Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Quando ti vestivi co...
TRAMONTO...
Così...
Il bambino Dawn...
Non posso restare....
UN OTTOBRE NORMALE...
L'impervio sentiero...
Un'altra battaglia...
Fiabilandia...
Trasparenti sembianz...
IL FUOCO...
Filastrocca dello st...
Ipnosi...
Presenza....
Riflesso...
Dedica...
HAIKU B...
IL SORRISO DEL TRAMO...
CONTINUO A SOGNARE...
Guardando il cielo...
Il mare - Il progres...
Cuore d’ippocastano...
Cosmo sfiorito...
Passaggi...
Gianny Mirra...
Un Marinaio...
Dolce...
Mia Luce, mie tenebr...
L’interrogativo del ...
BOCCA A BOCCA...
Il mattino...
Prospettiva...
sbarre...
Cerca altrove...
Giorni senza cuore...
PASSERÀ...
Non era il tuo volto...
Scusa lo sfogo...
La risata del picchi...
Il pilota dei sogni...
le violette...
Pescherecci...
Appennino...
Terra...
Miriade di stelle...
AMORE PERDUTO...
Tanka 27...
Lungo una strada pol...
15 febbraio...
DISLESSIA...
Anche i virus hanno ...
COME I CAVOLI A MERE...
Amore unico...
La vita fuori...
Percezione...
Per sempre....
Il nostro amore è fi...
Barzellette in narra...
Bonsai...
RICAMI D'AMORE...
Pozza, anima e nudit...
Te lo dico in poesia...
CHISSÀ...
Il 14 febbraio si fe...
Il bacio del beccacc...
Veramente felice...
Tamburi...
Per te...
Di notte...
Ti conosco...
Provocatorio Dadaism...
IL CAMPO DI GRANO...
Solitario...
La giostra delle fia...
Momenti di vita...
La fine...
Angeli forse...
specchio...
Tempo di mietitura...
Confusione...
Renoir...
Il ballo delle cento...
Un cielo increspato...
Vita...
le persone si conosc...
Brume sparse...
La bellezza...
Sei tu amico mio...
Il mare...
Traccia...
Il cantastorie di fa...
C era in Te...
Confine...
HAIKU A...
D'un tratto (espansi...
Autunno...
Erto e Casso...
Ti chiedo gentilment...
MUOIONO I MARI...
Metafisica...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Alterata coscienza

L'abbraccio più non sento
del ramo della vita
che mi stringeva a sé
come la madre
il proprio figlio al seno



il ticchettio della pioggia
o il soffio della brezza
lieve come un respiro
o una tenera carezza.


Più non m'è dato udir
dell'usignolo il canto
d'ascoltarlo amavo tanto,
il rinsecchito nido
ora osservo affranto.


L'abietto tempo passa
ed io qui all'addiaccio
estraneo all'erba aulente
col corpo inerte giaccio


al cielo senza più il sole
lo sguardo mio volgo
mentre lento affondo
nel limaccioso fango.


Vedo prati verdi
immensi, senza confini,
odori di alberi in fiore
né freddo né dolore.


Nel mio stato
d'alterata coscienza
dello spazio infinito
della luce, del silenzio
ora avverto l'essenza.




Share |


Opera scritta il 17/04/2019 - 16:15
Da Vincenzo Cassano
Letta n.189 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Particolare e originale!!!

Maria Isabel Mendez 18/04/2019 - 00:54

--------------------------------------

Bella!

Grazia Giuliani 17/04/2019 - 18:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?