Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Come la neve...
Come eravamo...
TUTTO CAMBIA......
Milano sospesa...
Stanotte t'ho sognat...
Fierezza...
Parla con lui...
SENRYU 2...
Una questione di pro...
Profumi......
Notturno...
POPOLO BERGAMASCO...
Sole d'aprile...
De Passione Domini...
Il profumo dell'amor...
A un uomo che non vo...
Negazioni...
Fai bei sogni...
Innocente Panico...
Non ero un ladro...
RIFUGIO...
Brindo alla vita...
I pulcini... pirotti...
IL FUNAMBOLO...
Eravamo felici e non...
Haiku F1...
Terresti? Puah!...
SEI TU IL TUO DIO...
Nonostante il mio do...
Leggère tra le rive ...
LUCE SU UN VICOLO CI...
Varia umanità...
Puntate precedenti...
Dietro il davanzale...
I tuoi occhi...
STANOTTE...
MANDALA...
Decisioni difficili ...
3 righe. È una st...
ANGELO E DEMONE...
Come droga...
Quattro miliardi di ...
Sono aerei...
Tanka 2...
Cambierò nome alla f...
Genitore professione...
NON POSSO...
Emozioni...
INCONTROVERTIBILE...
Oh mare...
Italia credici...
Nel segreto incanto...
haiku 45...
Ho con me il silenzi...
sole primiverio...
A te amore mio...
Alberi...
Il Robin Hood delle ...
Le fatine, erbe dei ...
Quarantena...
Non vedo...
APRILE(acrostico)...
Il Tu poetico...
Ostaggi di un virus...
Ella vien ver me...
Primo aprile...
Pinocchi....
ESSERE ALLA RICERCA...
TRASCURATA PRIMAVERA...
haiku...
Street Art...
Irraggiungibile mare...
L' AMORE IN UNA B...
Caduche fiammelle ac...
La via della speranz...
Haiku 70...
PANTA REI...
Verranno gli anni po...
La Pavane...
Creatura mia...
Tornerà la Vita......
Giocano i bambini su...
Mi accontento...
Sono un Albero...
Le stagioni umane...
SOSTENZA E APPARENZA...
UN'ETÀ PER TUTTO...
Italia nera...
.Gabbiani....
UOMINI RICCHI...
Similerso...
Stracchino e cetriol...
Solo un sogno...
Ognuno...
Scrittura di gennaio...
il mio spazio...
Di miei Alberi,framm...
L'albicocco e la not...
Il governatore della...
LO SFOGO DI UN ARTIG...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

SPLENDENTE SPLENDORE

Ho fatto a pezzi
un'esistenza,
per capire come fosse.
C'ho guardato dentro:
non ho trovato un granché.


Così ne ho spaccata un'altra,
anche quella
senza consistenza.
E poi tre, dieci, cento,
ma nessuna mi ha spiegato
il meccanismo che la gira.


Io non capivo,
ma vedevo di là.
Mondi contorti
camuffati da nulla;
parti scartate
di bambole antiche.
Sfavillavano di mille colori,
dentro ai miei occhi
venivano vivi.
Ed ad ogni coscienza
raccontavo il mio abbaglio.


Qualcuno m'ha detto che non si fa,
ma il mio occhio voleva trovare.
Qualcuno ha pianto,
ma non li ho costruiti io
questi due agenti.
Qualcuno m'ha odiato
perché non si profana
la dimora d'altri,
ma io non riuscivo a non scrutare.


Così ho concluso
che se non potevo vedere,
potevo non sapere.


Quell'occhio bastardo
l'ho cavato dal buco,
c'ho messo una gemma
che riflette le stelle.


Qualcuno m'ha detto
ch'ero splendente.




Share |


Opera scritta il 27/08/2019 - 18:06
Da Being Human
Letta n.204 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Forte, molto piaciuta

Maria Isabel Mendez 27/08/2019 - 23:00

--------------------------------------

Questi occhi, agenti di una mente molto profonda.
Forse bisognerebbe spegnere il mandante per smettere di cercare... e non sono certo che sostituirli con due gemme sia l'epilogo definitivo di una mente così illuminata.
Amo molto la tua poetica.
Sono contento di rileggere qualcosa di tuo.
Grazie.
mf

Michele Facchini 27/08/2019 - 22:46

--------------------------------------

Molto forte e dirompente.Anche se non so se l’ho del tutto compresa,devo dire che mi ha catturato.

Anna Maria Foglia 27/08/2019 - 20:17

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?