Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mese d'Agosto...
L'estate che vorrei...
L' autoritratto...
Fragole...
In punta di piedi...
Tanka...
I binari...
Del tramonto ne fann...
Il peggior danno che...
Il fiore della felic...
Certi pensieri...
LE POESIE NASCONO da...
Canto di dove esiste...
Ombre...
MADONNA INCORONATA...
Sputacchio...
La materia cosmica s...
L\'anima mia è nuda...
NELLA CASA DELL EMPI...
Transumanza...
Certi momenti......
Lo sbaglio di una ro...
Da quell’ultimo (mio...
Nel silenzio ritrovo...
Haiku (1)...
Cammino...
Il temporale...
San Lorenzo...
Vorrei essere un gla...
Meditando...
SICCITÀ...
Sentenza planetaria...
ONDE...
Il denaro è quella c...
La nuit de Aimèe...
Mezza estate...
Acqua 8...
SACCO A PELO...
Lettere filanti...
STELLA CADENTE...
si dice sempre il l...
Storia di un seme...
Il velo del tempo...
Che nostalgia Obama!...
Al mio caro babbo...
Prendi il mio cuore...
Cavaliere errante...
A te...
E i pinguini non vi ...
LUOGHI DEL PAS...
Il rumore della risa...
Versi tersi....
Buone vacanze...
Zio Primo...
Ammonite...
L\' omino di latta...
Tu, la mia vita...
Senza armonia...
Una nota d\'amore...
Inverno...
Ormai è sera......
SCRITTURA AGOSTO...
Compleanno...
Un'altra vita mi ucc...
NEL CUORE DEL MONDO...
Il veliero...
L’uomo del buonumore...
Bella e lucente...
AMO LA SOLITUD...
CLOCHARD...
Tinte tenue...
Nuraghe Losa...
Per i veri amici, co...
Il Privilegio...
Torneranno a cadere ...
La corona di alloro...
Nell'azzurro...
Margherita...
Notte di rugiada e g...
La farfalla di Falco...
LUCE CREMISI...
Gladiolum detto di p...
Avere una mente calm...
MILLE E NON PIU’ MIL...
Polvere di farfalla ...
RICAMI...
Baci casti...
Miseri resti...
Del Sole...
L'ironia della besti...
Trovano posto verso ...
Chi sa e finge di no...
Fiamma...
Soffermati...
Ma quanto tempo......
LA COSCIENZA...
Senza permesso...
Morire senza morte...
Silenzio dei pensier...
Marea...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il libro della vita

Il libro della vita


Jacopo è fermo davanti a un negozio e non si decide a entrare. Persone ce ne sono, che camminano avanti e indietro, alle sue spalle. Lo sfiorano. E Jacopo sta fermo, tormentandosi le mani, le dita delle mani. Le dita dei piedi. Ciondola. Cosa deve comprare? Quasi non se ne ricorda.
Ma Jacopo, in realtà, non deve comprare nulla. Il negozio di libri che ha di fronte appartiene a sua madre, che non vede da trent’anni, persa nel tempo di un giorno qualsiasi. Aveva dodici anni quando una mattina, mentre la madre era in ospedale, suo padre , raccolte poche cose, lo prese per mano e lo portò lontano, in un Paese dove non parlavano la stessa lingua: gli disse solo che la mamma non voleva stare con loro e aveva scelto un’altra vita ma..era accanto a suo padre che viveva un’altra donna con due bambini piccoli.Gli ultimi ricordi erano di un immenso dolore da sopportare e di una febbre che lo colse e lo lasciò in coma per un mese. Al risveglio non ricordava quasi più nulla della vita precedente e ne cominciò una nuova con tanta fatica. Un po’ per la lingua e un po’ per quel vuoto che sentiva tormentarlo ogni giorno, si chiuse completamente in sé. Il primo anno fu terribile ma la scuola, gli scout, i giochi di bambino, poco alla volta riempirono di nuovo la vita: unica differenza era che lui non chiamava nessuno “mamma” perché la sua non lo voleva, non sapeva dove cercarla e aveva pochi ricordi di lei, quasi nulla!! A quarantadue anni Jacopo ha un lavoro tranquillo, non si è sposato, anche se ha lasciato la casa della famiglia del padre, preferendo vivere da solo ed, ora, è davanti alla porta di quel negozio, sudato fradicio, senza sapere che fare. Solo per un caso fortuito, qualche anno prima, aveva incontrato un amico da bambino, la cui madre era in contatto con la sua. Gli raccontò molte cose, dandogli l’indirizzo, ma soprattutto che anche lei lo aveva sempre cercato. Fu così che cominciarono i sogni, la notte, poco alla volta: un sorriso dolce, abbracci che abbracciavano tanto e baciavano tantissimo, mai più sentiti addosso, i giochi di lotta sul lettone, l’insegnare ad andare in bicicletta e a nuotare o ascoltare per ore lei che gli leggeva libri bellissimi. E poi c’erano dei nonni e uno zio che lo facevano ridere..Ovunque avesse bisogno, lei c’era..era lì, pronta a difenderlo come a rimproverarlo quando ne combinava qualcuna. Ma, allora, come poteva non averlo più voluto? Tutto quell’amore, per chi? C’era un mondo spezzato in due dentro Jacopo e non collimava. Quando decise di andare da lei non sapeva chi avrebbe trovato e ora, entrando dalla porta di quel negozio con le mani tremanti, sapeva avrebbe avuto tutte le risposte. Trent’anni sono tanti ma quando l’anziana signora si gira a guardarlo, gli occhi sono gli stessi di entrambi. Avrebbero avuto tanto tempo e lacrime per raccontarsi ma , ora, lei gli dice solo:”..finalmente sei tornato!! Nella mia vita mancava il libro più bello…quello di Jacopo!!”




Share |


Opera scritta il 15/11/2013 - 17:58
Da Silvia Ferrari
Letta n.1065 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?