già calmando………..è un incubo, sì, si tratta di un incubo, un possibile effetto dell’anestetico...
Sì, qualcuno mi reggeva con forza le mani…...mi aggrappavo ad esse fiduciosa ……..sentivo il respiro farsi più regolare, l’affanno placarsi……. c’era ancora buio intorno a me……ma finalmente sapevo dov’ero………….lo vedevo il chirurgo chino su di me ……….mi scrutava , mi osservava con insistenza………sembrava soddisfatto……….mi faceva domande, mi rassicurava: l’operazione riuscita mi restituiva la vista …………...ma io ero appena uscita da un inferno e mi sentivo ritornata alla vita……..come potevo spiegarlo?



Share |


Opera scritta il 29/10/2017 - 00:21
Da Aurelia Strada
Letta n.966 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Al mio risveglio ho trovato il tuo commento; è stato un bel modo di cominciare la giornata. Un saluto e un grazie di cuore. Aurelia

Aurelia Strada 31/10/2017 - 07:25

--------------------------------------

Un bel racconto, dove l'inconscio si fa protagonista, e l'abilità narrativa sfrutta il pathos, denso e coinvolgente, fino all'epilogo..

Francesco Gentile 31/10/2017 - 01:25

--------------------------------------

Grazia e Margherita vi ringrazio per i vostri commenti garbati e generosi e che mi sono giunti particolarmente graditi. Non c’è che dire ,i vostri nomi vi rappresentano. La grazia è bellezza, semplicità,finezza e Grazia le riversa in tutto ciò che pensa e scrive, margherita è etimologicamente la perla e Margherita ne ha tutto l’incanto,la delicatezza, la purezza che trasferisce nei suoi comportamenti e nelle sue opere.Vi saluto augurandovi una serena notte.

Aurelia Strada 30/10/2017 - 00:18

--------------------------------------

Paura anzi terrore,arrivano a chi legge la tua scrittura;l'inspiegabile esiste che sia dentro o fuori di noi...
Complimenti Aurelia
Buona domenica

Grazia Giuliani 29/10/2017 - 11:13

--------------------------------------

Un effetto collaterale che cattura per il tuo modo di saper raccontare, creando suspense ed emozione... alcune cose non si possono spiegare, accadono e basta!
Complimenti Aurelia e buona domenica

margherita pisano 29/10/2017 - 10:25

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?