Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La vera gentilezza c...
Il mondo a quote più...
Fobia...
Quando ognuno fa que...
La Coccinella...
Cento anni...
HAIKU 11...
Grotte...
Non ascoltiamo quell...
Finzione (Anglicismi...
PULIZIE EXTRA...
Afflato di luna...
L\'uomo che conobbe ...
Il mio sogno...
Illusioni...
L'ITALIA DEI FURBETT...
In pensiero...
L'ora del corvo...
Balconcino...
CALA LA NOTTE...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Due universi...
Una piccola malincon...
Je...
Milos tra le braccia...
Silenzio assordante...
Scrivo di getto...
Ortensia Selvatica...
Eccomi amore......
Distratta...
Ancora sorridono i f...
PETALI...
L\'uomo che conobbe ...
Il faro...
NOTTI IN PRESTITO...
MADRE MIA DOLCISSIMA...
IL CONOSCENTE PIACIO...
LA FELICITA' VIE...
caro Mango...
ROGER...
Cieli silenziosi...
Infinita luce (conco...
Note diverse...
I SUOI OCCHI COME UN...
Destino...
Cullami o mare...
Compendio universale...
In bilico...
La mia amica Martina...
LA VIA DEL CIELO...
Tra le figlie di Net...
DOLORE...
Il dolore degli altr...
Lucente D'amore...
Donna... e...
L'egocentrica a teat...
Canto di lei...
Piccolo soldato...
L\'uomo che conobbe ...
Giaggioli...
E sei sempre lì...
QUADRO DI BOTTICELLI...
Il Timido Gheppio...
Essere se stessi..ri...
IL SOLE AL TRAMONTO...
LA TEMPESTA PERFETTA...
Cartolina...
Vestita di nero...
I misteri dell\'abba...
L'unica creatura...
Tu, Alato Amorino...
Brucia la terra...
La dolce compagnia...
Lei, ride amara dei ...
La partigiana...
Rosengarten...
Dillo un'altra volta...
Intenti d'amore...
Bianco e nero...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Silvestre...
APRI IL CUORE...
La rosa...
Il calamaio di latte...
UN FIORE RECISO...
Eppure...
Tace il silente tigl...
PASCIUTI TARLI...
Musa in prestito (a ...
Nei righi...ti ritro...
MILKY CUCCIOLO...
A Mia Madre...
Il mio destino è il ...
AL MARE IN LIGURIA...
La paura della morte...
Tra un rigo e l'altr...
Poesie di gioventù...
La colazione (prosa ...
Haiku 12...
LA TRAPPOLA RUSSA. ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Il galeone sommerso

Una grossa medusa luminosa si diresse lungo il ponte, i suoi tentacoli elargivano lenti colpi all'indietro, portandola a destreggiarsi con facilità all'interno del relitto di un galeone, il quale ai tempi che furono doveva essere stato veramente imponente nonché adatto per affrontare lunghi viaggi e battaglie nei mari.
Tra le alghe e il legno marcio, la luce verdastra del celenterato appariva come una specie di lanterna. Si introdusse per le scale, per poi gradualmente giungere nella stiva, portando riverbero su una sbrindellata uniforme blu, indossata da colui che funse da comandante. Lo scheletro, nell'ossuta mano stringeva un’antica Wildmann, utilizzata secoli addietro per porre fine alla sua esistenza. Il planctonico marino proseguì lungo un corridoio in direzione di una modesta cabina, avente una brandaccia, un tavolo e una sedia, seduto al quale stava un solitario fantasma assorto nel dolore della sconfitta.



Share |


Opera scritta il 20/06/2019 - 09:07
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.602 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Grazie Maria Isabel, pur passando da un argomento all'altro, i testi introspettivi e soprattutto quelli di natura autobiografica restano il mio forte. Su quest'ultimo genere in particolare è come giocare in casa, e quindi secondo un mio modesto parere uno scrittore per mettersi alla prova in maniera concreta deve cimentarsi principalmente col fiction.
Vabbè che poi alla fin fine scrivo quello che mi ispira. Mi ricordo il 2017... l'ondata di racconti di autobiografici. Quanti ne scrissi!

Giuseppe Scilipoti 02/07/2019 - 19:17

--------------------------------------

Bellissimo, sei molto bravo, passi da un argomento all'altro con naturalezza e poi c'è sempre la sorpresa finale... complimenti!!!

Maria Isabel Mendez 20/06/2019 - 23:43

--------------------------------------

Riguardo il mio mestiere cioè quello dell'Oss l'ho scoperto tardi e mi sta dando soddisfazioni sebbene fare lo sceneggiatore e soprattutto il regista e l'attore era ed è il mio sogno segreto. Avrei voluto studiare cinema al Dams di Roma ma purtroppo dopo il diploma di liceo i miei genitori non mi hanno voluto aiutare e di conseguenza seguire la mia "causa" in quanto asserivano l'inutilità del mio progetto. A distanza di molti anni... hanno ammesso in un certo senso la loro "colpa".

Giuseppe Scilipoti 20/06/2019 - 13:34

--------------------------------------

Grazie Santa, tra lavori autobiografici e introspettivi, di tanto in tanto do spazio alla mia fantasia. Ho sempre avuto il fascino dei galeoni, dei pirati, delle cannonate, delle isole del tesoro. Non per questo Emilio Salgari è il mio scrittore italiano di romanzi d'avventura preferito.
Giusto per sottolineare ancora: stavolta sono voluto andare in "fondo" sebbene con un testo breve ma come hai già capito quasi sempre adocchio questo marchio di fabbrica, ovvero nel mantenermi sul misurato.

Giuseppe Scilipoti 20/06/2019 - 13:32

--------------------------------------

Wuauuuuu...hai saputo creare con maestria l'effetto suspance, si che oltre alla fantasia hai anche una tendenza cinematografica, che ti porta ad amare e alla minuziosa attenzione per i dettagli. Secondo me tu non dovevi fare il OSS ma ti dovevi buttare nella regia. Comunque sei ancora in tempo, sei così giovane. A parte tutto complimenti, sei bravissimo.

santa scardino 20/06/2019 - 12:33

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?