Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il gioco dei dadi, c...
A sinistra del cammi...
HAIKU 7...
Non ti ho saputa tra...
Vademecum...
Risveglio...
Le stelle...
RICORDI DI PASSI...
Che asino!...
Come aria fresca di ...
Ti amo...
La fantasia...
NON E' TANTO FACILE...
Il MIO UNIVERSO...
Per un soffio di ven...
Alba a Milano...
Nuova storia...
BOCCHINO NON PORTA P...
Tutte le forme d'art...
Dobbiamo imparare da...
Amarcord del Cavalie...
Racconto poetico… di...
Specchio...
IRA...
Disagio....
Pensiero...
Pensieri che svolazz...
Il mago delle monete...
NUVOLE BIANCHE...
IL VIAGGIO DELLA...
Il mercataro intelli...
Il mio sogno...
IL SEGRETO DI NIMUE ...
L'amore cos’è?...
La Befana di Barbane...
GALAVERNA...
Ho guardato le stell...
Ospiti...
Attimi di cielo...
La natura è come una...
Sorriso e pianto...
La nostra vita è abb...
Psicologia...
I Poeti...
Riflessi di luce...
Domani...
DI QUEL VOLTO...
Celeste vs Monica: L...
LA MIA FAVOLA ...
la scelta è l'illusi...
Parole oltre...
Il pellegrino...
La dolce felicità de...
Cerulo...
Non piacersi più...
IL PASSEROTTO SMARRI...
Era il tempo dei gio...
Talvolta in flashbac...
C'è in alcuni un pre...
OROLOGIO ASSASSINO...
Il vento e il merlo...
SCORRE...
Amore tossico...
Questo inverno...
CREDERE E PERDON...
Migrante....
Lettura...
Stupefacio (fuori co...
IL SOLE DI INVERNO...
L\' albero della vit...
La tennista...
Ti penti...
Sono di nuovo qui...
Qualcosa di bello...
Ruderi...
Fantasmi, contadini,...
RE DEI DEMONI ......
Bailando...
Ombre della sera (co...
LA MENA DEL VEZZA...
Ricami di luce...
Così dopo un po' si ...
Dopo un\'alba...
PICCOLO...
È successo qualcosa...
Tra guerra e pace...
ABBRACCIAMI CON ...
Ho chiesto al silenz...
Il volo della capine...
Sospesi...
Cipria (sottotono ca...
LA PECORELLA SMARRIT...
Il sogno (concorso p...
La Stanza Vuota...
Il vestito verde...
PASSATO, PRESENTE, F...
DAL DROGHIERE...
Epifania...
I TEMPI PASSATI...
Memorie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

CAPRI

Sfuma l'arancio sul mare
tra onde lontane:
è la morte di un sole
che ha vinto tempeste,
è l'inizio di una notte
che viene dal mare;
lentamente un gabbiano
si posa su una musica
poco ortodossa:
quasi un silenzio
mosso da vibrazioni
pulsanti nell'aria;
psichedeliche follie
di anime che girano
su una giostra senza sosta.
La vita lì,
in quei luoghi
procede e fugge via,
come battiti di un tempo
che corre, e non ce n'è!


Tra la gente, questa sera
solo non procederò!
Mille occhi lì a guardarmi:
non me ne interesserò!
E la luna da lassù
a sorridermi sorniona,
con occhiali da Blues Brothers
e un'autentica pazzia.


I gabbiani girano in cielo
...cantano per non morire...
...cantano per annunciare le stelle
e disegnare le traiettorie della luna.


Nella piazza del paese,
tanta gente a rimirare
i profumi di una notte:
gelsomini e fantasia.
Una luce all'orizzonte,
un'onda che rosseggia,
un telo steso, blu:
e due piedi sovrapposti.


Capelli che risuonano
e nuvole insabbiate,
risate prorompenti
e lucciole da strada.
Benvenuta, era ora!
Una canna pescatrice
a metà tra di un viaggio
e una stasi infinita.


Sorrisi incerti, spontanei,
a volte forzati
colorano
una grigia quotidianetà.




Share |


Opera scritta il 30/11/2010 - 18:09
Da Manuel Miranda
Letta n.1444 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?