Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
Quietudine...
La Rosa profumata...
Preghiera 2...
LETTERA D' AMORE...
Sul filo dei sensi...
È SEMPRE MEJO ‘NA BO...
È come trovarsi un g...
SBAGLIARE ANCORA...
Sento lontano un rum...
Versi ribelli...
ALLA FINESTRA...
L'odore della pelle...
Città e paesi...
Quattro poesie picco...
Conforto...
La Droce...
Tutto è bello...
Quattro passi in cro...
Un silenzioso tramon...
Assentarsi....
Il Poeta...
Brescia Mia!...
HAIKU M1...
Dal salotto al soggi...
Verso l'alba...
Sedoka 10...
La Stanza Rossa (per...
1968... l'amore libe...
SUPPLICA A MARIA...
Oppressione...
Un cielo così non è ...
Abbracciami...
PER ASPERA AD ...
Ho fatto un sogno st...
Silenzioso...tempo...
LA NOTTE SVANISCE...
La coccarda tricolor...
ALBA CHIARA...
se tu non ci fossi...
Il figlio della luna...
Grunding...
La veste dell'anima...
…in cerca di titolo...
La nuova strada...
Vorrei ma non posso...
LE MASCHERE...
L'amore non era per ...
Lo steccato...
Il bagatto...
Marzo...
La maestra innamorat...
TERRA - VITA...
Solitudine...
In sospeso...
Ella è bella...
HAIKU L1...
.L'aeroplanino di ca...
La morte dell’Etica...
Sylvia Plath, non so...
Un piccolo spiraglio...
BASTÒ NIENTE...
La quarantena...
Non guardarla...
Pensieri contorti...
PASSIONE IRREALE...
Pazuzu...
SE CHIUDO GLI OCCHI....
alllodole...
TankaVirus 33...
haiku 44...
PANDEMIA...
Non suona primavera...
Vita der vicolo...
I fiori della primav...
Lasciatemi il tempo ...
Desideri...
Haiku n°13...
Trasparenze...
Il muro...
Noi...
Correva l'anno 1956,...
Non so quando torner...
Al vento, non c'è al...
Uomo...
Ho voglia di...
Fiori di carta...
Alberi come pensieri...
Come sei triste...
SERALE PARADOSSO...
Straordinario...
Logica follia...
Realtà...
La pace che stupisce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ammainate le fruste vele

Ammainate le fruste vele
raccolto sartie e stralli
attraccato a una gomena
è il veliero della vita
che acqua imbarca da ogni lato;
di aggiustamenti alla chiglia
o alla carena ne abbiamo fatto tanti
or increduli pur siamo qui
in uno specchio d'acqua morta
a chiederci se poi infine
sia valsa la pena tenerlo a galla.
Eh si! il fasciame è troppo marcio
e l'affondare è solo un attardarsi
che a mala voglia si rinnova.
Nella volubilità dell'accadere
senza croce né fede
sciabordammo tra flutti
di presente passato futuro
fossimo a babordo o a tribordo
poco o niente mai limpido si mostrò
al limite dell'orizzonte fatuo
a noi marinari attoniti
testimoni di gommoni e affondi
e mai invidiosi di regate
traversate e navi da crociera
che ostenti su azzurre pagine
disegnavano strie di illusioni.


Si annerirà del tutto il cielo
infurierà una burrasca prima o poi:
esausti e vinti, relitti inerti
tra le fauci del gorgo spariremo.
Più che mai oggi sappiamo
che quanto conoscemmo o farneticammo
-tinto di ottimismo o pessimismo-
fu appena una goccia d'acqua
e l'oceano ciò che ignorammo,
che nell'oscurità dell'abisso
ineluttabile affonda e si silenzia
senza senso ogni vita vagheggiata.
Si, anche dalla stiva buia
sentivamo o l'avevamo intuito
che pur se non si mostrava
a pochi passi la morte volteggiasse
che balordi sarebbero finiti i colloqui
gli screzi e le schermaglie con le ombre!




Share |


Opera scritta il 02/09/2018 - 18:14
Da Angelo Michele Cozza
Letta n.341 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Di spessore
Molto bella seppur nel suo pessimismo

laisa azzurra 03/09/2018 - 15:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?